Dopo PayPal, Elon Musk inventa la scuola “stellare” dove bimbi di ogni età studiano insieme

L’imprenditore visionario ha aperto una scuola dove i bambini non sono divisi per età e il programma di studio si adatta alle attitudini di ogni studente

Tra macchine elettriche, treni superveloci, razzi e viaggi spaziali, Elon Musk, l’imprenditore più visionario al mondo (PayPal, Tesla, SpaceX), trova il tempo di occuparsi dell’educazione dei suoi figli. E lo fa a modo suo. Preoccupato dall’insegnamento che i suoi bambini (cinque figli, un parto gemellare, i primi due, e una gravidanza trigemellare gli altri tre: Griffin, Xavier, 9 anni, Damian Saxon e Kay, 7 anni) ricevono a scuola decide di toglierli da una costosissimo istituto di Los Angeles per portarli nella scuola di sua invenzione. Si chiama “Ad Astra”: il nome è tutto un programma.

Leggi anche: Dentro la scuola di Tilda Swinton: niente esami né verifiche, tenendo il banco più lontano possibile

elon

 Cosa fai quando non ti piace la scuola dei tuoi figli?

Al massimo vai a lamentarti dalla preside, litighi con gli insegnanti e metti tuoi figlio in un altro istituto. È il percorso che prova Elon Musk. Tuttavia, l’imprenditore da 14,3 miliardi di patrimonio, reduce dal suo ultimo successo, non trova da nessuna parte quello che cerca. Una scuola veramente innovativa. I suoi figli frequentano la Mirman School di Los Angeles, un istituto esclusivo per piccolo geni, ma non basta. Le logiche di insegnamento gli appaiono vecchie e non al passo con i tempi. Allora cosa fa? Inventa una sua scuola con le sue regole, quelle di un uomo che trasforma tutto quello che tocca in oro.

Dividere per età gli studenti non serve a nulla

Della scuola di Musk si sa poco. Ne ha parlato lui in un’intervista alla tv cinese. Poche frasi che raccontano di un ambiente dove la migliore regola è l’assenza di regole. Gli studenti, 20 bambini per ora per lo più figli dei dipendenti di SpaceX, una delle sue aziende, non sono divisi per età. E ogni studente segue un percorso personalizzato sulla base delle sue attitudini: «Alcuni bambini amano l’inglese e le lingue. Altri la matematica. Altri ancora la musica. Abilità diverse, tempi di apprendimento diversi. È saggio adattare l’educazione alle loro capacità e competenze» spiega Musk.

Mostrare il problema, poi lo strumento

Musk ricorre a un esempio per far capire qual è la filosofia della sua scuola: «Insegnare significa mostrare il problema e non solo lo strumento. Immagina che stai insegnando a dei bambini come funziona un motore» spiega. «Un approccio tradizionale – continua Musk –  partirebbe dalla spiegazione degli strumenti che servono per ripararlo, cacciavite e chiavi inglesi. Invece ha più senso mostrare il motore e chiedere allo studente di smontarlo. “Come hai intenzione di farlo? Hai bisogno di una cacciavite che serve proprio a questo”. È in quel momento che si capisce immediatamente l’utilità del mezzo».

Elon a scuola è stato vittima di bullismo

Nella stessa intervista Musk racconta anche un triste episodio della sua vita a scuola in Sudafrica (è nato a Pretoria e poi si è trasferito negli Usa): «Mi picchiavano, ero vittima di bullismo. Una volta mi hanno fatto ruzzolare giù per le scale. Sono finito all’ospedale» racconta Musk che lega il suo fastidio per la scuola tradizionale proprio a quell’episodio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

4 esempi concreti per fare crowdfunding a scuola

Dalle primarie alle università: l’universo della formazione utilizza sempre di più i finanziamenti “dal basso”, attraverso piattaforme di raccolta fondi ritagliate sugli obiettivi delle campagne

A Faraone piace la scuola finlandese: “Lì valgono più le competenze dei compiti”

Davide Faraone, sottosegretario all’Istruzione, racconta il suo viaggio nelle scuole finlandesi, dove si punta sulle competenze, sull’autonomia e sull’auto-responsabilizzazione dell’alunno. Pochi voti e interrogazioni perché “studenti e insegnanti non giocano a guardie e ladri”

A Orvieto un campus modello Google: tra robot e baby park

Vetrya ha aperto un corporate campus all’avanguardia, dove il lavoro incontra la formazione e dove le mamme possono portare i figli in ufficio grazie all’area dedicata all’infanzia

Facebook e YouTube lavorano contro la propaganda terroristica sulle loro piattaforme

Il social per eccellenza e il portale di videosharing si attrezzano per fare fronte alla minaccia estremista con un misto di tecnologia e buon senso: il riconoscimento automatico spesso non basta a eliminare i contenuti pericolosi

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito