Comunicazione, strumenti e processi. I risultati di XYZ, il laboratorio della Scuola Open Source

Dallo sviluppo di strategie di comunicazione, partendo dall’analisi dei dati, a un format didattico partecipato per la progettazione dei master. L’intervista a Alessandro Tartaglia, direttore della Scuola Open Source, sugli output di XYZ.

Si chiude il laboratorio di co-progettazione XYZ, organizzato a Bari, dal 23 al 31 luglio, dalla Scuola Open Source (SOS). Quarantacinque partecipanti si sono confrontati con docenti provenienti da altri centri di cultura indipendente per smontare e rimontare processi, raccogliere e analizzare dati, progettare e definire strategie di comunicazione con l’obiettivo di scrivere il futuro della Scuola Open Source. Con Alessandro Tartaglia, direttore della scuola, abbiamo ripercorso i tre assi cartesiani x, y e z, ovvero le tre macro-aree comunicazione, strumenti e processi, per capire cosa è successo nelle giornate di svolgimento del laboratorio e gli output prodotti. Certo è che questa è una delle edizioni (la quarta) più riuscite del laboratorio, perché, dice Alessandro Tartaglia, “il team della scuola era già rodato come squadra e la durata, concentrata in sette giorni, ha dato meno spazio alla teoria e alle grandi discussioni e maggiore agli scambi operativi, sviluppati a partire dagli output raccolti nella scorsa edizione”.

Il team di XYZ

L’asse X: comunicazione

Si è parlato di propaganda, caratteri tipografici e web design (lato user experience e interfaccia grafica) per definire l’identità di SOS e le strategie di comunicazione da mettere in campo. «Sono stati realizzati – spiega Tartaglia – dei sondaggi tra i partecipanti al laboratorio e all’esterno, attraverso mailing e strumenti social, sulla percezione della scuola, anche attraverso l’identificazione con delle citazioni prese da autori diversi, e sul senso dato a parole chiave come sud e lavoro che hanno restituito alcuni dati. Mettendoli a valore in modalità open attraverso dataset e Api, saranno resi fruibili in un unico contenitore e agganciati a visualizzazioni utili a definire le strategie di comunicazione». I partecipanti hanno anche lavorato sul gestionale della piattaforma SOS, al restyling del sito e all’upgrade del carattere tipografico Freak Grotesk (nato dalla manomissione, in modo generativo, di HK Grotesk e in cui le parole sono disposte sui quattro angoli dello spazio e possono essere accompagnate da una macchia che rappresenta l’elemento di identità), utilizzando algoritmi Python che creano grafiche dinamiche. Sarà inoltre realizzato un libro che racconta i progetti di innovazione sociale promossi dalla Scuola Open Source.

I partecipanti ai laboratori XYZ

L’asse Y: strumenti

I partecipanti hanno lavorato allo sviluppo di Asimov 2, il sistema di accesso che permette di tenere la scuola aperta 24 ore su 24, basato su sensori capacitivi e un sistema di autenticazione con badge e pin. «Rispetto alla versione precedente, si è passati dall’utilizzo di Arduino a Raspberry e all’implementazione della tecnologia bluetooth che ha sostituito i limiti dell’intranet e della connessione a internet». É stato anche progettato un giunto per creare mobili, autofresandoli o stampandoli in 3D, e messo a punto un sistema di crediti basato sull’economia alternativa, in cui non si accumula ma si genera valore attraverso una “paravaluta”: chi supporta le attività matura dei crediti che potrà impiegare nella realizzazione di ulteriori attività, coinvolgendo, con lo stesso principio, altri soggetti.

L’asse Z: processi

Oltre debuggare i processi gestionali e di governance sviluppati negli 8 mesi precedenti, è stato realizzato e rilasciato in open source un documento che simula il funzionamento della scuola: è una specie di gioco da tavola con delle carte che riprendono gli eventi che possono accadere e fungono da stress test. «Lungo quest’asse, si è anche lavorato allo sviluppo di un format didattico, che partirà tra settembre e ottobre, per l’organizzazione di percorsi formativi sul tema dell’innovazione sociale, declinato nelle varie discipline trasversali: raccolta e analisi dei dati, codici, making, user experience, etc. Il format è guidato dalla co-progettazione: c’è un gruppo di lavoro che si incontra, struttura il percorso formativo (dalla durata, all’argomento, al costo) e lo realizza con le proprie competenze». Ultimo output di questo laboratorio è stata la redazione di un documento, collegato all’asse X, ispirato dalla volontà di costruire una community e che analizza il rapporto di SOS con il territorio, per comprendere le aree di miglioramento.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

Petit Pli, gli abiti progettati per crescere insieme ai bambini

Petit Pli è una tuta sportiva neutra e impermeabile il cui tessuto si allunga e si adatta perfettamente a bambini dai 6 mesi ai 3 anni. In questo modo i genitori non saranno costretti a comprare di continuo vestiti per i loro figli in crescita

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti