Al via l’Open Education Week, per la diffusione libera di conoscenze e materiali

Dal 7 all’11 marzo in tutto il mondo c’è la Open Education Week: una settimana dedicata all’istruzione open source per la condivisione di materiali e conoscenze

Si è aperta oggi la Open Education week 2016, la settimana, dal 7 all’11 marzo, dedicata all’istruzione “open”. L’obiettivo della settimana è diffondere consapevolezza sulle opportunità offerte dalla scuola aperta, gratuita e liberamente accessibile (soprattutto online) e sottolineare come il settore open source possa aiutare tantissime persone a migliorare la loro istruzione e ad affinare le proprie competenze per il lavoro e per la vita. La Open Education Week è coordinata dal Consorzio per l’Open Education, un’associazione che riunisce centinaia di istituzioni tra università e scuole in tutto il mondo che diffondono gli ideali dell’istruzione “open”. Durante questa settimana le istituzioni che aderiscono al consorzio organizzano eventi sul loro territorio, ma soprattutto molti webinar online. In Italia non è previsto nessun evento “offline”, ma studenti e insegnanti potranno seguire i numerosi seminari online che sono in programma per tutta la settimana, come quello sui Creative Commons e le open policies, oppure il corso organizzato dall’Università di Manchester sul “Creative Learning”.

Schermata 2016-03-07 alle 13.05.12

Cos’è l’Open Education?

L’Open education racchiude tutte quelle risorse, strumenti e pratiche open source che mirano a migliorare l’accesso all’istruzione e la qualità della scuola in tutto il mondo. L’Open Education combina la tradizionale condivisione del sapere con le tecnologie di oggi per creare una vasta gamma di risorse accessibili apertamente; l’obiettivo è aumentare sensibilmente le opportunità di studio di tutti, sfruttando internet e la crescente disponibilità delle persone a connettersi. “Open” è la chiave del successo, perché non consente solo l’accesso alla conoscenza ma anche la libertà di modificare e usare materiali, informazioni e reti per personalizzare il percorso di apprendimento secondo le necessità di ognuno.

Perché è importante?

Perché aiuta le persone a raggiungere a pieno il loro potenziale. Gli studenti possono avere informazioni aggiuntive, gli insegnanti possono accedere a materiali nuovi e aggiornamenti, i lavoratori trovare informazioni utili per il loro mestiere. Le facoltà universitarie possono fornire fonti, i ricercatori possono condividere i loro dati e sviluppare reti con altre persone.

Gli eventi online

Qui si può vedere il programma di tutti gli eventi online. I corsi variano per temi e per target. Alcuni esempi: “Disruptive Bytes on Open Education”, “Music education across school subjects”, “STEM literacy and OER Commons” e molti altri. 

  • Luca Bernava

    Per tutti gli operatori della formazione interessati alla ricerca e alla pratica nel settore delle Tecnologie Didattiche con l’obiettivo di contribuire allo sviluppo del settore in Italia http://www.tdjournal.itd.cnr.it da 22 anni e con Licenza Creative Commons Attribuzione – Non Commerciale 4.0 Internazionale.

Ti potrebbe interessare anche

3 dodicenni sardi hanno creato una LIM fai-da-te

Con una consolle di gioco, un proiettore e un pc, Davide, Fabio e Marco di un Istituto di Sestu (Cagliari) hanno creato una LIM autoprodotta e low cost. La dirigente scolastica Alessandra Patti ci racconta come hanno fatto

50K per la Scuola Open Source di Bari, dove ognuno sceglie cosa imparare. Gratis

Intervista a Alessandro Tartaglia, uno degli ideatori della Scuola Open Source (SOS), un centro di formazione dedicato a progetti di innovazione sociale. Che ha appena vinto il bando ‘Che Fare’

A Como e Varese pc rigenerati gratis per le scuole

Con il progetto [email protected] i pc dismessi dalle aziende trovano nuova vita nelle scuole: grazie a una rete di volontari e di insegnanti che diffondono l’open source

Storie di ex calciatori che oggi fanno startup. Bonetti, Ponzo e gli altri

Ivano Bonetti, ex centrocampista bianconero, smessi i panni di calciatore (e poi di manager) ha lanciato Mobisafe, startup che si occupa di tecnologia applicata alla salute. Ma non è il solo.

I tassi di interesse negativi delle banche, spiegati

Che senso ha mettere soldi in banca con la certezza che varranno di meno? Figuriamoci se è la Bce a chiedere alle banche di farlo. Coi loro soldi. Eppure un senso ce l’hanno, questi tassi d’interesse a margine negativo. Vi spieghiamo perché

Toronto, la città multiculturale che consuma poco e innova tanto

Sistemi per il controllo dei consumi nelle case, produzione di energia dal gas ricavato dai rifiuti, stampa in 3D alla portata di tutti: la capitale economica del Canada entra così a pieno titolo tra le smart city più importanti del mondo

Gioia e cibo a cielo e (cuore) aperto. Vi racconto il mio Salone del Gusto

È la prima edizione che si svolge a cielo aperto e senza biglietto d’ingresso. In tutta Torino. Con sapori, sorrisi ed eccellenze enogastronomiche da tutto il mondo. Ma soprattutto è la possibilità di scacciare via la paura e capire quanto è bello, insieme, voler bene alla Terra.