Un robot cucinerà la colazione perfetta alla Nao Challenge, con 250 ragazzi da tutta Italia

Il 7 maggio ci sono le finali della Nao Challenge: 41 squadre composte da ragazzi da tutta Italia si sfideranno sulle loro competenze di robotica. Quest’anno il tema è la cucina

Se la  mattina, quando vi svegliate, di preparare la moka proprio non avete voglia, magari potete costruire un robot che lo faccia per voi. Tostare il pane, bollire le uova, fare una spremuta: il tema di quest’anno delle finali di Nao Challenge è preparare una colazione perfetta. Sono  41 le squadre di studenti provenienti da tutta Italia: circa 250 ragazzi tra i 15 e i 18 anni si sfideranno a colpi di robotica: ogni squadra avrà a disposizione un robotino Nao e testerà sul campo di gara il software realizzato. La finale si terrà a Opificio Golinelli (via Paolo Nanni Costa, 14), sabato 7 maggio, dalle 10.30 alle 18.

Nao Challenge

Il Nao Robot

Nao è un robot umanoide progettato e prodotto da Aldebaran. È utilizzato negli ambienti in cui è importante favorire l’interazione tra umani e macchine autonome. Nao è impiegato nella ricerca robotica, nella didattica con i bambini, nell’assistenza agli anziani e nella didattica dei bisogni speciali. È un ottimo strumento per promuovere l’apprendimento delle materie scientifiche.

Il contest

La Nao Challenge è un concorso di robotica annuale organizzato da Fondazione Golinelli, Scuola di Robotica e CampuStore. L’obiettivo è di far conoscere le potenzialità sociali della robotica di servizio, e di motivare gli studenti nell’uso della robotica umanoide con l’ausilio di progetti tecnologici e innovativi. Attraverso la programmazione e lo sviluppo di un sistema meccatronico, gli studenti potranno realizzare scenari in cui ottimizzare le capacità del robot. La squadra col punteggio migliore vincerà un Nao.

La prova di cucina

Quattro le prove previste per il cuoco Nao: Nao runner (dovrà correre per 5 metri in linea retta – dovrà farlo più rapidamente degli altri concorrenti – per raggiungere il tostapane e preparare la colazione perfetta); Nao chef (dovrà preparare il toast perfetto); Nao entertainer (dovrà progettare un gioco interattivo aspettando che la colazione sia pronta); Me & You (relativo allo spirito di squadra, alla capacità di creare animazioni, scambiare idee con la Nao community attraverso i social network). Per il pubblico sono previsti vari laboratori, come quello su “Coding, robotica e opere d’arte”,  “Byor, costruisci il tuo robot con Genuino” e “I robot con Lego WeDo 2.0. Qui maggiori informazioni. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

Ecco i social robot compagni di giochi per i bambini autistici

Dalla Puglia, tre ricercatori under 30, stanno impiegando i robot Nao, Zeno e Pleo per stimolare l’apprendimento dei bambini autistici: gli umanoidi sorridono e s’arrabbiano

L2Tor, il robot-maestro che insegna ai bimbi una lingua straniera (mentre imparano la propria)

Il Progetto L2Tor è finanziato dall’Unione Europea nell’ambito di Horizon 2020 con l’obiettivo di insegnare ai bambini una seconda lingua. Ci lavorano quattro paesi: Germania, Turchia, Olanda e Regno Unito.

Le 6 startup finaliste di .itCup Registro 2017

Dalle 110 candidature arrivate per la sesta edizione della .itCup organizzata dal Registro.it sono stati selezionati i progetti innovativi che parteciperanno alla .itCup School a Pisa. E che il 26 ottobre saranno in finale a Roma

Negli Stati Uniti arriva il primo avvocato-robot al mondo. Ed è gratuito

Il robot, che si chiama DoNotPay, in realtà è un’intelligenza artificiale in forma di chatbot e offre consulenza gratuita a chi non può permettersi un legale in carne e ossa. Nei due anni di sperimentazione ha contestato 375mila multe per il parcheggio

McDonald’s firma una linea di abbigliamento e la consegna a casa con UberEats

La famosa catena di fast food ha pensato per il 26 luglio a una campagna per celebrare il Global Delivery Day: in quella data chi ordinerà con UberEats si verà recapitare a casa un articolo con riferimento al marchio del Big Mac

I vincitori della prima edizione: “Siamo cresciuti grazie a Start To Be Circular”

Grazie alla call di Fondazione Bracco la startup Orthoponics ha acquisito le giuste competenze per conquistare il mercato. Scadenza il 3 di novembre. In palio un premio del valore di 10.000 euro e l’ingresso nell’incubatore SpeedMiUp

Botnet, Microsoft combatte Fancy Bear in tribunale

Per fronteggiare l’offensiva cibernetica che si presume giunga dalla Russia, a Redmond hanno scelto un’arma non convenzionale. I cyber-criminali sono colpiti a suon di carte bollate, e la loro botnet smantellata in tribunale