#ScuoleInnovative, al via il tour nelle 52 città dove saranno realizzate le scuole del futuro

Parte da Monreale, in provincia di Palermo il tour di #ScuoleInnovative, l’iniziativa del Miur per la progettazione di 52 nuove scuole sul territorio nazionale

Comincia oggi, lunedì 6 giugno, da Monreale in provincia di Palermo, il tour organizzato dal Miur per coinvolgere progettisti e territori nell’ambito di #ScuoleInnovative, il concorso di idee che consentirà la costruzione di 52 nuovi istituti scolastici sostenibili e a misura di studente. Aprirà il tour il sottosegretario Davide Faraone alle ore 15.30 presso la Sala Consiliare del Comune di Monreale.

Leggi anche: #ScuoleInnovative, si cercano idee per realizzare 52 scuole del futuro

scuoleinno

Durante il tour, tutti saranno coinvolti attivamente attraverso workshop e gruppi di lavoro dai quali emergeranno idee di scuole sulle quali ci si potrà confrontare. Le proposte emerse nel corso del pomeriggio di lavoro offriranno spunti pratici ai progettisti, per l’elaborazione dei progetti che concorreranno al bando #ScuoleInnovative. Alla tappa siciliana seguiranno Lucca il 10 giugno e Montemiletto (AV) il 13 giugno.

L’hackathon al quale parteciperanno gli studenti siciliani riprende il modello di quello nazionale, il primo nel suo genere, martedì 31 maggio e lunedì 1 giugno al Miur, in collaborazione con l’Indire. Al termine della due giorni di “brainstorming” le squadre di studenti, composte ciascuna da sei ragazzi provenienti da tutta Italia, si sono confrontate sui progetti elaborati. Spazi già esistenti, riqualificati e modernizzati, per favorire la socialità; aree dedicate allo studio individuale o di gruppo; centri di raccolta dei rifiuti; un’aula magna 2.0, modificabile e aperta ad eventi esterni alla scuola; realizzazione di campus che integrino spazi in disuso nel territorio vicino agli istituti: queste le caratteristiche della scuola del futuro immaginata dai partecipanti all’hackathon.

Tre le squadre vincitrici. Ciascuna delle sei scuole rappresentate nel gruppo 1° classificato sarà destinataria della somma di 35.000 euro per la realizzazione di laboratori innovativi. Gli studenti premiati parteciperanno inoltre a una Winter School  che consentirà loro di approfondire e sviluppare i progetti elaborati.

Prima classificata “L’unione fa la scuola”, composta da

–      Danilo Gervasio (IIS “Volterra – Elia” di Ancona)

–      Giovanni Sassano (IIS “Cicerone” di Sala Consilina – SA)

–      Francesco Tomba (ISIS “Bassa Friulana” di Cervignano del Friuli – UD)

–      Alice Icardi (Liceo Scientifico “G. Bruno” di Albenga – SV)

–      Chiara Ciarrocchi (Liceo Classico “Stabili – Trebbiani” di Ascoli Piceno)

–      Enxhi Paja (IPSSAR “Artusi” di Ravenna)

 

Seconda classificata “EiT School”, composta da

–      Alessandra Gattari (Istituto tecnico costruzioni ambiente e territorio “Bramante” di Macerata)

–      Francesco Crotti (IIS “Racchetti – Da Vinci di Crema)

–      Lorenzo Catena (IIS “Volterra – Elia” di Ancona)

–      Fabio Auleta (IIS “Cicerone” di Sala consilina – SA)

–      Michele Godeas (ISIS “Bassa Friulana” di Cervignano del Friuli – UD)

–       Giulia Mariani (IPSSAR “Artusi” di Ravenna)

 

Terza classificata “Green School”, composta da

–      Omar Nave (Istituto agrario “Di Savoia” di Rieti)

–      Andrea Barotti Tessari (IIS “San Giovanni Bosco” di Mantova)

–      Kevin Pacetti Paolini

–      (Istituto tecnico costruzioni ambiente e territorio “Bramante” di Macerata)

–      Silvia Farina (Liceo Scientifico “G. Bruno” di Albenga – SV)

–      Andy Sango Lengu (IIS “Copernico – Carpeggiani di Ferrara)

–      Andrea D’Antonio (Istituto Omnicomprensivo di Alanno – PE)

 

 

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)