immagine-preview

Mag 5, 2018

“Women in Technology”, il concorso per ragazze che vogliono fare le imprenditrici

Il programma è organizzato da Fondazione Mondo Digitale e Costa Crociere Foundation

Da grande farò l’imprenditrice. Non è più un sogno per 220 studentesse delle scuole superiori di Sicilia, Campania, Calabria e Lazio che hanno partecipato a “Women in Technology”, il programma di Fondazione Mondo Digitale e Costa Crociere Foundation dedicato all’imprenditoria femminile.

Un premio al successo formativo e professionale delle giovani donne, in particolare nel Sud Italia. Per oltre un anno le ragazze hanno lavorato in gruppo per sviluppare una idea di impresa, creare soluzioni innovative per migliorare l’esperienza di viaggio e realizzare prototipi nei laboratori di fabbricazione digitale. Per coprire i costi di realizzazione del prodotto hanno sperimentato il crowdfunding con la piattaforma di innovazione sociale Phyrtual.org. Una giuria di aziende e professionisti hanno valutato i loro micro progetti imprenditoriali di innovazione sociale dedicati all’esperienza di viaggio.

I progetti premiati

Nei giorni scorsi si sono svolte le premiazioni al porto di Palermo e sono usciti dei progetti davvero innovativi. Il primo posto se l’è aggiudicato il liceo scientifico “Volterra” dove hanno creato un sistema push pull per ridurre l’ingombro di due valige a una, sovrapponendole in maniera semplice e pratica. Sul podio, sotto di un gradino, l’istituto “Finocchiaro Aprile” di Palermo che ha creato un’app per migliorare le attività di orientamento e intrattenimento durante una crociera.

Terzo classificato a pari merito il “Pietro Piazza” sempre del capoluogo siciliano che ha costruito una caffettiera portatile in fibra di carbonio e acciaio , pratica e leggera, da portare sempre con sé e il “Tognazzi” di Napoli che ha invece sviluppato un kit assemblabile pret-à-porter per neonati. La giuria ha deciso di assegnare anche un premio speciale al “Vito Volterra” di Ciampino per aver dato vita a un power bank che usa l’energia cinetica prodotta dal corpo per ricaricare il cellulare. Idee davvero innovative che fanno ben sperare nei nostri giovani e nella nostra scuola che è capace di essere all’altezza delle sfide del momento.

 

Rimani sempre aggiornato sui
temi di StartupItalia!
iscriviti alla newsletter