Il MIT lancia J-WEL, un laboratorio per esplorare l’educazione digitale in tutto il mondo

I ricercatori hanno l’obiettivo di fornire accesso a opportunità di apprendimento di alta qualità anche nei paesi in via di sviluppo

Il MIT ha recentemente inaugurato un nuovo laboratorio, il cui obiettivo principale sarà fornire strumenti educativi per le ragazze dei paesi in via di sviluppo. Si tratta di J-WEL, che metterà a disposizione open source del MIT, strutturando programmi dedicati a varie tipologie di alunni: bambini, universitari e lavoratori. Il nuovo laboratorio vuol essere un polo in grado di attirare educatori, tecnologi, politici e leader per affrontare le sfide globali dell’educazioni.

Una nuova offerta formativa per i bambini

Gli obiettivi principali sono tre: in primis, rinnovare l’offerta formativa per i bambini con un’età inferiore ai 12 anni. Riuscire a interfacciarsi con bambini in tenera età, significa poter porre delle basi concrete per l’educazione di domani. Secondo obiettivo: rinnovare  i livelli più alti di istruzione, inserendo nei corsi di laurea un’adeguata componente tecnologica, fattore indispensabile perché gli studenti di oggi possano essere adulti occupati in futuro.Infine, proporre un approccio più dinamico sull’aggiornamento professionale, effettuando degli studi su quali siano le skills più utili oggi.

“Grazie a J-WEL, creeremo collaborazioni nuove e durature imparando, condividendo e formando grazie agli strumenti messi a disposizione dal MIT “,  ha chiarito  Sanjay Sarma, vice presidente della sezione Open Learning del Mit “Ci siamo ispirati a un’idea già espressa da filosofi ed educatori: J-WEL aiuterà a far brillare il fuoco delle menti degli studenti e permetterà agli educatori di trovare soluzioni adeguate alle sfide più impegnative della comunità”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Smart e integrata nell’ambiente urbano. L’estetica innovativa della torre Dicecell

L’azienda italiana Calzavara ha creato un’antenna per reti cellulari e sistemi IoT che si adatta allo stile cittadino. Può combinare illuminazione intelligente, una panchina riscaldata, interazione con strumenti digitali informativi e la possibilità di ricaricare smartphone e bici elettriche

Cibo e risorse naturali. Le 6 aree in cui la scienza può salvarci dalla catastrofe

L’Istituto per il cibo, la scienza e la tecnologia di Londra ha definito “chiara ed urgente” la necessità che scienza e tecnologia trovino delle soluzioni ai problemi di coltivazioni sicure e sostenibili