Tutti i vincitori dell’hackathon Microsoft | Connected Ability

Dopo 2 giorni di sviluppo ininterrotto, scelti i migliori progetti. Idee concrete, pensate per aumentare l’accessibilità delle opere d’arte e della città

Hanno passato giorno e notte alla Microsoft House, tra uno spuntino e le tastiere dei loro laptop. Hanno ragionato, discusso, programmato e messo assieme cinque progetti ognuno diverso dall’altro. Alla fine c’è stato un solo vincitore, lo prevedevano le regole dell’hackathon: ma quella che si è respirata per le 48 ore dei Connected Ability è stata una bella aria.

I team in gara

Abbiamo fatto due chiacchiere con i partecipanti e ci siamo fatti raccontare da tutti loro cosa bolliva in pentola. Alcune idee sono parecchio concrete, come quella del team Voice MarkeTeam: Matteo Bortolazzo, Mattia Ducci, Enea Mwamba, Marco Lopez e Matteo Tammaccaro hanno lavorato a una piattaforma per l’ecommerce che consenta di fare la spesa solo attraverso la voce. Un sistema pensato per sfruttare Cortana e lo smartphone per fare la lista delle cose da comprare, ma anche per dare una mano tra le corsie del supermercato per individuare un prodotto che è stato spostato: una situazione che può mettere in difficoltà chiunque, ma che per un cieco può diventare un ostacolo davvero complicato da superare.

Molto interessante anche il lavoro di Bolopix: i quattro universitari membri del team (Martina Brunelli, Simone Dosi, Gian Maria Lunghi, Fabio Parlascino) hanno lavorato a un audio-gioco. Cassian and The Dragon’s Flame è un’avventura RPG da completare quasi soltanto seguendo l’audio-descrizione: l’interfaccia è ridotta al minimo, accessibile agli ipovedenti, e la voce narrante guida il giocatore tra dungeon, quest e dialoghi con i personaggi non giocanti. C’è un mercato fiorente per questo tipo di titoli: dunque lo sviluppo del gioco potrà continuare e approdare in vendita dopo la fine dell’hackathon.

Più visionaria e immaginifica l’idea di Giacomo Motta e Andrea Napolitano, i giovanissimi componenti del team Beta Wings che hanno creato ImageToMusic: hanno messo assieme un’app per trasformare un quadro o un’opera d’arte in musica, scattando una foto con lo smartphone e lasciando al software il compito di tradurre i pixel in un’onda sonora che interpreti i colori e le loro combinazioni in una vera e propria musica fatta di luce. Un’idea interessante, e che va oltre la semplice spinta all’accessibilità delle opere d’arte per chi non può vederle.

La squadra DuckBills, formata dai due studenti del Politecnico Lorenzo Farinelli e Francesco Guardiani, ha invece pensato a Maier: una app per rendere più accessibile la città, con il contributo da parte di utenti vedenti e non vedenti che segnaleranno lavori in corso, ostacoli, incidenti e punti a cui prestare attenzione quando ci si trova in strada. L’app informa il proprietario del telefonino su come aggirare gli ostacoli, ma è stata pensata per fare anche qualcosa di più: per esempio per raccontare i luoghi più interessanti (POI), una funzione che potrebbe tornare utile a tutti.

I vincitori

Alessio Magonza, Matteo Manzoni, Andrea Mottini, Gabriele Povolo e Luca Tartaglia: sono loro ad aver conquistato il gradino più alto del podio col loro team FreeWay e il loro progetto BI The Way. Un servizio di pubblica utilità che punta a dotare i mezzi pubblici di un piccolo ed economico dispositivo a bordo che segnali in modo puntuale a chi deve salire a bordo, via Bluetooth o via WiFi, quando arriva l’autobus e il treno giusto: pure questa un’idea pensata per consentire a chi non vede di distinguere le linee di trasporto l’una dall’altra, ma che potrebbe risultare utile anche a chi semplicemente si sta muovendo in una nuova città.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Grind2energy: dai diamanti non nasce niente, dalla spazzatura nasce energia

In Winsconsin gli scarti alimentari prodotti dai supermercati e dai ristoranti diventano fonte per la produzione di combustibile. Un sistema per abbattere i rifiuti solidi e produrre energia in modo sostenibile

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti