SEP, la risposta a Wikipedia dei prof di Stanford

Autorevolezza, completezza e aggiornamento: ecco i tre pilastri della SEP, l’enciclopedia filosofica di Stanford. La dimostrazione che divulgare il sapere online in modo gratuito e attendibile è possibile

L’enciclopedia filosofica dell’Università di Stanford (SEP) può essere considerata uno dei siti più interessanti d’oggi. Non per i suoi contenuti, che offrono spunti interessanti su ogni aspetto della filosofia, ma per il modo in cui è stata creata: i suoi progettatori hanno risolto uno dei problemi fondamentali della rete, ovvero quello di fornire fonti autorevoli e una conoscenza rigorosa e puntuale, senza caricare di alcun costo i lettori. Un’isola felice, in mezzo all’informazione poco accurata presente online. La SEP è nata con le sole due voci inserite nel lontano 1995 da Edward Zaita, esperto di filosofia al Centro per lo studio delle lingue e della formazione di Stanford. Potremmo dire che è nata agli albori di Internet, proprio come Wikipedia, che ha 14 anni. Quasi tutti i siti di successo nati agli inizi della rete sono ormai proprietà di grandi multinazionali editoriali, ma non è il caso di SEP.

biblio

Che cosa è la SEP

L’enciclopedia di Stanford conta oggi quasi 1500 voci e viene aggiornata quotidianamente, con un milione di pagine visitate al mese.

Zaita ha sempre voluto che l’enciclopedia rispondesse a tre criteri principali: autorevolezza, completezza e aggiornamento.

Mission non facile: se pensiamo ai libri di un editore specializzato saranno senz’altro autorevoli e completi, ma l’aggiornamento decadrà non appena ci saranno novità sul tema. Anche Wikipedia, che ha il vantaggio di poter essere aggiornata e che tra i suoi utenti conta persone preparatissime, a volte contiene imprecisioni. L’obiettivo di Zaita è che ogni voce riesca a essere quanto più possibile completa e indipendente, senza cadere nel labirinto di hyperlink che caratterizza Wikipedia. Gli autori della SEP vengono scelti secondo la loro specifica preparazione sull’argomento da realizzare e rimangono responsabili dell’aggiornamento di un dato argomento.

Autori scelti

Gli aggiornamenti vengono effettuati con cadenza quasi quotidiana e vengono indicati nella pagina di SEP nella sezione “What’s new”. La SEP si pone quindi come un faro di autorevolezza e informazione rigorosa, nel marasma di Internet. Nel 2012, Wikimedia – “mamma” di Wikipedia” – effettuò un sondaggio, dal quale risultò che il 90% dei contributors era composto da uomini. Motivo per il quale su Wikipedia alcune voci – come quelle dedicate alle scrittrici e ai luoghi dell’Africa sub-sahariana – sono inesistenti o incomplete. SEP ha il vantaggio di pesare con cura i propri autori e il modello funziona: nel settembre 2015 l’enciclopedia conteneva 1.500 voci peer-reviewed.

Chi la finanzia

Chi finanzia tutto questo? Stanford dedica una redazione di sole tre persone alla SEP, che sono i coordinatori editoriali. Gli editor spesso non sono retribuiti e scrivono spinti dalla voglia che si possa diffondere un’informazione rigorosa su argomenti di cui sono particolarmente appassionati. SEP ha comunque continuato a vivere grazie ai 2 milioni di dollari sotto forma di borse di studio erogate da Stanford e ai contributi che le biblioteche erogano una tantum, in favore dell’enciclopedia virtuale. Questo modello non è replicabile per ogni ambito. Wikipedia, ad esempio, continua a essere ottima per conoscenze di base. Le grandi aziende potrebbero però svolgere il ruolo di Stanford e finanziare piattaforme simili. Ci sono ambiti, come l’informatica e l’economia, che gioverebbero da una piattaforma simile, dove poter trovare l’informazione più autorevole. SEP è la concreta dimostrazione che un’informazione rigorosa online è qualcosa di realizzabile. Abituati al perenne hyperlink imposto da Wikipedia e da altre piattaforme, modelli simili potrebbero cambiare il modo stesso in cui concepiamo la conoscenza sulla rete.

Ti potrebbe interessare anche

La piattaforma che genera quiz dalle pagine web: fatta da un 17enne premiato da Google

RevUp permette di creare esercizi a risposta multipla dai testi online. Il progetto è di Girish Kumar, 17 anni: ha vinto il premio “Technologist” della Google Science Fair

La Treccani fa il compleanno: un hackathon sulla cultura per i 90 anni

In occasione dei suoi 90 anni, l’Enciclopedia Italiana Treccani ha organizzato una sfida tra giovani sviluppatori che cercheranno soluzioni innovative nel campo della cultura e della trasmissione del sapere

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo