“Ho viaggiato fin qui”, 31 storie di ragazze che hanno scelto di vivere in Italia

Nel libro di Cristina Ceci e Francesco Iarrea sono raccolte le storie di giovani arrivate dalla Nigeria, dalle Filippine, dalla Polonia, dall’Egitto, dall’America Latina o dalla Russia. “Una gioventù mortificata” che affronta un viaggio della speranza per sfuggire alla povertà e alla miseria.

Chi sono i ragazzi che incontriamo sui banchi di scuola arrivati dalla Romania, dall’Ucraina, dal Perù? Perché sono arrivati nel nostro Paese? Volevano davvero venire in Italia? Dove si immaginano di vivere tra dieci anni?

31 storie di ragazze raccolte da Cristina Ceci e Francesco Iarrea

Spesso siamo solo preoccupati di insegnare loro l’italiano, di includerli ma pochi si fermano ad ascoltare le loro storie, il loro vissuto. Lo hanno fatto la giornalista Cristina Ceci e il geografo Francesco Iarrea che hanno raccolto 31 racconti di ragazze (solo tre sono maschi) arrivate dalla Nigeria, dalle Filippine, dalla Polonia, dall’Egitto, dall’America Latina o dalla Russia. “Una gioventù mortificata” come la definiscono gli autori di questo straordinario libro: alcune di loro hanno seguito la madre accompagnandola nel viaggio della speranza alla ricerca del lavoro per sfuggire alla povertà e alla miseria.

“Le adolescenti – scrivono Ceci e Iarrea – vengono condotte in Italia dove ricominciano da capo. Fanno nuove amicizie scolastiche, frequentano gli ambienti del Bel Paese. Un marasma di costumi e tradizioni che stravolge le antiche consuetudini”.

La storia di Adriana in Italia per cercare la mamma

E così scopriamo che Adriana Zhepa, 15 anni, è arrivata in Italia perché le mancava la mamma: “Quando avevo solo tre anni – racconta la ragazza – mia madre si è trasferita in Italia e io sono rimasta con i nonni materni e mia sorella. Frequentavo la scuola elementare, avevo tanti amici e nel quartiere mi conoscevano tutti e tutti mi volevano bene. Dopo la morte della nonna, ho continuato a vivere con il nonno. Con il passare del tempo l’immagine di mia madre si allontanava sempre più, ero malinconica sia per la sua assenza sia perché mi rendevo conto che la stavo dimenticando del tutto”.

Adriana è tra quelle ragazze che sognano di tornare in Ucraina ma Anelys Franco, 18 anni, arrivata dall’Ecuador, Angie Fuentes, 17 anni, dal Perù così come la nigeriana Blessing, immaginano di vivere in Italia tra dieci anni. Ragazze che ormai amano l’Italia, i suoi sapori e i suoi libri: Celina, 16 anni sogna in lingua filippina ma il suo libro preferito è “Io non ho paura” di Niccolò Ammaniti.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti