Una scuola inglese cucina il Cottage Pie con le “sue” verdure e vince il Plant2Plate del WWF

Alla Oval School di Birmingham gli studenti vengono formati all’istruzione sostenibile: con un focus particolare sulla quantità di energia e di acqua necessari per produrre gli alimenti

La Oval School di Birmingham si è aggiudicata il primo premio del concorso Plant2Plate indetto dal WWF. A garantirgli la vittoria è stata la personalissima ricetta del Cottage Pie, un pasticcio di carne tradizionale tipico della cucina inglese, un ricco e gustoso mix di verdure. La particolarità? Tutte queste verdure sono coltivate a scuola. Gli studenti hanno seguito l’orto e hanno visto germogliare patate, carote, cavoli, bietole, melanzane, fagiolini e pomodorini. «Siamo molto appassionati alla coltivazione di prodotti alimentari, dal seme al piatto, qualsiasi esso sia, dal cavolo alla rapa fino al cocomero» ha dichiarato Camelia Paton-Devine, responsabile del progetto.
Oval School

L’intera filiera supervisionata dagli studenti

I bambini della scuola hanno scelto gli ingredienti e supervisionato l’intero processo, dalla raccolta fino alla preparazione del prodotto. Con la cucina all’interno della scuola, ogni membro del team ha avuto un ruolo. Tutti hanno affinato le proprie abilità e la squadra ha lavorato bene: «Creare la ricetta è stato molto divertente e tutti hanno svolto il proprio compito in maniera indipendente» ha aggiunto Camelia.

Cucinare e mangiare cibo sano nelle scuole

Gli insegnanti stanno lavorando già da tempo ad un progetto indirizzato all’istruzione sostenibile, per favorire la crescita, cucinare e mangiare cibo sano nelle scuole. La Oval School sviluppa le capacità e l’entusiasmo degli alunni per la coltivazione delle verdure: i bambini hanno bisogno di conoscere gli alimenti sostenibili, la quantità di energia e di acqua necessarie a produrli, e soprattutto devono sviluppare la capacità di conoscere e di prendersi cura del nostro pianeta e delle sue risorse. La Oval School di Birmingham potrebbe rappresentare un esempio di come, fin dall’infanzia, ci si possa occupare dell’ambiente e delle sue problematiche. Una buona educazione valutata, quindi, non solo in voti d’esame nelle materie tradizionali, ma una preparazione a tutto tondo sugli aspetti pratici. Naturalmente, anche molte altre scuole stanno portando avanti iniziative in questo settore, e offrono agli allievi fantastiche opportunità extra-curriculari con orti, giardinaggio e cucina locali, oltre a spazi esterni per giocare e imparare a rispettare l’ambiente. Tutte queste esperienze garantiscono l’opportunità di lavorare insieme all’aperto su un obiettivo comune, che si tratti di piantare bulbi o di crescere verdure. Attività che favoriscono un senso di comunità.

Formazione e sane abitudini

«Imparare a coltivare le piante e poi saperle riutilizzare in cucina sono abilità che li accompagnerà sempre. È fondamentale che i bambini siano incoraggiati e formati partendo da sane abitudini» ha detto sempre Camelia Paton-Devine. Lavorare insieme in cucina ora potrebbe anche avere un impatto sulla vita di questi bambini in futuro. «Stiamo portando i bambini della Oval School, al reparto alimentare dell’University College di Birmingham per mostrare loro come funziona una cucina professionale. Alcuni hanno già detto che vorrebbero una carriera da chef. Sono molto orgogliosa di averli ispirati verso questi obiettivi».

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rocket Lab ha lanciato il primo razzo con il motore stampato in 3D

Il test di lancio è avvenuto il 25 maggio in Nuova Zelanda e ha dimostrato la capacità di Electron di portare in orbita piccoli satelliti e di rendere lo spazio un po’ più accessibile a tutti