La letteratura del ‘900 è tutta in rete, con l’Atlante digitale

L’Atlante digitale del ‘900 letterario è un progetto sperimentale finanziato dal Miur per offrire agli studenti uno strumento di consultazione a portata di clic

Nomi di autori, luoghi e opere fluttuano in una cloud-word, una nuvola di parole fatta a forma di globo. Cliccando su una voce appaiono i nomi degli autori. Ogni autore ha la propria foto, la biografia, le citazioni, la vita e le opere. L’Atlante digitale della letteratura del ‘900 è un progetto di sperimentazione didattica finanziato dal ministero dell’Istruzione per coinvolgere gli studenti in un viaggio nella letteratura del secolo breve. L’Atlante è stato avviato il 1 febbraio 2016: capofila del progetto è il liceo classico Virgilio di Roma e il referente è Carlo Albarello.

atlante

Scopo e spirito del progetto è quello di diffondere la letteratura e gli autori, ma non solo: c’è anche un archivio (in fase di realizzazione) con altre voci dell’editoria. L’Atlante digitale del ‘900 ha anche un profilo twitter.

La rete interregionale delle scuole che si sono unite per dare vita all’Atlante è formata da varie scuole: il liceo scientifico E. Fermi di Cosenza, il liceo classico A. Moro di Praia a Mare, il liceo scientifico Cavour di Roma, il liceo classico U. Foscolo di Albano Laziale, e poi gli altri licei romani: il Lucrezio Caro, il classico Giulio Cesare, lo scientifico Peano, il classico Quirino Visconi e il Socrate. Nel network anche il liceo scientifico V. Volterra di Ciampino, il classico F. Stellati di Fabriano e il Tito Livio di Padova.

Ti potrebbe interessare anche

“Salviamo la cattedra di greco!”. Così un liceo di Londra chiede aiuto al web

La Camden School for girls è considerata l’ultima scuola pubblica non selettiva del Regno Unito a insegnare il greco. I tagli ai fondi, però, hanno indotto l’istituto a cancellare le lezioni. Docenti e studenti si sono mobilitati per salvare il corso, con una raccolta fondi

“Twitto la letteratura e assegno compiti di coding per Natale: la mia vita da animatrice digitale”

Intervista a Stefania Bassi, animatrice digitale e maestra elementare a Roma: la sua scuola è tra i vincitori del concorso del Miur per il Piano Nazionale Scuola Digitale

Dallo scientifico alle finali delle Olimpiadi di italiano: “Devo alla mia prof l’amore per le lettere”

Alessandro Carrara, studente del liceo scientifico “Tosi” di Busto Arsizio, è il finalista col punteggio più alto tra i dieci che il prossimo 18 marzo si contenderanno il podio delle Olimpiadi di italiano

Cosa vuol dire fare una «startup» per il digitale a Palazzo Chigi

Il nuovo Commissario del governo per il digitale e l’innovazione Diego Piacentini ha aperto le candidature per il nuovo team, dicendo di voler creare una sorta di «startup» all’interno della Pubblica Amministrazione

Copenaghen, la prima città al mondo a emissioni zero

La capitale danese punta entro il 2025 a far spostare il 50 per cento dei suoi abitanti in bicicletta e a produrre energia pulita attraverso le biomasse. Tutto in un contesto urbano moderno e iperconnesso

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»