La birra biologica del “Majorana” di Bari conquista l’Expo

Gli studenti dell’istituto tecnico sono stati capaci di unire il locale e l’internazionalizzazione per parlare di un prodotto di qualità

Una birra e un gemellaggio: quanto basta per portare gli studenti dell’Istituto “Ettore Majorana” di Bari a vincere il concorso Together in Expo indetto dal Ministero della pubblica istruzione e dall’organizzazione di Expo Milano 2015. Un premio vinto in compagnia dei partner Belgi e Polacchi che sono stati invitati con gli alunni italiani all’inaugurazione dell’esposizione universale. Tutto è partito da un incontro sul tema dell’inter-cultura: l’idea è nata dalla birra biologica che il “Majorana” produce. Gli studenti si sono chiesti che cosa poteva dare più energia della loro birra prodotta con prodotti biologici al cento per cento. Erano certi di poter vincere una sfida. Si sono appassionati all’idea di condividere con altre scuole europee il loro progetto “Beer with you”.

beer with you

Il percorso di Beer You With all’Expo

Sono entrati in contatto con una scuola belga e una polacca attraverso una piattaforma e hanno iniziato uno scambio per realizzare una conoscenza reciproca. In Italia hanno applicato alla lettera la parola “together” vivendo insieme per una settimana con i compagni polacchi e belgi. Un modo per conoscere i piatti degli altri, per migliorare la lingua, per entrare in contatto con altri modi di pensare, di studiare, di vivere: in quei giorni hanno realizzato persino un cooking show dove ognuna delle scuole presenti ha omaggiato gli altri con i piatti tipici del proprio Paese.

A quel punto gli italiani hanno oltrepassato il confine, sono andati in Polonia e in Belgio, ospiti dei loro compagni esteri per continuare il progetto Expo. L’ultima tappa l’hanno trascorsa pensando al “digital tale” che riassume questa esperienza. Un successo per i ragazzi di Bari e per i partner perché con “Beer with you” si sono classificati tra i nove vincitori del progetto “Together in Expo” che aveva il compito di selezionare le migliori idee sul tema “Nutrire il Pianeta, energia per la vita”.

Gli Expo Ambassador

A selezionare il progetto è stata un giuria qualificata appositamente costituita da rappresentanti del Miur, di Expo Milano, di Padiglione Italia e di esperti in alimentazione, educazione e comunicazione. Gli elaborati sono stati selezionati in base ai criteri di originalità, creatività e utilizzo dei linguaggi multimediali, armonia e integrazione dei contributi delle diverse classi. La giuria non ha avuto dubbi sul progetto pugliese e ha dato un ulteriore riconoscimento al team eleggendo i ragazzi “Expo Ambassador” all’interno della Community di Togheter in Expo 2015. Una soddisfazione per i ragazzi che hanno potuto far conoscere al mondo la loro birra biologica. Una conferma per la scuola che da anni riesce ad essere un’azienda: oltre alla birra in quelle aule si producono biscotti, tisane e marmellate che sono immessi sul mercato. Un modo per autofinanziare la scuola investendo i soldi nella formazione dei ragazzi. Ad esempio con i guadagni ottenuti dalla vendita della birra è stato possibile promuovere progetti linguistici ed esperienze all’estero per gli studenti, che con i normali fondi scolastici non sarebbero mai stati realizzati.

Il video di presentazione di Beer With You

beer with you2

Un Commento a “La birra biologica del “Majorana” di Bari conquista l’Expo”

  1. Nicola Lippolis

    E’ tutta una truffa signori i ragazzi dell’Istituto Ettore Majorana non sanno minimamente come si produce la birra e ne tanto meno viene prodotta nell’Istituto. Ma è tutta una invenzione della Preside, infatti la birra viene prodotta da un birrificio che si trova a Brinsisi ed esattamente in Via Carmine, 120 denominata birrificio CAFRA srl. I ragazzi dell’Istituto non fanno altro che apporre la etichetta dell’Istituto. Potete verificarne di persona venendo all’Istituto per accertarsi che non c’è nessun impianto e che i ragazzi non sanno nemmeno come è fatta una birra artigianale. P.S. vedere per crederci…………………

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

9 studenti su 10 pensano che Expo sarà un’occasione di crescita

Lo dimostra una ricerca su 11 mila studenti milanesi. I ragazzi promuovono l’Esposizione, ma pochi hanno trovato lavoro in uno degli eventi organizzati: uno su due vorrebbe un impiego, ma solo se pagato. Dall’altra parte c’è un 28% che lavorerebbe anche a titolo gratuito

Expo 2015, Giannini: “700.000 gli studenti prenotati”

In oltre 2 milioni di studenti hanno partecipato ai concorsi indetti dal MIUR per l ‘Expo 2015 di Milano

Expo: ecco 7 progetti di biodiversità presentati dagli istituti agroalimentari

Gli studenti della Fondazione AgrITIS, la rete degli istituti tecnici agroalimentari, presenteranno nel Padiglione Italia sette progetti di biodiversità in agricoltura

Sognatori, imprenditori, innovatori. A Nana Bianca una pizza con StartupItalia! per costruire #SIOS17

Lo startup studio di Firenze ha ospitato l’incontro pizza e birra tra startupper in vista del prossimo Open Summit. Idee, progetti e storie di nuove imprese, tutte insieme allo stesso tavolo

Aumenta la RAM e aumenta pure il prezzo. Ecco il nuovo One Plus 5

È il più costoso smartphone mai venduto dall’azienda cinese che lo equipaggia di tutto punto per cercare di fare il grande salto. Le caratteristiche sono da primo della classe e le differenze con i competitor si riducono

Se la scelta di mangiare verdure dipende da come è scritto il menu

Meglio «bocconcini di zucchine caramellate» o «zucchine verdi nutrienti»? Uno studio pubblicato sulla rivista Jama Internal Medicine ha dimostrato che mettere in risalto le qualità benefiche di alcuni vegetali non sempre invoglia i clienti dei ristoranti a sceglierli

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito