La Milano dell’Expo parla alle ragazze (tech): al via Nuvola Rosa

Dal 19 al 21 maggio c’è Nuvola Rosa: corsi gratuiti di scienza e tecnologia dedicati alle studentesse, per colmare il divario di genere nelle materie Stem

Dal 19 al 21 maggio c’è l’iniziativa Nuvola Rosa, per la promozione dell’alfabetizzazione digitale delle ragazze. Sono arrivate, a Expo 2015, 2.600 studentesse provenienti da 8 regioni d’Italia e 12 paesi (Inghilterra, Grecia, Lettonia, Turchia, Spagna, Olanda, Giappone, Serbia, Svizzera, Vietnam, Austria e Germania). Durante l’iniziativa, organizzata da Microsoft, Asus, Aviva e Accenture, in collaborazione con la Fondazione Mondo Digitale, le studentesse parteciperanno a percorsi gratuiti di formazione tecnico-scientifica con l’obiettivo di colmare il divario di genere nella scienza, nella tecnologia e nella ricerca. Nuvola Rosa ha anche il supporto di organizzazioni internazionali come l’International Telecommunication Union (ITU), il Centro Regionale di Informazione delle Nazioni Unite (UNRIC) e UN Women.

nuvola_rosa-650x370

Nuvola Rosa nasce dalla consapevolezza che intraprendere percorsi tecnico-scientifici e acquisire competenze digitali significhi assicurare alle giovani donne un accesso più rapido al mondo del lavoro, garantendo un’equa presenza di genere nell’industria, nell’economia, nella politica e nella vita sociale attiva.

Sono 41 le scuole italiane coinvolte dalla Fondazione Mondo Digitale: il 19 maggio si è dato il via alla tra giorni con la conferenza di apertura “Tecnologia cibo per la mente”. Il 20 e 21 maggio le studentesse parteciperanno ai training formativi presso l’Università Bicocca (le ragazze italiane delle scuole secondarie) e presso la Bocconi (quelle straniere). Dai big data, cloud, social media, internet security e app fino alla riflessione sulle proprie potenzialità e capacità. Le tipologie di percorso sono tre: Pink Teens, Pink Academics e International Pink.

Il direttore generale della Fondazione Mondo Digitale, Mirta Michilli, interverrà alla conferenza stampa di chiusura “Digital Workforce – Siamo pari, siamo digitali”, in programma il 21 maggio alle 14,30. Dopo tre giorni di immersione nelle materie Stem (science, technology, engineering e mathematics) la manifestazione si chiuderà con il confronto tra responsabili delle risorse umane e rappresentanti di istituzioni, aziende e mondo non profit con l’obiettivo di fare il quadro su prospettive e sfide del rapporto tra digitale e mondo del lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Contro il gender gap nel digitale torna Nuvola Rosa

Dal 19 al 21 maggio, a Milano, corsi di formazione gratuiti su digitale e tecnologia dedicati alle studentesse delle scuole superiori

CodingGirls Roma-USA, 90 ragazze programmatrici alla Palestra dell’Innovazione

Il 18 ottobre parte l’hackathon guidato dalle coach di Girls who Code con laboratori di Scratch ed elettronica per le bambine

Google e Disney insieme con un cartoon sul coding per i bambini

Si chiama “Miles from tomorrowland”, protagonista una famiglia che vive nello spazio. Miles è un bambino avventuriero e sua sorella Loretta è un esperta di programmazione

Le 35 startup scelte dal Network Incubatori e Parchi Scientifici e Tecnologici per la settima edizione del Premio Gaetano Marzotto

Tutti i vincitori della selezione milanese della settima edizione del Premio Marzotto. Trentacinque nomi che appartengono a diversi settori industriali, e che concorreranno alla vittoria finale del premio. Prossimi appuntamenti: Trissino 27 ottobre, e poi la finale di Roma il 23 novembre 2017

La piattaforma pensata per i professionisti arriva sullo smartphone con l’app ProntoPro

Il sito che mette in comunicazione artigiani, imprese e professionisti con i clienti è disponibile anche tramite un’applicazione che permette a chi offre un servizio di gestire il suo lavoro anche fuori dall’ufficio, in ogni momento

Noi cuciniamo, tu fai lo chef. Ecco i meal kit di Amazon

Un’indiscrezione di TechCrunch racconta di una serie di marchi e slogan registrati a tema cibo, fra cui quelli relativi a un servizio di consegna a domicilio di kit con ingredienti pronti per “costruire” un pasto. E non solo