Arriva WeSchool, la piattaforma per creare lezioni collaborative: “Diamo i superpoteri ai prof”

Marco De Rossi, fondatore di Oilproject, lancia oggi WeSchool, la piattaforma per innovare la lezione frontale con un ambiente collaborativo e interattivo

Marco De Rossi colpisce ancora. Classe ’90, nel 2012 ha fondato Oilproject, probabilmente il più seguito sito di e-learning in Italia con 1,6 milioni di studenti che ogni mese cercano ripetizioni e video lezioni. Oggi ha lanciato WeSchool, una piattaforma per “aiutare i docenti a fare didattica collaborativa in classe”. La piattaforma permette agli insegnanti di fare lezioni molto diverse dal classico schema frontale: con WeSchool, infatti, si può passare da un video di Youtube a un corso di inglese di Duolingo, si può integrare un Google Docs con una ultim’ora di una testata internazionale. Insomma, qualsiasi contenuto o servizio disponibile su internet si può inserire nella piattaforma e utilizzare direttamente all’interno di essa, senza dover mai uscire dall’ambiente collaborativo scolastico. Ovviamente, oltre ai contenuti di internet si possono inserire anche i libri di testo. Non è tutto: WeSchool ha un sistema per permettere ai professori di creare quiz, videoquiz, test e verifiche in modo semplice, abilitando un insegnamento personalizzato a seconda delle esigenze della classe.

04 - WeSchool - Board

Tutto in un unico ambiente

WeSchool viene lanciata oggi in italiano, inglese e spagnolo. “Finora ci eravamo concentrati solo sullo studio fuori dalla scuola – ci ha detto De Rossi – era arrivato il momento di fare qualcosa per cambiare anche la scuola stessa. E così è nato WeSchool”. Per molti insegnanti non è facile stare al passo con la digitalizzazione della scuola, non è semplice “ripensare” le loro lezioni integrando le tecnologie e tutti i contenuti che non sono semplicemente il libro di testo (ma sono essenziali per offrire agli studenti un apprendimento completo). “Così con WeSchool abbiamo dato ai prof i “superpoteri”: in una sola piattaforma possono usare tutti gli strumenti e i contenuti che vogliono, in un solo ambiente possono costruire una lezione coinvolgente ed estremamente interessante per gli studenti. – continua De Rossi – È con questo approccio aperto e inclusivo che proviamo a fare il grande salto e sfidare i grandi player internazionali come Google Classroom, Apple iTunes U e Edmodo”. 

Il fattore gioco

La piattaforma permette al docente di formare gruppi di lavoro, di far giocare gli studenti e ottenere da loro feedback in tempo reale. Il fattore “gioco” è molto importante per capire perché usare una piattaforma del genere a scuola. “Se mentre fai un esercizio o se mentre studi, ti diverti, l’apprendimento sarà mille volte più efficace” dice De Rossi. La chiave è questa: una lezione di cui lo studente non riconosce l’utilità o il senso risulta noiosa, ma soprattutto inefficace. Riuscire a creare percorsi di studio coinvolgenti, che riflettono il modo in cui oggi si apprende e ci si informa, invece, è essenziale per cambiare la scuola. WeSchool permette di gestire le attività della classe e creare esercizi e verifiche con 9 tipologie di quiz diversi (dal memory fino al cruciverba e ai videoquiz).

02 - WeSchool - Wall

Interfaccia semplice e feedback immediati

Design lineare e colorato, interfaccia semplice realizzata pensando che non dovrà essere usata da tecnici dell’informatica, ma da professori che fino al giorno prima avevano usato solo libro e lavagna. “Non bisogna essere degli smanettoni. I 2000 studenti e docenti che l’hanno già sperimentata ci hanno dato ottimi riscontri”. Il sistema dei feedback permette ai prof di capire subito quando qualcuno non ha capito: “Quando ero al Liceo il prof capiva che qualcosa era andato storto solo quando, a distanza di settimane dalla spiegazione, prendevamo 5 nella verifica” – dice Marco De Rossi – con WeSchool il docente può inviare domande in tempo reale durante la lezione e avere sempre il polso su quello che è meglio rispiegare. E proprio il mio Liceo tra l’altro, il Manzoni di Milano, è stato uno dei primi ad adottare la piattaforma”. 

Con il lancio di oggi di WeSchool, la startup Oilproject, finanziata da Club Digitale, TIM Ventures e Club Italia Investimenti, sposta il suo focus dall’Italia all’Europa e cambia anche il modello di business: da un modello pubblicitario si passa a un modello su abbonamento. WeSchool verrà venduta alle scuole con un modello a licenza annuale. In mancanza di banda larga nell’istituto si può usare in modalità BYOD, cioè con i dispositivi personali degli studenti.

@carlottabalena

03 - WeSchool - Elenco Board

Ti potrebbe interessare anche

300 mila euro a Oilproject per scuola online e aule virtuali

Tim Ventures, Club Italia Investimenti2 e Club Digitale hanno completato il round di finanziamento su Oilproject, la piattaforma per la didattica online

300mila euro ad Oilproject per la didattica online

Un nuovo round di finanziamento per Oilproject, la startup tra le prime in Italia nel settore dell’e-learning, fondata dal giovane Marco de Rossi nel 2012

Fino a 70mila euro per lavorare nella didattica digitale con Oilproject

Sono più di 120 i candidati che fino ad oggi hanno presentato la propria domanda di assunzione. C’è tempo fino agli inizi di settembre per applicare alle posizioni di lavoro offerte dalla giovane startup di didattica digitale in continua evoluzione

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti