Udacity lancia un corso online sul deep learning e lo affida allo Youtuber Siraj Raval

E’ indirizzato a chi già conosce il linguaggio di programmazione Python e le basi dell’algebra. Chi lo supera avrà diritto a un credito di 100 dollari per altri corsi sulla piattaforma di MOOC

Deep learning, big data e algoritmi: il presente e il futuro della tecnologia si basano su questi procedimenti, sempre più importanti per il lavoro del futuro, ma allo stesso tempo molto difficili da far comprendere in maniera rapida ed immediata. Per questo motivo Udacity, la startup di insegnamento online nata nel 2012 che offre corsi online aperti a tutti, ha avviato una collaborazione con la star di YouTube Siraj Raval. Lo Youtuber terrà un corso di deep learning insieme a Mat Leonard, sviluppatore di Udacity.

tc-09
Sarà una sorta di corso preliminare per quegli studenti che non sono ancora pronti per una delle specializzazioni (nanodegree, nel gergo della startup) previste dall’organizzazione. Durerà 17 settimane, con un impegno di 3 o 4 ore ogni settimana. Raval ha già dimostrato di saper essere molto efficace nell’insegnamento in tempi brevi: i suoi corsi precedenti su YouTube duravano al massimo due mesi e i risultati degli studenti sono stati impressionanti.

Lo studente ideale di questo nuovo corso, a detta dello stesso Raval, dovrà conoscere il linguaggio di programmazione Python e le basi dell’algebra.

L’obiettivo non è infatti quello di insegnare a chi non ha mai programmato in precedenza, ma dare a chi ha già qualche tipo di esperienza nel settore gli strumenti adatti ad approfondire le proprie competenze. Per rendere ancora più “appetibile” l’offerta, Udacity promette a chi supererà  questo corso preliminare l’accesso ai nanodegree per la progettazione dell’auto che si guida da sola e a quello di intelligenza artificiale, entrambi con un credito di 100 dollari.  «E’ una nuova frontiera per Udacity – spiega Shernaz Daver, a capo del marketing dell’azienda – questo ci permetterà di lanciare e promuovere più corsi di specializzazione».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup