#Momsdontquit, il mondo del lavoro ha bisogno delle mamme!

Ancora troppe aziende chiedono alle donne di firmare dimissioni in bianco. Parte una campagna di sensibilizzazione sull’argomento con un video provocatorio

Dal 27 aprile è online una importante campagna di comunicazione dal titolo “Moms Don’t Quitle mamme non si dimettono”, che punta a contrastare una situazione che in Italia vede troppo spesso la maternità come un problema della donna che lavora.

Moms don’t quit è un progetto di comunicazione sociale e di sensibilizzazione, ideato e realizzato da FCB Milano – Agenzia Pubblicitaria player Internazionale, che opera in Italia da oltre 45 anni.

Il lancio di “Moms don’t quit” è sostenuto dal Gruppo RCS – con le testate Corriere della Sera, Io donna, Insieme, Io e il Mio Bambino – da tempo allineate nello sforzo di contrastare le ineguaglianze di genere in ambito lavorativo. Come StartupItalia! condividiamo pienamente i valori del messaggio della campagna: le mamme non devono dimettersi.

Oltre alla campagna stampa, Moms don’t quit viene declinata in affissione e online, attraverso il sito dedicato www.momsdontquit.it,  l’attivazione dei social media con l’hashtag  #momsdontquit   e si completa con il supporto di una strategia mirata di pubbliche relazioni  con  media on e offline, TV, radio,  influencer, Ong e Istituzioni.

 

 

Il video provocatorio: abbiamo chiesto alle mamme una lettera di dimissioni diversa

Al centro della comunicazione, un Video on line  che è una provocazione per estremizzare il problema rovesciandone le prospettive: le mamme poste di fronte alla scelta tra maternità e lavoro, scelgono provocatoriamente di leggere ai propri figli una lettera di dimissioni che nessuna donna si sognerebbe mai di dare: quella di dimissioni dal ruolo di mamma.

Le reazioni dei loro figli, spontanee e naturali di rabbia e rifiuto – per una scelta che nessuna donna dovrebbe mai essere costretta a fare – sono quelle che tutti gli adulti dovrebbero avere. Ciò nonostante ancora tanti, troppi, datori di lavoro, le considerano “necessarie”.

L’obiettivo della campagna è che questo messaggio possa sensibilizzare e motivare l’attenzione dell’opinione pubblica e delle Istituzioni, per promuovere un cambiamento delle attuali realtà lavorative delle donne in Italia.

Seguite l’hashtag #momsdontquit

 

 

Google lancia Tez, l’app per pagare via smartphone (anche a ultrasuoni)

Esordisce in India una nuova app per pagare e trasferire denaro attraverso il conto bancario sfruttando le onde sonore che identificano il pagatore e il beneficiario. Presto la tecnologia arriverà in altri Paesi emergenti

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo