Baby Boomers e Millennials a confronto: cosa è cambiato in 60 anni

Alcuni dati riassunti in un’infografica sul confronto tra la generazione dei nostri genitori e quella dei nostri figli: baby boomers e Millennials. Ecco come si differenziano per giochi, hobby, quoziente intellettivo e amicizie

Mettere a confronto Baby Boomers, i nati tra il 1946 e il 1964, e i Millennials, i nati dopo gli anni 2000, significa guardare a due mondi completamente diversi, ma che si completano grazie all’esperienza passato degli uni e lo sguardo al futuro degli altri. Si tratta dei nostri genitori e dei nostri figli, vicini e lontani nello stesso momento. La tecnologia anche se a volte sembra separare queste due generazioni, in realtà in molti casi le avvicina e le stringe. In questa infografica sono confrontati i loro hobby e passioni, il loro modo di giocare e di relazionarsi con l’ambiente esterno.
Un’evidenza interessante che è emersa riguarda il quoziente intellettivo. Solo il 36% dei Baby Boomers aveva completato le scuole superiori e con bassi risultati nei test QI , al contrario dei nostri figli che hanno raggiunto dei punteggi elevanti per il proprio quoziente intellettivo, i più alti degli utlimi 50 anni.

millennials

millennials

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup