Il MIT lancia J-WEL, un laboratorio per esplorare l’educazione digitale in tutto il mondo

I ricercatori hanno l’obiettivo di fornire accesso a opportunità di apprendimento di alta qualità anche nei paesi in via di sviluppo

Il MIT ha recentemente inaugurato un nuovo laboratorio, il cui obiettivo principale sarà fornire strumenti educativi per le ragazze dei paesi in via di sviluppo. Si tratta di J-WEL, che metterà a disposizione open source del MIT, strutturando programmi dedicati a varie tipologie di alunni: bambini, universitari e lavoratori. Il nuovo laboratorio vuol essere un polo in grado di attirare educatori, tecnologi, politici e leader per affrontare le sfide globali dell’educazioni.

Una nuova offerta formativa per i bambini

Gli obiettivi principali sono tre: in primis, rinnovare l’offerta formativa per i bambini con un’età inferiore ai 12 anni. Riuscire a interfacciarsi con bambini in tenera età, significa poter porre delle basi concrete per l’educazione di domani. Secondo obiettivo: rinnovare  i livelli più alti di istruzione, inserendo nei corsi di laurea un’adeguata componente tecnologica, fattore indispensabile perché gli studenti di oggi possano essere adulti occupati in futuro.Infine, proporre un approccio più dinamico sull’aggiornamento professionale, effettuando degli studi su quali siano le skills più utili oggi.

“Grazie a J-WEL, creeremo collaborazioni nuove e durature imparando, condividendo e formando grazie agli strumenti messi a disposizione dal MIT “,  ha chiarito  Sanjay Sarma, vice presidente della sezione Open Learning del Mit “Ci siamo ispirati a un’idea già espressa da filosofi ed educatori: J-WEL aiuterà a far brillare il fuoco delle menti degli studenti e permetterà agli educatori di trovare soluzioni adeguate alle sfide più impegnative della comunità”.

Calenda: “Tassare i robot? Bisogna governare la rivoluzione” I temi del G7 e dell’I-7 di Torino

Si apre il sipario sulla “Innovation Week italian”: sei giorni alla Reggia di Venaria, nei quali i ministri si trovano per parlare di industria, scienza e lavoro. Parallelemente al G7 si è aperto anche l’I-7 il summit guidato da Diego Piacentini e che riunisce 48 esperti di innovazione provenienti da tutto il mondo

Blockchain, tutto quello che c’è da sapere sulla tecnologia alla base dei bitcoin

Anche chi non condivide fino in fondo l’entusiasmo dei due autori canadesi, non può essere cieco di fronte alla capacità della tecnologia di adattarsi a un’infinità di usi in campi diversissimi tra loro: dalla finanza, al retail, passando per assicurazione e sanità. Ecco una guida per capire cos’è la blockchain e perché rappresenta il futuro della Rete

Cyber Mid Year Report, fra tendenze e nuove minacce. Le contromisure dell’Europa

La UE si mobilita con iniziative concrete per fare fronte ai continui attacchi informatici. Ecco cosa emerge dai report di metà anno di Cisco, Check Point, Security on Demand e della National Association of State Chief Information Officers (NASCIO)