A Milano la lezione del Premio Nobel per la pace Rigoberta Menchú

Lunedì 6 giugno il simbolo della lotta per i diritti umani sarà ospite dell’Università Cattolica per parlare di cultura Maya e rispetto dell’ambiente

Rigoberta Menchú Tum, vincitrice nel 1992 del Premio Nobel per la Pace, lunedì 6 giugno sarà ospite dell’Università Cattolica del Sacro Cuore dove, dalle 11.30 alle 13 nell’Aula Pio XI (largo Gemelli, 1 – Milano), terrà la conferenza dal titolo La cultura maya y el respeto del medio ambienteL’iniziativa, promossa dal Dipartimento di Scienze linguistiche e letterature straniere, sarà introdotta dal professor Dante Liano, docente di Lingua e Letterature ispano-americane.

rigoberta

Rigoberta Menchú, nata nel villaggio di Chimel, nelle profondità delle montagne del Guatemala da una famiglia di origine maya, è diventata nel tempo un simbolo dei poveri nel mondo, della lotta contro le dittature e della difesa dei diritti umani. La sua incessante attività come testimone delle sofferenze dei popoli maya è stata raccolta nel libro Me llamo Rigoberta Menchú (Mi chiamo Rigoberta Menchú, Giunti Editore) che, tradotto in più di dodici lingue, le è valso numerosi riconoscimenti internazionali, tra i quali, il Premio Casa de las Américas.

Nel 1992, in virtù dei suoi sforzi per la giustizia sociale e la riconciliazione etno-culturale basata sul rispetto per i diritti delle popolazioni indigene, riceve il Premio Nobel per la Pace. L’anno successivo la líder indígena guatemalteca istituisce la Fundación Rigoberta Menchú Tum (FRMT), che promuove attività in favore della difesa dei diritti umani, della pace, dello sviluppo sostenibile.

Tecnologia solidale, le iniziative di crowdfunding per i terremotati del Centro Italia

Un aiuto subito, Marchecraft, Adesso pedala. Sono alcune delle iniziative pensate per sostenere le popolazioni colpite dal terremoto del 24 agosto 2016 e che hanno già permesso i primi interventi di ricostruzione ad Amatrice e Norcia

Le finaliste di .itCup2017: con EasyTax Assistant affrontare le tasse non fa più paura

Un’applicazione mobile che segue il contribuente nella gestione della propria fiscalità. Il segreto: informazioni e strumenti semplici da utilizzare. Dopo soli 2 mesi gli utenti sono già 1700 e ora la statup è in finale nella competizione di Registro.it