Google ha aperto una scuola per le competenze digitali nel centro di Londra

Si chiama Digital Skills Academy ed è pensata per fornire competenze digitali a studenti di tutte le età

Dai campus per gli imprenditori ad una scuola vera, dove ci si può recare senza limiti d’età per imparare le “digital skills”, le competenze digitali, ormai tanto indispensabili nel mondo lavorativo. Google ha aperto nel suo ufficio londinese la “Digital Skills Academy”, uno spazio di oltre 10 mila metri quadri pieno di prodotti targati Google per avvicinare quante più persone al mondo digitale (e in particolare al mondo Google).

Il supporto del governo

L’Academy è situata nel suo ufficio a Buckingham Palace Road, in zona Victoria, quindi pieno centro, e vi sarà impiegato lo staff Google appositamente addestrato per trasmettere competenze digitali a chi vorrà frequentarla. Se da una parte l’operazione può apparire come una mossa di marketing (gli studenti saranno immersi nei prodotti della grande G) dall’altra, l’idea di tenere dei corsi di digitale aperti a tutti potrebbe essere una buona opportunità per chi è assolutamente analfabeta in materia. Tra l’altro, l’apertura dell’Academy è stata supportata dal governo inglese, nello sforzo di diffondere la “cultura digitale” nel Regno Unito.

I corsi

“Abbiamo creato questo spazio per ispirare chiunque, dal bambino al Ceo d’azienda, a far parte del piano di Google per costruire forti capacità digitali in tutto il Paese” ha detto Ronan Harris, Managing Director di Google Uk ai media inglesi. Il primo corso inizierà già questa settimana, ma ancora non si sa quanto costerà: si chiamerà “Get started in tech” e sarà organizzato dal Prince’s Trust, l’organizzazione fondata dal Principe Carlo che si occupa di aiutare i giovani ad entrare nel mondo del lavoro attraverso training e formazione. Il corso verterà su come costruire una “brand story” ovvero un video che trasmetta uno storytelling aziendale.

La strategia

L’iniziativa si inserisce in un quadro più ampio di azioni che Google sta portando avanti per “coltivare” talenti nei settori digitali. Il colosso di Mountain View, infatti, ha già lanciato una serie di Campus in giro per il mondo con l’intenzione di offrire spazi di coworking agli ingegneri e imprenditori in cerca di team per sviluppare le proprie idee innovative. In questi Campus (sono sette finora, più un ottavo che verrà aperto a Berlino il prossimo autunno)  vengono attivati dei programmi intesi ad aggregare le persone, come startup weekend, hackathon, presentazioni e demo day. A Londra il Campus di Google per le startup si trova in zona Shoreditch, e l’apertura dell’Academy è un ulteriore segnale dell’interesse che la grande G ha nel far conoscere i suoi prodotti nella capitale inglese, dove, tra l’altro, sta per aprire un enorme headquarter in zona King’s Cross dove potranno alloggiare i suoi 7 mila dipendenti. 

@carlottabalena

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti