Da avvocato ad artista mondiale dei Lego: Nathan Sawaya in mostra a Roma

“The art of the brick” è l’esposizione dell’artista Nathan Sawaya, scultore che utilizza i mattoncini Lego: le sue opere in mostra fino al 3 aprile

Per fare il Pantheon ha impiegato 30.201 mattoncini. Per una ragazza quasi a dimensioni reali 10.213. Ogni scultura ha la sua targhetta, con nome e numero di mattoncini impiegati per realizzarla. Viene da chiedersi come faccia a contarli. Nathan Sawaya è l’artista dei Lego. Dal mappamondo alla Gioconda, per lui sembra che non ci sia niente che non possa essere riprodotto in mattoncini di plastica. La mostra “The art of the Brick” allestita allo Spazio Eventi Tirso a Roma, fino al 3 aprile, apre le porte del mondo di Nathan Sawaya: in tutto un milione di Lego strutturati in oltre 80 sculture.

mostra Lego

Vedere Klimt in Lego

Che siate appassionati o no di mattoncini colorati, la mostra vale il prezzo del biglietto. Se non altro per conoscere la storia di questo artista fuori degli schemi, che ha lasciato il suo impiego da avvocato a New York per dedicarsi completamente alla sua passione da bambino, facendone un lavoro. Così nasce un percorso fatto di riproduzioni di opere d’arte famose (dal “Bacio” di Klimt all’”Onda” di Hokusai), di statue di marmo fatte in Lego (il David, o il Pensatore), di sentimenti personificati, come l’amore, la libertà, la perdita di una persona amata.

IMG_1687

Mettere insieme un milione di pezzi

In un video proiettato nelle sale della mostra si vede come Nathan Sawaya costruisce le sue sculture: un lavoro certosino, fatto di traiettorie, proporzioni, colla. Perché per mantenere il peso delle sue sculture, che spesso sfidano la forza di gravità, non basta incastrare i mattoncini. Si vede Nathan che costruisce una figura umana: mette un mattoncino di troppo in un polpaccio, la figura è sproporzionata. L’artista prende scalpello e martello e rompe tutto: si comincia da capo. E in un attimo è lampante che costruire opere che abbiano forza, espressività e che colpiscano lo spettatore, non è proprio così semplice. Nei suoi atelier di New York e Los Angeles Nathan Sawaya possiede più di 4 milioni di mattoncini colorati, riposti in scatole divise per grandezza, tipologia e colore. Nelle sue mani ha una dote straordinaria, che ora sempre più persone apprezzano: quella di pixelare il mondo un mattoncino alla volta.

@carlottabalena

IMG_1679

IMG_2676

IMG_1666

Ti potrebbe interessare anche

Adesso l’omino Lego corre anche in carrozzina

Un personaggio Lego su sedia a rotelle è apparso per la prima volta al mondo durante una fiera di giocattoli internazionale. L’azienda danese ha così ceduto alle pressioni dei genitori di bambini disabili attraverso la campagna #ToyLikeMe

Il lavoro dei sogni esiste davvero. Lego assume “costruttori” per i suoi luna park

Il “Lego model builder” costruisce sculture con i mattoncini Lego da inviare ai parchi divertimento a tema nel mondo. In Florida se ne cercano 20 (ma le selezioni sono dure)

La protesi fatta con i Lego che aiuta i bambini disabili (giocando)

Arriva dalla Svezia IKO, un sistema di protesi modulabili e personalizzabili con i Lego direttamente dal bambino che le indossa. E’ stato realizzato nell’Istituto di design di Umeå

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli