La pet-therapy entra nell’Università italiana. “Meno stress se un animale è in aula”

L’esperimento di uno studente diventerà un progetto stabile dell’Università di Teramo nell’ambito delle iniziative per il Welfare studentesco.

L’ansia e lo stress da esame universitario mettono in seria difficoltà gli studenti. Cosa si può fare per ridurre questo stato di agitazione? Magari farsi aiutare dai propri animali domestici… All’Università di Teramo la pet-therapy diventerà un progetto di ricerca, sulla base delle sperimentazioni di Gabriele Antonelli, neo-laureato in Tutela e benessere animale, con una tesi  dal titolo Analisi degli effetti e dell’interazione uomo-animale sullo stress pre-esame in un contesto universitario. La tesi è incentrata sull’impiego dei cani, due Golden Retriever, per ridurre l’ansia e lo stress da esame negli studenti universitari.

Pet-therapy

Antonelli ha applicato con successo il metodo antistress nel corso di alcune sedute d’esame all’Università di Teramo. Durante la sessione ha applicato lo studio alla Facoltà di Veterinaria, ma poi lo ha esteso anche ad altri corsi di laurea, per osservare le differenze di risultati tra chi affronta materie scientifiche, e chi quelle umanistiche. I ragazzi hanno notato una significativa riduzione dello stress e sono stati entusiasti del progetto. Vorrebbero poter avere sempre al proprio fianco un animale per gli esami più stressanti, perché si è mostrato un valido aiuto. Inoltre hanno riscontrato che a parità di preparazione chi ha usufruito del sostegno morale dell’animale è andato mediamente meglio degli altri.

Cosa succede quando il cane entra in aula

Antonelli ha analizzato i dati dei test di autovalutazione diagnostici che si utilizzano in psicologia, riscontrando che i valori oscillanti tra 50 e 100 registrati prima dell’incontro con l’animale, si sono ridotti di molto, fino a toccare i 40-45, nel momento in cui l’amico a quattro zampe è entrato in aula. Numerosi studi hanno dimostrato che la pet-therapy ha degli effetti calmanti sulla psiche delle persone, è una sorta di sostegno psicologico. Scaricare lo stress e la tensione ci fa rilassare in maniera da permetterci di affrontare con tranquillità un’esame. L’Università di Teramo è il primo ateneo italiano ad adottare un’iniziativa di pet-therapy per i propri studenti, ma all’estero è già stato collaudato: negli USA, da Harvard e Yale, in Australia, fino ad arrivare in Canada e in Scozia dove in alcune Università hanno istituito la “stanza del cucciolo”, un modo per  migliorare l’umore degli studenti e la qualità del loro studio.

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia