La filosofia può insegnare ai ragazzi ciò che non si trova su Google

L’Irlanda sta pensando di introdurre la filosofia tra le materie scolastiche già dalle elementari. Per offrire ai ragazzi gli strumenti per un pensiero critico che guardi (anche) al futuro del lavoro

Nel 2013 alcuni economisti della Oxford University fecero una previsione: entro i prossimi venti anni più della metà dei lavori saranno sostituiti dalla tecnologia. Non solo fabbriche e catene di montaggio, ma anche uffici, redazioni e altri impieghi da “colletti bianchi”. I robot stanno sconvolgendo il mondo del lavoro e rappresentano ormai una realtà di cui le economie dei Paesi industrializzati devono tenere conto. Diventa allora fondamentale ripensare la formazione, immaginare modi nuovi di educare le nuove generazioni. Cosa insegnare ai ragazzi per dargli una possibilità di trovare un lavoro? Una risposta potrebbe arrivare dalla filosofia.

Philosopher-King-Plato

L’Irlanda che premia la filosofia

I lavoratori di domani dovranno essere capaci di spaziare su più campi, di mettere insieme diverse materie e competenze, insomma di essere pronti a dare una risposta a quelle domande che non si possono fare a Google. Quali sono le ramificazioni etiche dell’automazione delle macchine? E le conseguenze politiche di una disoccupazione di massa? Come distribuire la ricchezza in una società digitalizzata? Questioni di questo tipo possono essere affrontate solo se si possiedono gli strumenti intellettivi per ragionare su certi temi. Per questo il presidente irlandese Michael Higgins ha introdotto la filosofia tra le materie insegnate nelle scuole del suo Paese. «L’insegnamento della filosofia – ha spiegato – è uno degli strumenti più potenti che abbiamo a nostra disposizione per far imparare ai ragazzi come comportarsi in maniera libera e responsabile in un mondo che è sempre più complesso, interconnesso e incerto».

Michael Higgins

Michael Higgins

L’iniziativa arriva dopo che nel 2013 lo stesso Higgins, nel mezzo della crisi economica che ha colpito anche l’Irlanda, ha avviato un dibattito nel Paese per capire come affrontare il problema della perdita di posti di lavoro e dei cambiamenti in atto nella società. Dallo scorso settembre i ragazzi tra i 12 e i 16 anni sono dunque chiamati a interrogarsi su questioni che fino a quel momento erano considerate “inutili” ai fini del proprio curriculum. Intanto si sta già pensando di introdurre la filosofia tra le materie insegnate alle scuole elementari. Una svolta fortemente voluta da Higgins e da sua moglie Sabina, laureata proprio in filosofia. Non porterà indietro i posti di lavoro, non curerà i mali presenti o futuri del mondo. Ma la filosofia può fornire gli strumenti per affrontare le sfide del nostro tempo. E non è una cosa da poco.

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo