Il MIT lancia J-WEL, un laboratorio per esplorare l’educazione digitale in tutto il mondo

I ricercatori hanno l’obiettivo di fornire accesso a opportunità di apprendimento di alta qualità anche nei paesi in via di sviluppo

Il MIT ha recentemente inaugurato un nuovo laboratorio, il cui obiettivo principale sarà fornire strumenti educativi per le ragazze dei paesi in via di sviluppo. Si tratta di J-WEL, che metterà a disposizione open source del MIT, strutturando programmi dedicati a varie tipologie di alunni: bambini, universitari e lavoratori. Il nuovo laboratorio vuol essere un polo in grado di attirare educatori, tecnologi, politici e leader per affrontare le sfide globali dell’educazioni.

Una nuova offerta formativa per i bambini

Gli obiettivi principali sono tre: in primis, rinnovare l’offerta formativa per i bambini con un’età inferiore ai 12 anni. Riuscire a interfacciarsi con bambini in tenera età, significa poter porre delle basi concrete per l’educazione di domani. Secondo obiettivo: rinnovare  i livelli più alti di istruzione, inserendo nei corsi di laurea un’adeguata componente tecnologica, fattore indispensabile perché gli studenti di oggi possano essere adulti occupati in futuro.Infine, proporre un approccio più dinamico sull’aggiornamento professionale, effettuando degli studi su quali siano le skills più utili oggi.

“Grazie a J-WEL, creeremo collaborazioni nuove e durature imparando, condividendo e formando grazie agli strumenti messi a disposizione dal MIT “,  ha chiarito  Sanjay Sarma, vice presidente della sezione Open Learning del Mit “Ci siamo ispirati a un’idea già espressa da filosofi ed educatori: J-WEL aiuterà a far brillare il fuoco delle menti degli studenti e permetterà agli educatori di trovare soluzioni adeguate alle sfide più impegnative della comunità”.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti