Intel Schoolmakers a Firenze: gli animatori digitali incontrano il mondo dei fablab

Il 16 dicembre Intel organizza a Firenze una giornata di formazione gratuita per insegnanti e animatori digitali su didattica digitale, robotica e fablab

Una giornata di formazione dedicata a insegnanti, dirigenti scolastici, animatori digitali per avvicinare tutto il mondo scuola ai Fablab e alla robotica educativa. Dopo Roma, Milano e Cagliari, l’evento Intel #Schoolmakers arriva in Toscana, per la precisione a Firenze, venerdì 16 dicembre, presso Palazzo dei Congressi, Piazza Adua 1. Intel Italia, in collaborazione con Regione Toscana, il Comune di Firenze, Indire e l’Ufficio Scolastico Regionale, ha organizzato un appuntamento per raccogliere workshop, seminari e tutte le nuove esperienze tecnologiche nel campo dell’istruzione, offerte grazie all’aiuto di Animatori Digitali specializzati in Education Technology e validi formatori. Un’occasione di incontro tra il mondo dell’istruzione, della ricerca e dell’innovazione toscana che si propone di portare un po’ della Maker Faire tra i banchi di scuola.

eventbrite-8

Molti gli osipiti che prenderanno parte all’evento per raccontare e condividere la propria esperienza tra cui: Giovanni Biondi, presidente di Indire, Cristina Giachi, vicesindaco di Firenze,  Alessandro Bogliolo, autore di CodeMOOC, Daniela di Donato, finalista dell’Italian Teacher PrizeMarco Vigeliniche ha portato Minecraft nelle scuole italiane, e molti altri.

I workshop a cui potranno partecipare gli insegnanti sono diversi, qui la lista completa. Tra i temi presenti: Robotica educativa, Making, Tinkering, Coding con Genuino 101, Minecraft, Flipped Classroom, Byod e Cooperative Learning. Nell’area espositiva saranno presenti FabLab Firenze, UDOO, INDIRE, USR Toscana, Comune di Firenze, CampuStore, SiComputer, C2, e alcune tra le più innovative scuole Toscane.

Con il progetto Schoolmakers Intel persegue questa la visione del Miur che ha lanciato dei bandi per la creazione di nuovi spazi di didattica laboratoriale dedicati al tinkering e allo sviluppo negli studenti di competenze digitali, grazie ad un lavoro specifico su pensiero computazionale, Robotica, Making, 3D Printing, IoT.

Diane Jooris usa la realtà virtuale per aiutare i malati di cancro. La storia

Oncomfort, azienda americana, crea software che abbassano i livelli di stress e di dolore dei pazienti affetti da cancro. La fondatrice del progetto racconta a StartupItalia! la sua esperienza che l’ha portata a pensare a questa particolare terapia