I fondatori del maggior numero di unicorni europei hanno studiato all’Università di Oxford

Uno studio raccoglie le principali università europee e nel mondo e controlla quanti tra i suoi ex allievi hanno fondato un unicorno

Vuoi avere successo e fondare una startup miliardaria? Basta andare – si fa per dire – alla Oxford University. L’ateneo è infatti quello in cui, negli ultimi dieci anni, si sono laureati il maggior numero di fondatori europei di unicorni, cioè startup che hanno raggiunto la valutazione di almeno un miliardo di dollari. Ovviamente, come il mitologico animale, sono piuttosto rare. Dal 1984 ad oggi, otto dei più grandi unicorni al mondo sono stati fondati dai laureati di Oxford.

oxford_alamy_3068787k-large_trans_NvBQzQNjv4BqqVzuuqpFlyLIwiB6NTmJwfSVWeZ_vEN7c6bHu2jJnT8

I founder ex-allievi

Qualche  esempio: Allie Morse con Africa Internet Group, Ivan Griffin fondatore di BenevolentAI, James Meekings ideatore di Funding Circle, Jessica Butcher leader di Blippar, Kevin Hartz creatore di Eventbrite, Michael Gould inventore di Anaplan, Reid Hoffman promotore di LinkedIn, Samir Desai istitutore di Funding Circle. I geniali allievi in realtà hanno una laurea in tutt’altro campo, come Reid Hoffman, fondatore di LinkedIn, che ha studiato Filosofia e Keven Hartz di Eventbrite, che ha completato un Master in Storia.

Gli unicorni a livello mondiale

La ricerca è stata effettuata dal software Sage, del Regno Unito. Lo studio non si è limitato a livello europeo, ma ha esteso il suo raggio su scala mondiale. A livello globale Oxford  è scivolata al settimo posto, con le Università di Stanford e Harvard a guidare la classifica, producendo rispettivamente 51 e 37 imprese unicorni. In totale otto delle migliori quindici università del mondo si trovano negli Stati Uniti. Successo legato ai giovani e geniali imprenditori americani che hanno formato il più grande centro hi-tech del mondo, la Silicon Valley, che si trova nella baia di San Francisco, in California. Gli Stati Uniti sono in cima alla classifica con 144 aziende unicorni, seguiti dalla Cina con 47 e dall’India con 10. Paesi, questi ultimi, dove negli ultimi dieci anni si è investito molto nel campo della ricerca.

Puntare sulle donne

La maggior parte delle società unicorni sono fondate su materie come scienza, tecnologia, ingegneria e matematica. La ricerca arriva proprio sulle recenti proposte del Primo Ministro inglese Theresa May, intenzionata a destinare più fondi alle scuole scientifiche di tutto il Regno Unito, al fine di incoraggiare più studenti a intraprendere un cammino di studi in questi settori. In particolare, spera di aumentare il numero di ragazze, per avviarle a una carriera nel ramo scientifico. La ricerca di Sage rivela infatti che solo il 6% degli unicorni mondiali sono stati fondati da donne.

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. Il gigante del trasporto e della logistica, AP Moller-Maersk, ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari