Baby Boomers e Millennials a confronto: cosa è cambiato in 60 anni

Alcuni dati riassunti in un’infografica sul confronto tra la generazione dei nostri genitori e quella dei nostri figli: baby boomers e Millennials. Ecco come si differenziano per giochi, hobby, quoziente intellettivo e amicizie

Mettere a confronto Baby Boomers, i nati tra il 1946 e il 1964, e i Millennials, i nati dopo gli anni 2000, significa guardare a due mondi completamente diversi, ma che si completano grazie all’esperienza passato degli uni e lo sguardo al futuro degli altri. Si tratta dei nostri genitori e dei nostri figli, vicini e lontani nello stesso momento. La tecnologia anche se a volte sembra separare queste due generazioni, in realtà in molti casi le avvicina e le stringe. In questa infografica sono confrontati i loro hobby e passioni, il loro modo di giocare e di relazionarsi con l’ambiente esterno.
Un’evidenza interessante che è emersa riguarda il quoziente intellettivo. Solo il 36% dei Baby Boomers aveva completato le scuole superiori e con bassi risultati nei test QI , al contrario dei nostri figli che hanno raggiunto dei punteggi elevanti per il proprio quoziente intellettivo, i più alti degli utlimi 50 anni.

millennials

millennials

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. Il gigante del trasporto e della logistica, AP Moller-Maersk, ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari