Lucia Lorenzini

Lucia Lorenzini

Ott 13, 2017

Dislessia 2.0, una piattaforma online di supporto alle famiglie e alla scuola

Nata da un’idea della Fondazione TIM, Dislessia 2.0, è realizzato con l’appoggio del MIUR e del Ministero della Salute

Un approccio digitale e integrato alla dislessia. Con questa idea nasce la piattaforma Dislessia 2.0 Soluzione Digitale, un’idea della Fondazione TIM che ha avviato il suo primo progetto sul tema nel 2009. Dislessia 2.0 è realizzato con l’appoggio del MIUR e del Ministero della Salute, e propone una piattaforma online che mette in relazione scuola, aziende sanitarie, famiglie, enti come la Fondazione TIM, e ovviamente, lo Stato.

Il progetto è realizzato in partnership con l’Istituto di Scienze Applicate e Sistemi Intelligenti “Eduardo Caianiello” (ISASI) e con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) in collaborazione con l’Associazione Italiana Dislessia, l’Istituto Superiore di Sanità, l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù.

Sono tre le applicazioni pratiche di questo progetto

[email protected]:

Piattaforma di Screening per l’Analisi del Rischio di disagi della comunicazione tramite nuove Tecnologie. Ha l’obiettivo di implementare e promuovere un protocollo di individuazione precoce dei disturbi della comunicazione. Il progetto sfrutta il network naturale di smartphone e tablet, implementando una piattaforma web per iOS e Android e comuni browser, dando la possibilità ai genitori di compilare un questionario la cui validità è riconosciuta sulla base dei principi dell’Evidence Based Medicine. L’identificazione precoce e attendibile dei bambini con ritardo di linguaggio consentirà l’attivazione di interventi riabilitativi tempestivi, prevenendo così la comparsa di effetti negativi sulle abilità relazionali e scolastiche e promuovendo l’integrazione del bambino e della sua famiglia.

Dislessia on line:

sviluppata dall’Unità Operativa Complessa di Neuropsichiatria Infantile dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù, grazie a questa applicazione i bambini e i ragazzi potranno effettuare un primo screening on line e eventualmente una terapia di recupero mirata a risolvere il disturbo di lettura, con esame finale per verificare l’apprendimento.

Dislessia amica:

Si tratta di un percorso formativo e-learning rivolto al personale docente, la cui finalità è di ampliare le conoscenze metodologiche, didattiche, operative e organizzative necessarie a rendere la Scuola realmente inclusiva per gli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento. E’ una piattaforma gratuita per tutti gli Istituti Scolastici che ne fanno richiesta.

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter