Con Lego Boost i bambini programmano robot fatti con i mattoncini colorati

Il kit, che sarà sul mercato a metà 2017, insegna ai bambini le basi del coding. Scaricando un’app i più piccoli possono trascinare sull’iPad i blocchi di programmazione e far muovere le loro creazioni nella realtà

Dal 1932 i bambini – e non solo – di tutto il mondo giocano a incastrare i mattoncini colorati della Lego per costruire qualsiasi cosa la fantasia suggerisca. La famosa casa danese, però, ha pensato anche a un altro modo per far muovere insieme le figure composte dalle mani di grandi e piccini. Si tratta di un kit che riesce a dare loro vita con la tecnologia e, a allo stesso tempo, a insegnare il coding ai più piccoli. Il prodotto si chiama Boost ed è stato presentato al Ces di Las Vegas, ma entrerà sul mercato nella seconda metà del 2017 al prezzo di $159.99.

highres_lego_boost

Il kit per insegnare la programmazione ai bambini

Boost funziona grazie a sensori e motori che i bambini potranno programmare così da vedere immediatamente gli effetti della loro attività sul computer nella realtà. Tutto è possibile grazie a un’applicazione che consente di svolgere 60 operazioni. Basta collegare i blocchi di codice necessari per ottenere un determinato comportamento dai loro giocattoli. Il linguaggio usato è simile a Scratch, il progetto del Lifelong Kindergarten Group del Media Lab del MIT. Lego aveva in passato già pensato a un modo per rendere le sue costruzioni automatiche e interattive con Mindstorm. Boost è, però, una versione semplificata che permette ai bambini a partire dai 7 anni di cimentarsi con la programmazione in maniera veloce, ma ottenendo comunque dei risultati abbastanza elaborati.

Il mercato del coding in crescita

La mossa della celebre industria di giocattoli arriva dopo che i suoi concorrenti hanno già cercato di conquistare il mercato del coding. La Mattel, per esempio, ha cominciato l’anno scorso la commercializzazione di un caterpillar in grado di insegnare le basi della programmazione. La richiesta di questo tipo di strumenti educativi in grado di avvicinare i più piccoli alle discipline STEM cresce e le vendite lo dimostrano. Anche se Lego è arrivata in ritardo rispetto ai suoi rivali, è consapevole dell’aumento della quantità di tempo che i bambini passato incollati ai dispositivi portatili e della necessità di integrare questa abitudine nell’esperienza di gioco per rimanere competitivi.

lego boost

Evitare l’isolamento dello schermo

Nel kit di Boost c’è anche una telecamera che consente alle costruzioni realizzate dai bambini di riconoscere i colori. Le creature costruite possono essere programmate per emettere dei suoni così da somigliare a degli esseri viventi: il ronfare tipico di chi dorme o il rumore di chi si versa da bere. I bambini possono anche registrare la propria voce e far pronunciare al loro giocattolo qualsiasi messaggio vogliano applicando un filtro sonoro che modifichi il suono così da far sembrare che sia proprio il robot a parlare. Il valore aggiunto che Lego porta al mercato dei giocattoli pensati per la programmazione è l’immediatezza e la semplicità di apprendimento: basta trascinare su un iPad i blocchi per far muovere a piacimento il proprio giocattolo. Servono solo pochi secondi per imparare a farlo. L’interfaccia interattiva permette ai bambini di non rimanere bloccati nel mondo dello schermo, rischiando quell’isolamento che spesso diventa l’incubo dei genitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

«La mia guida per insegnare la chimica alle scuole medie usando i Lego»

Un professore dell’Istituto Comprensivo di Siziano, in provincia di Pavia, racconta la sua esperienza: per insegnare ai suoi studenti la chimica usa i Lego (e una tavola degli elementi “aumentata”)

Lego ha lanciato il suo social network

Si chiama Lego Life: i bambini potranno condividere immagini delle proprie creazioni Lego, ma non foto personali. Si può anche chattare, ma con una tastiera customizzata anti-bulli

Scratch: il Lego virtuale per insegnare ai bambini a programmare

I ragazzi imparano meglio se coinvolti nel costruire qualcosa con un significato per loro, sia esso un poema o un programma per computer. Questo è Scratch.

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito