E’ nato prima babbo o papà? Ecco che cosa dice l’Accademia della Crusca

Quale termine è più corretto usare? Le due voci hanno storie e origini diverse: la Crusca ha sciolto i dubbi

Qualche tempo fa, l’Accademia della Crusca ha pubblicato una nota interessante per rispondere alle domande di molti utenti che chiedevano se fosse più corretto il termine “papà” oppure “babbo”, molto usato in toscana e le regioni del centro, e quale dei due termini fosse nato prima. Matilde Paoli, della Redazione Consulenza Linguistica dell’Accademia della Crusca ha cercato di sciogliere i dubbi. “Accanto a padre, voce solo denotativa che indica ‘uomo che ha generato un figlio, considerato rispetto a quest’ultimo’, l’italiano comune attuale dispone di due forme familiari affettive usate soprattutto come allocutivi: babbo e papà”. Le due forme non solo sono nate in epoche diversi ma hanno anche origini geografiche lontane. 

Leggi anche: Un papà maker traveste la sedia a rotelle da Halloween, e col crowdfunding vuole darla a tutti i bimbi

papà

Babbo, papà, tata, atta, mammà…

Babbo e papà sono risultati i termini “vincitori” tra le molte varietà locali “in cui ancora nella prima metà del secolo scorso dominavano i derivati dal latino patrem contrastati da babbo diffuso in Sardegna, Toscana, Romagna, Umbria, Marche e Lazio settentrionale, oltre che da tata, in Lazio, Abruzzo, Puglia settentrionale e Campania, e atta in Puglia, Basilicata e Campania meridionale. Anche papà, benché a fianco di altri termini, era già diffuso in Piemonte, lungo la valle del Po, in Veneto, a Roma, in Umbria e nelle Marche”.

Le sillabe dell’infanzia

Entrambi i termini papà che babbo sono forme appartenenti all’infanzia: come anche mamma, non sono altro che la ripetizione della sillaba con consonanti bilabiali (p, b, m), le più facili da pronunciare. Ma qui cominciano le differenze: mentre babbo sarebbe una forma nata in Italia, papà, spiega la studiosa della Crusca, “è un francesismo, di cui si trovano tracce già nel XVIII secolo per il veneziano e, nella variante pappà, appare già usato nel XVI secolo da un autore toscano, Pietro Aretino”. Proprio per questa differenziazione, mentre il termine babbo compare dalla prima fino alla quarta edizione del Vocabolario degli Accademici della Crusca (quindi dal 1612 in poi), del termine papà i letterati non parlano.

Dalla Francia all’Italia

Il termine si stava comunque cominciando a diffondere, e nell’800 se ne comincia a scrivere, spesso in modo dispregiativo: molti consideravano come termine “alto” la parola “padre” e come termine infantile “babbo”. La parola papà, invece, suonava a molti solo come uno scimmiottamento dei francesi. Nel 1905 la parola è finalmente accolta da Alfredo Panzini nel suo Dizionario moderno: “Mammà e papà non piacciono ad alcuni puristi, e sono ritenuti per gallicismi. Storicamente ciò è sicuro; ma queste voci hanno anche tal valore onomatopeico da diventare accettabili ovunque”.

A Natale vince il Babbo

Oggi il “francesismo” papà è la scelta più condivisa, mentre babbo si configura come un regionalismo. “Caso toscano a parte – spiega Paoli – ne sono testimonianza alcune espressioni ormai molto diffuse come figlio di papà, aspirante papà, neopapà, festa del papà, seguire le orme di papà, le cui alternative, per quanto possibili (tranne nel primo caso), hanno una diffusione (almeno stando alla rete) decisamente più ridotta”. C’è un’eccezione: babbo Natale. La prima versione è molto più usata, anzi babbo Natale è Il Babbo per antonomasia. “Non è detto però che ciò sia da intendersi come un sintomo di vitalità del termine: è più probabile che sia una sorta di specializzazione, un insolito percorso dal nome comune al nome proprio…almeno fuori di Toscana”. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“Ho costruito una stampante 3D per la libertà dei miei figli”

Lettera di un papà che racconta come una stampante 3D abbia svegliato la creatività e la voglia di fare dei propri figli. E dell’importanza che questo strumento può avere nei contesti scolastici

L’asilo dove ai bimbi si parla inglese e francese (e si cucina, e si suona pure l’ukulele)

The Living School è la scuola d’infanzia dove i bambini sono immersi nell’inglese e nel francese, coltivano l’orto, imparano a suonare gli strumenti e ad apprezzare l’arte. Tutto prima dei 6 anni

Un papà maker traveste la sedia a rotelle da Halloween, e col crowdfunding vuole darla a tutti i bimbi

Ryan Weimer ha realizzato un costume per Halloween che includeva anche la sedia a rotelle di suo figlio. L’idea ha avuto successo: Weimer ha fondato una non-profit ed ha raccolto 25 mila dollari su Kickstarter per realizzare i costumi e donarli ai bambini

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito