‘Scelte di classe’, la piattaforma gratuita con i film da vedere a scuola

Il Miur, la Fondazione Cinema per Roma e Mymovies si sono uniti per dar vita a un archivio online di pellicole da far vedere durante le ore di lezione: con sottotitoli e audioguide per non vedenti

Un tempo durante il monte ore scolastico si sceglieva di vedere un film e nella sala cinematografica della città quando ancora la pellicola era conservata nella “pizza” e i cineplex erano solo nell’immaginario: si passava l’intera mattinata a discutere, a confrontarsi per poi continuare fuori dalla sala. A riportare i film a scuola sono la Fondazione Cinema per Roma che con “Alice nella città”, Mymovies e il ministero dell’Istruzione hanno lanciato “Scelte di classe”, la prima piattaforma web che proporrà alle classi di tutt’Italia un archivio di pellicole e un ambiente virtuale didattico per portare il cinema a scuola e le scuole al cinema.

photo of an old movie projector

Film sottotitolati o con audioguide

L’idea è delle più affascinanti e permetterà a migliaia di ragazzi di avvicinarsi a questo linguaggio che non può essere lasciato ai margini nel sistema d’istruzione italiano. Un progetto senza barriere dal momento che tutti i materiali saranno accessibili anche agli studenti disabili sensoriali attraverso sottotitoli multilingua e descrizione audio disponibili grazie ad un’app realizzata in collaborazione con il progetto Fred School.

Streaming e produzioni straniere

Nel concreto la rivoluzionaria piattaforma funziona in questo modo: studente ed insegnante si incontrano in un sistema chiuso, gratuito con un rapporto uno ad uno tra piattaforma ed utente. Il ragazzo e l’insegnante hanno la possibilità di essere affiancati da un tutor con il quale sviluppano percorsi potendo visionare contenuti diversi attraverso un login personale. La Rete diventa un archivio ma anche un’officina dove di volta in volta gli studenti realizzano dei prodotti e possono commentare ciò che hanno potuto vedere. Non solo. I film che non hanno una distribuzione italiana sono sottotitolati in modo da essere fruibili da tutti. La piattaforma presenta una parte informativa legata alle uscite e a tutto il mondo dell’industria cinematografica, i focus, gli incontri, i commenti dei critici e l’analisi delle scene di tutti i film inseriti. Al centro del sito c’è il pulsante “guarda il film” che permette di accedere allo streaming protetto delle pellicole. Altra possibilità sarà anche il tasto “Potrebbe interessarti anche” dove verranno consigliati altri film che ci potrebbero piacere.

Il cinema nel piano formativo

“Scelte di classe” darà spazio anche al contemporaneo con l’offerta di titoli attuali, senza dimenticare il passato, perché gli studenti non possono non conoscere Ford, Chaplin e tanti altri. Una scuola di cinema virtuale dove la grammatica delle immagini diventerà patrimonio comune: si imparerà a guardare un film come si apprende la storia o si studia la geografia. Ma non vi saranno ore in più: gli istituti che aderiscono all’iniziativa inseriranno la disciplina nel piano triennale dell’offerta formativa. Un progetto che ha come tappa finale la possibilità per le scuole di prenotare la visione di un film in una vera sala cinematografica per sperimentare anche l’emozione che si prova quando ci si trova davanti al grande schermo. Un’occasione preziosa per gli studenti ma anche per i docenti che in questo modo possono arricchire il loro bagaglio culturale cinematografico.

3 Commenti a “‘Scelte di classe’, la piattaforma gratuita con i film da vedere a scuola”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

La vera storia del fouder di Megaupload, Kim Dotcom (è davvero meglio di un film, da Oscar)

«Sono più intelligente di Bill Gates», dice. No, Dotcom non è un grande visionario dal quale prendere esempio, ma un nerd che ha saputo come fare soldi e successo. Da hacker alla nemesi: esperto di cybersecurity, fino al carcere e alla rivoluzione di Megaupload