Studiare in Uk, ecco dove mandare tuo figlio per un summer camp inglese

L’estate si avvicina: il periodo perfetto per scegliere un’esperienza formativa all’estero, con la possibilità di imparare l’inglese divertendosi. La nostra guida ai summer camp nel Regno Unito

Finita la scuola, inizia, per i genitori, un gioco di incastri tra il lavoro e gli impegni che continuano e la necessità di impiegare il tempo dei figli, ma anche garantire loro un po’ di riposo e di divertimento dopo un anno di scuola. E’ questo il momento dell’anno in cui si scelgono i centri estivi e i campi estivi residenziali (summer camp). E, dovendo scegliere un summer camp, perché non in inglese? E perché non addirittura nel Regno Unito?

Leggi anche: 15 siti per insegnare l’inglese a bambini, ragazzi e insegnanti

summercamp

3 motivi per fare un Summer Camp

Ci sono diverse ragioni per cui fare un summer camp all’estero. Almeno tre, che vi faranno capire perché passare qualche giorno l’anno lontano dai genitori può far bene.

1. Per sviluppa l’indipendenza e l’autostima

Un summer camp è un ottimo modo per incoraggiare la crescita e sviluppare l’indipendenza dei ragazzi. Anche nei camp in cui sono più seguiti, bambini e ragazzi devono imparare ad avere cura di se stessi. Ci sarà qualcuno che stabilirà orari ed attività ma, in fin dei conti, la chiacchiera al buio con i compagni o le compagne di stanza, il decidere se lavarsi o no i denti, il superare le proprie timidezze ed imbarazzi e proporsi a persone nuove sono tanti piccoli momenti di autonomia che fanno crescere.  E bambini e ragazzi molto attaccati a mamma e papà dovranno imparare a fidarsi di se stessi, il che non può che fare loro bene.

2. Per migliorare l’inglese

Da dimenticare le sessioni passate a studiare cosa è il genitivo sassone o memorizzare i verbi irregolari: frequentare un camp di ragazzini inglesi è un po’ giocare “sink or swim”: non serve esprimersi bene, basta comunicare. Tuffarsi in una lingua straniera in una situazione “reale” è il vero modo per imparare una lingua: si chiama total immersion.

3. Per incontrare il mondo

Un camp, specie se all’estero, mette in contatto bambini e ragazzi che non si sarebbero altrimenti incontrati. Si impara che il mondo è fatto di persone molto diverse tra di loro e che altri hanno abitudini diverse dalle nostre.

La guida per scegliere

Ma come trovare il summer camp più giusto per tuo figlio? Come iniziare la ricerca? Meglio quelli con il corso di lingua inglese o senza? Qui bisogna chiarire una cosa: ad un camp che preveda un corso di lingua inglese si troveranno altri bambini stranieri (italiani e francesi, tedeschi o cinesi). Se si vuole che il proprio figlio stia invece con coetanei inglesi bisogna scegliere i camp dove andrebbero (anche) i bambini inglesi. La prima ipotesi va bene per iniziare, ma quelli che consiglio sono summer camp residenziali, pensati per ragazzini inglesi. Per questo, i figli è necessario accompagnarceli e, magari, i genitori possono godersi una vacanza nei paraggi. Ovviamente, il modo migliore per scegliere il summer camp sarà quello di basarsi su gusti e interessi della ragazza o del ragazzo e trovare il camp dove possa svolgere un’attività che le/gli è congeniale. Ecco un po’ di indirizzi.

Xkeys Residential Camp Accoglie bambini e ragazzi dai 6 ai 17 anni (ovviamente divisi per gruppi, in base all’età). In questo camp si può fare di tutto. Ogni mattina bambini e ragazzi possono scegliere varie attività all’interno di quattro percorsi tematici: arti dello spettacolo, acqua foresta e avventura, tutto sport, cinema e fotografia. All’interno di questi percorsi, ci sono le attività più varie (tiro con l’arco e  pallacanestro, pittura e ceramica, calcio e hockey, recitazione e cucina, ping pong e pallavolo…). XUK si trova nell’East Anglia a New Eccles Hall School che, durante l’anno scolastico, è una boarding school.

Learn and Experience offre campi residenziali in Yorkshire e altrove per bambini e ragazzi di età 8-14 anni, rivolti a studenti inglesi e internazionali. Anche qui c’è un mix di avventura, sport (compresa l’equitazione), attività creative ed artistiche.

Per ragazzi di talento artistico tra gli 11 e i 21 anni (si, 21!) il più bel camp è Youth Music Theatre. Si tratta di un camp di 6 giorni di intensa preparazione per chi vuole fare una immersione totale nel canto, nella danza o nella recitazione. Non serve audizione ma tanta passione. I corsi si volgono in sei diverse location sparse per tutto il Regno Unito (Londra. Edimburgo, Surrey, Hertfordshire, Wiltshire e Yorkshire).

Infine, altri due camp: uno tutto sportivo si chiama International Sports Academy rivolto a studenti di età compresa tra 9-16 a Edimburgo e l’altro è Mill on the Brue.

@ElisabetCassese

Leggi anche: Imparare l’inglese d’estate, tra web e summer camp: 10 risorse per ragazzi e adulti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito