Lego ha lanciato il suo social network

Si chiama Lego Life: i bambini potranno condividere immagini delle proprie creazioni Lego, ma non foto personali. Si può anche chattare, ma con una tastiera customizzata anti-bulli

Viene da chiedersi come mai non ci abbiano pensato prima. Lego, l’azienda danese dei mattoncini più famosi del mondo, ha lanciato il proprio social network: un luogo digitale dove i bambini possono condividere foto delle loro creazioni, e imparare da quelle degli altri. Si chiama LEGO Life, ed è disponibile come app per iOS e Android.

Leggi anche: Le 5 pioniere della NASA ora sono in un set Lego
Schermata 2017-02-01 alle 13.00.22

Creare e condividere

LEGO Life è pensato per i ragazzi al di sotto dei 13 anni. Come ogni social che si rispetti, la prima cosa che viene richiesta ai bambini è di creare un profilo personale: al posto della foto personale, però, su Lego Life si crea un “Lego Mini-me” cioè un personaggio in stile Lego da accessoriare a piacere. Si può scegliere il ragazzo, la ragazza, la fata, il re, si può scegliere di essere un unicorno o di avere la barba. Insomma, ogni bambino sceglie il proprio personaggio. Secondo step: creare la propria galleria di foto delle proprie creazioni, a metà tra Pinterest e Instagram. Tutte le immagini condivise sul social verranno vagliate dal team del social, per assicurare un filtro di sicurezza su tutti i contenuti che vengono pubblicati. Ogni utente ha un proprio newsfeed che può modificare in base ai propri gusti, seguendo argomenti preferiti e gruppi: animali, veicoli, supereroi.

Schermata 2017-02-01 alle 13.08.18

Le norme di sicurezza

In un social dedicato ai bambini, la prima cosa che bisogna certificare è la sicurezza: Lego ha detto di aver lavorato con l’Unicef nella creazione delle norme per la protezione dei piccoli utenti. Eccone alcune. Innanzitutto gli avatar, oltre ad essere fatti con personaggi Lego non riportano il vero nome dei bambini: tutti i nickname degli utenti vengono generati casualmente unendo tre parole di fantasia.

Nell’app non si possono pubblicare e condividere foto personali o immagini che contribuiscano a localizzare o identificare gli utenti.

I bambini, poi, hanno l’opportunità di interagire tra di loro commentando le foto degli altri, ma non chattando privatamente. La tastiera che possono usare per i commenti è customizzata con emoji Lego: non ha lettere ma solo immagini di elementi e personaggi dell’azienda. Questo espediente è stato adottato per evitare episodi di bullismo: ad ogni modo, tutti i commenti vengono moderati.

@carlottabalena

Schermata 2017-02-01 alle 13.07.29

Un Commento a “Lego ha lanciato il suo social network”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito