E’ americana la vincitrice del Premio Nobel per l’insegnamento (e di un milione di dollari)

Nancie Atwell, professoressa di inglese del Maine, ha vinto il Global Teacher Prize: “Amo la mia vita di insegnante e tutte le sfide intellettuali, sociali e personali che ho sempre affrontato”

Dubai, 15 marzo 2015. L’americana Nancie Atwell, insegnante del Center for Teaching and Learning in Edgecomb nel Maine, è stata proclamata vincitore del Global Teacher Prize della Varkey Foundation e di un milione di dollari in dieci anni a patto che continui ad insegnare per almeno altri cinque anni. Nella top 50 erano presenti anche due insegnanti italiani, la professoressa Daniela Boscolo dell’ITSE C. Colombo di Porto Viro e il professore Daniele Manni dell’Istituto Galilei Costa di Lecce. “Grandi complimenti alla collega, a tutti i 10 finalisti, Mi sono letto le loro storie e devo dire che sono persone validissime. Sono felicissimo di questo vittoria”, ha dichiarato Danile Manni in seguito all’annuncio del vincitore.

 premio nobel

Da tutti chiamato come Premio Nobel per l’insegnamento, il  Global Teacher Prize è il più grande premio del suo genere ed è stato istituito per riconoscere l’importanza del ruolo dell’insegnante a livello mondiale. Nancie ha ricevuto il premio durante il Global Education and Skills Forum (GESF) 2015, alla presenza di Bill Clinton, Presidente Onorario della Fondazione Varkey, e dello Sceicco Mohammed Bin Rashid Al Maktoum, il Vice Presidente e Primo Ministro degli Emirati Arabi e governatore di Dubai e fondatore della Fondazione Varkey.

Nancie Atwell è stata scelta tra dieci finalisti da una accademia globale composta da personalità di spicco, tra cui il pluripremiato attore Kevin Spacey, l’attivista Geoffrey Canada e Martha Lane Fox.

Sono saliti sul podio dei migliori insegnanti del mondo anche i professori Stephen Ritz di New York e Naomi Volain di Springfield in Massachusetts.Il premio è stato istituito per far comprendere l’importanza del ruolo degli insegnanti nella società. Sono state dissotterrate migliaia di storie di eroi di tutti i giorni che hanno trasformato la vita dei loro giovani studenti.

Nancie Atwell ha scoperto il suo amore per i libri da bambina, mentre era costretta a letto da una febbre reumatica. Insegna inglese in un laboratorio di lettura e scrittura. Nel suo laboratorio, gli studenti scelgono gli argomenti di cui intendono scrivere e realizzando loro stessi i libri che leggono. Leggono così una media 40 libri ogni anno. Nel 1990, Nancie ha fondato il Center for Teaching and Learning, allo scopo di sviluppare e diffondere buone pratiche di insegnamento e nuovi metodi di apprendimento.

premio nobel

Nancie Atwell ha dichiarato:”Sono onorata e orgogliosa di ricevere il Premio Globale Maestro. Festeggio in compagnia di questi nove colleghi straordinari che hanno fatto parte di questo viaggio: Kiran Bir Sethi, Guy Etienne, Jacque Kahura, Phalla Neang, Stephen Ritz, Azizullah Royesh, Madenjit Singh, Richard Spencer, e Naomi Volain. Amo la mia vita di insegnante – con tutte le sfide intellettuali, sociali e personali che ho sempre affrontato e amo lavorare con i giovani, con la soddisfazione di sviluppare nuovi metodi di apprendimento che trasformano la loro vita e quella degli altri. Sono grata alla Fondazione Varkey per questo Premio”

Di seguito la gallery dell’evento di premiazione:

Ti potrebbe interessare anche

Daniele Manni, in corsa per il Nobel: “Ecco la startup per i campi scuola”

Il professore, candidato al Premio Nobel per l’insegnamento, ha coordinato il progetto “Salentour 4 Fun”, startup creata dai suoi alunni, che organizza viaggi d’istruzione in Salento

Lettera a Matteo Renzi dal candidato al Nobel per l’insegnamento

Daniele Manni, professore di Lecce, scrive a Renzi due proposte per riformare la scuola: valorizzare di piú i docenti e alzargli lo stipendio

Nobel degli insegnanti: in finale solo un europeo (e non è italiano)

Il Global Teacher Prize premia con un milione di dollari un insegnante che si è distinto per innovazione, inclusione e capacità di ispirare gli studenti

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia