Connected Ability, un hackathon per tutti alla Microsoft House

36 ore di idee e tastiere per sviluppare soluzione tecnologiche che aiutino ciechi e ipovedenti a ottenere il massimo dal mondo che ci circonda

È partita puntuale questa mattina alla Microsoft House di Milano Connected Ability, la maratona di sviluppo messa in pista dal team italiano dell’azienda di Redmond: 36 ore alle prese con Visual Studio e Xamarin per mettere in piedi bit su bit idee e soluzioni utili a rendere più semplice usare un PC anche a chi è affetto da una patologia visiva. Cecità, ipovisione, sono moltissime le situazioni nelle quali l’impiego del tradizionale output a schermo risulta insufficiente per consentire a chiunque di sfruttare al massimo le capacità di un personal computer.

L’inizio dei lavori

Ai ragazzi arrivati a Via Pasubio ha dato il benvenuto Fabio Santini, head of innovation di Microsoft Italia: lo ha fatto ammettendo che lui per primo prima di iniziare a organizzare questo hackathon non sapeva molto di questo tipo di sviluppo e di interfacce pensate per i ciechi. Quale migliore occasione però, ha detto, per imparare qualcosa di nuovo? Ci sono già esempi, tutti italiani, di startup impegnate in questo settore: per esempio Snapback, che usa le gesture per controllare il proprio smartphone; oppure il wearable dbGLOVE, pensato per “scrivere con le dita” negli alfabeti Malossi e Braille e trascrivere tutto in automatico in digitale.

#ConnectedAbility : Hackathon sulle disabilità visive

#ConnectedAbility : Hackathon sulle disabilità visive

Geplaatst door Microsoft Developer op dinsdag 27 juni 2017

 

A un hackathon, comunque, si va con lo voglia di condividere la propria esperienza: così ha fatto per esempio Andrea Saltarello, presidente di UgiDotNet che ha collaborato a ideare e organizzare l’evento di oggi, raccontando come egli stesso si sia trovato ad affrontare le differenze che una patologia può creare anche all’interno della propria famiglia. È così che può scattare la molla, così che nasce la spinta a conoscere e imparare qualcosa di nuovo: così che si scopre come la tecnologia metta a disposizione strumenti sempre più avanzati e potenti per colmare ogni tipo di distanza tra i diversi utilizzi che si possono fare di un PC o di qualsiasi altro dispositivo. Non resta che darsi da fare.

Gli esempi dal Regno Unito

Con lo stimolo giusto, con l’obiettivo giusto si possono realizzare progetti fino a qualche anno fa impensabili. I sistemi cognitivi, il machine learning, l’intelligenza artificiale e sensori sempre più precisi e miniaturizzati creano oggi le condizioni ideali per sviluppare soluzioni un tempo giudicate impossibili: come l’app Seeing AI sviluppata da un ingegnere britannico alle dipendenze proprio di Microsoft, che ha creato un software capace di trasformare le immagini raccolte da un paio di occhiali-fotocamera che indossa (realizzati da Pivothead) in vere e proprie audio-descrizioni dell’ambiente che lo circonda. Il sistema analizza la foto e riconosce persone, oggetti, azioni: le racconta a chi inforca gli occhiali, offrendogli la possibilità di gustarsi di più il mondo che lo circonda.

Connected Ability, l’hackathon di Microsoft, andrà avanti tutto il giorno e tutta la notte: si concluderà domani 28 giugno alle 18, con la premiazione dei partecipanti.

Ti potrebbe interessare anche

#ScuoleInnovative, al via il tour nelle 52 città dove saranno realizzate le scuole del futuro

Parte da Monreale, in provincia di Palermo il tour di #ScuoleInnovative, l’iniziativa del Miur per la progettazione di 52 nuove scuole sul territorio nazionale

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)