8 competenze che un ragazzo dovrebbe avere al compimento dei 18 anni

Cosa occorre aver acquisito per potercela fare da soli e non ricorrere sempre all’aiuto dei genitori?

Il compimento della maggiore età è un traguardo molto importante nella vita di un ragazzo o di una ragazza. Si può prendere la patente, si può votare per la prima volta, insomma si fa il primo passo nella vita adulta. Ma ci sono delle cose che è fondamentale aver acquisito per potercela fare da soli e per affrontare le difficoltà che si incontrano.

18th-birthday-cake
  1. Bisogna saper parlare con estranei e figure professionali

Facoltà universitarie, decani, consulenti, affittacamere, commessi, responsabili delle risorse umane, colleghi, cassieri di banca, operatori sanitari, autisti di autobus, meccanici, medici. Insegnare ai bambini l’approccio a diverse figure professionali, senza timori o imbarazzi. In questo modo da adulti saranno in grado di intavolare una conversazione con chiunque.

  1. Conoscere e ritrovare le strade

Un campus, la città in cui ci si trova, uno stage estivo, la città in cui si studia o una vacanza all’estero. Guidiamo o accompagniamo i nostri figli ovunque, anche quando a farlo potrebbero essere l’autobus, la bicicletta o le loro gambe. In questo modo, i bambini non conosceranno il percorso per arrivare da un posto ad un altro e gli adulti del domani non saranno indipendenti.

  1. Gestire i propri incarichi

Dobbiamo responsabilizzare i figli con le loro scadenze. Che siano di studio, di sport o di lavori part time. Possiamo aiutarli ma senza eccedere, senza mai sostituirci a loro, in caso contrario i bambini non sapranno come dare la priorità ai compiti, come gestire i carichi di lavoro o rispettare le scadenze.

  1. Contribuire al funzionamento di una famiglia

Non chiediamo un grande aiuto in casa, perché già hanno poco tempo nel corso della giornata per impegni accademici e attività extrascolastiche. Ma nonostante questo i bambini devono imparare a prendersi cura dei propri bisogni, rispettare quelli degli altri, e devono fare la loro parte all’interno delle mura domestiche per il bene della famiglia.

  1. Gestire i problemi interpersonali

Facciamo un passo indietro e lasciamo che se la cavino da soli nel risolvere malintesi e lenire sentimenti feriti con gli amici. In questo modo, i bambini sapranno come affrontare e risolvere i conflitti senza il nostro intervento.

  1. Far fronte agli alti e bassi della vita

Quando le cose si fanno difficili (finire un compito, prorogare un termine, parlare con gli adulti o problematiche ancora più serie) è importante dargli il giusto peso. I bambini devono imparare a loro spese che nel normale corso della vita non sempre la loro strada sarà diritta e che dovranno trovare il modo di cavarsela.

  1. Saper gestire i soldi

Lavoretti part-time o semplice paghetta, devono avere un senso di responsabilità nei confronti del denaro. Hanno bisogno di capire che non è semplice ottenerlo, ma soprattutto devono capire che devono guadagnarselo. Apprezzeranno di più le cose che li circondano.

  1. Assumersi dei rischi

Un errore molto comune è quello di pianificare il loro intero percorso, segnalando tutte le trappole o impedendogli di inciampare. Così protetti i bambini non comprenderanno che il successo arriva solo dopo aver provato e aver fallito. Capiranno a loro spese che per vincere dopo un fallimento l’unica cosa da fare è insistere e provare di nuovo.

Un Commento a “8 competenze che un ragazzo dovrebbe avere al compimento dei 18 anni”

  1. Giovanni Iula

    In un mercato saturo e già ampiamente dominato da JUSTEAT, una delle possibilità per un follower è attaccare con decisione un piccolo territorio e conquistarlo, senza commettere l’errore di disperdere energie inutilmente.
    Nel lungo periodo la scelta di utilizzare la chat di Facebook Messenger come beneficio razionale, nonchè come uno dei fattori di differenziazione rispetto alla concorrenza è MOLTO RISCHIOSO, le barriere all’ingresso sono basse, ovvero la possibilità di imitazione sono molto alte.
    In bocca al lupo e complimenti !!

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup