Risolve il cubo di Rubik in 5 secondi: è Feliks, 19 anni, e due volte campione del mondo

L’australiano Feliks Zemdegs ha vinto per la seconda volta i campionati mondiali di cubo di Rubik in Brasile, risolvendo il rompicapo in 5,69 secondi. Per pochissimo non ha battuto il record del mondo

Chiunque l’abbia avuto in mano sa quanto sia facile trascorrere ore e ore nel tentativo di risolverlo (salvo rinunciarci subito). Il 19enne Feliks Zemdegs, invece, lo scorso 19 luglio, ci ha impiegato solo 5.69 secondi (di seguito il video). Il teenagers australiano ha vinto, per la seconda volta di fila, i campionati mondiali di cubo di Rubik, in Brasile, confermandosi “cubler” più veloce al mondo. Ci è mancato poco, anzi pochissimo, perché non eguagliasse il record mondiale, stabilito lo scorso aprile dall’americano Collin Burns: Feliks è stato più lento di soli 44 decimi di secondo. “Non ho battuto il record per un piccolo errore mentre completavo il cubo – ha detto il teenager all’Huffington Post – me ne sono accorto immediatamente. Ma non fa niente: il record si può sempre battere in una gara, e il mio obiettivo in Brasile era essere il più veloce di tutti: ce l’ho fatta”. 

[youtube id=”L3tSb_SsOtM” parameters=”https://www.youtube.com/watch?v=L3tSb_SsOtM”]

9 quadrati su 6 facce

Il Cubo di Rubik è stato inventato nel 1974 da un professore di architettura ungherese, Ernő Rubik. Inizialmente si chiamava Cubo Magico; il suo successo comincia nel 1980 quando la Ideal Toys lo ribattezza “Cubo di Rubik” e inizia a commercializzarlo, portandolo in tutto il mondo e rendendolo il giocattolo più venduto della storia, tra versioni originali e le imitazioni successive. La versione classica ha 9 quadrati colorati su ognuna delle 6 facce del cubo: la sfida è posizionare i quadrati dello stesso colore sulla stessa faccia. Detto così, sembra facile: in realtà le combinazioni possibili sono 43.252.003.274.489.856.000. Per risolvere il rompicapo sono stati studiati degli algoritmi, tramutati in metodi precisi. La cosa davvero impressionante è che i teenagers che partecipano ai campionati mondiali di cubo di Rubik eguagliano addirittura i robot: in questo video una macchina risolve il cubo in 5.35 secondi: poco più veloce di Feliks ma più lenta rispetto al record mondiale di Collin.

Il segreto? Pazienza ed esercizio

Ai campionati mondiali 2015 a San Paolo, in Brasile, hanno partecipato più di 423 persone da 41 paesi diversi, tutti estremamente giovani. Guardare i video in cui questi ragazzi risolvono in pochi secondi il rompicapo è quasi ipnotico: un intreccio di dita, di colori che si muovono e in un attimo il gioco è fatto. Secondo Feliks Zemdegs  non bisogna essere dei genii per risolvere un cubo di Rubik, chiunque può farlo seguendo i tutorial su Youtube. Quello che forse non tutti hanno, però, è la pazienza di imparare il metodo ed esercitarsi. Prima del campionato Feliks si è esercitato per un mese, circa 6 ore al giorno.

“Per diventare veloci servono ore e ore di esercizio. Niente di speciale, solo tantissimi cubi da risolvere. Per prepararmi alla gara mi siedo con diversi cubi e mi esercito, ne faccio anche cento.

Resto sempre molto affascinato dagli autodidatti, quelli che lo risolvono senza aver studiato il metodo: penso che sia incredibilmente difficile da fare”.

Brain training da campioni

Un esercizio come quello di risolvere un cubo di Rubik è un ottimo allenamento per la mente. Lo stesso Feliks lo ha ammesso: tiene la mente attiva, esercita le capacità di problem solving. Il fatto di avere un altissimo numero di combinazioni possibili, poi, significa che ogni volta che si gioca è diversa dall’altra. C’è chi ha un colore preferito dei 6 presenti sul cubo, ma non è il caso del campione del mondo: “Alcuni di noi cominciano a risolvere il cubo a partire sempre dallo stesso colore. Altri, invece, cominciano indifferentemente da qualsiasi faccia: io faccio parte di quest’ultima categoria, i neutri del colore. Ma se proprio dovessi scegliere, prenderei il verde”. 19 anni e già due titoli mondiali: ma chi è sul podio tra i più veloci al mondo ha tra i 15 e i 21 anni. Per quanto si può continuare a esercitarsi col cubo? “Continuerò finché non troverò un lavoro – risponde Feliks – oppure finché non crescerò! Ma l’aspetto più bello è la comunità che si crea intorno a queste gare. Continuerò a venire ai campionati anche se non sarò il più veloce del mondo”.

@carlottabalena

 075507-22306178-f9c3-11e2-8a27-d52f6ab604f5

Ti potrebbe interessare anche

Con i giocattoli intelligenti i bambini imparano prima

[email protected] Digitales 3.6” è il progetto dell’Università Federico II per stimolare l’apprendimento dei bambini nella scuola d’infanzia.

Andrea, 19 anni, progetta un farmaco anti-Ebola e va in finale alla Google Science Fair

Andrea Senacheribbe è l’unico italiano arrivato in finale alla fiera di Google dedicata a giovani scienziati under 20. In palio, premi per 130 mila dollari

Lego cerca un’alternativa alla plastica (e investe 100 milioni di euro)

L’azienda sta per investire 1 miliardo di corone danesi nella ricerca. Obiettivo? Trovare un materiale più sostenibile della plastica col quale produrre i famosi mattoncini

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti