A San Valentino Google lancia un doodle per l’animale più minacciato al mondo: il pangolino

Sulla home page del motore di ricerca un gioco fa viaggiare l’utente insieme all’animale tropicale che vuole stupire la sua amata. Lo scopo è conoscere la difficile situazione di questa specie vittima del maggiore traffico illecito al mondo

Chiunque abbia aperto l’home page di Google il 13 febbraio l’ha sicuramente notato. Molti ci hanno perso pure del tempo facendo muovere e saltare l’animaletto protagonista del doodle del giorno con la tastiera del Pc. Non tutti, però, sanno che il gioco proposto dal maggiore motore di ricerca per la vigilia della festa degli Innamorati ha anche un fine educativo. Il piccolo mammifero squamoso che nella finzione aspetta la lettera della sua amata o va alla ricerca degli ingredienti per prepararle una torta, nella realtà è vittima di caccia di frodo e dei maggiori traffici al mondo. È per questo che le menti di Mountain View hanno scelto di far conoscere il pangolino alla vasta platea del web.

Schermata 2017-02-13 alle 15.19.43

Un gioco per sensibilizzare gli utenti di Google

A spiegare la scelta di Google è stato l’ingegnere Jordan Thompson che in un post sul blog dell’azienda ha parlato del trattamento riservato a questo animale nei diversi continenti. Nel giochino in home page il pangolino intraprende una serie di viaggi per raggiungere e stupire la sua anima gemella. Prima va in Ghana dove impara l’arte della pasticceria, poi in India dove si cimenta con la musica e in Cina dove muove i primi passi di danza. Infine, arriva nelle Filippine per comporre un perfetto mazzo di fiori da donare all’amata. Al termine del gioco ogni giocatore può condividere il punteggio raggiunto con chi desidera in modo da celebrare in maniera divertente la festa di San Valentino. E magari essere sensibilizzato sulla difficile esistenza degli animali tropicali. «Ci sono otto specie di pangolino, quattro in Asia e quattro in Africa e sono tutte minacciate. La popolazione di pangolini è stata devastata dalla ciaccia di frodo per almeno l’80 per cento in Asia», dice il Wwf.

pangolino

Una specie a rischio

Nel post dell’ingegnere Thompson c’è il link alla pagina del Wwf che sponsorizza l’iniziativa di Google e il suo tentativo di far conoscere l’unico mammifero squamoso al mondo. L’animale usa la sua corazza per difendersi dai predatori e si nutre solo di insetti e larve che cattura con la sua lunghissima lingua. Secondo le stime un milione di pangolini sono stati strappati al loro habitat per essere utilizzati nel mondo della moda e per la realizzazione di discussi rimedi medici.

Adotta un pangolino

Nonostante l’impegno formale di 180 governi per fermare questo fenomeno, il traffico illegale di pangolini continua. Google ha finanziato anche un’iniziativa per individuare grazie alla rilevazione termica i bracconieri. Tutti gli utenti del motore di ricerca sono poi invitati a partecipare a questa campagna in difesa dell’animale. È possibile infatti fare una donazione e adottare simbolicamente un pangolino. A casa di chi aderisce arriverà un kit comprensivo di un peluche e un certificato di adozione.

 

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Grind2energy: dai diamanti non nasce niente, dalla spazzatura nasce energia

In Winsconsin gli scarti alimentari prodotti dai supermercati e dai ristoranti diventano fonte per la produzione di combustibile. Un sistema per abbattere i rifiuti solidi e produrre energia in modo sostenibile

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti