L’Italia spende quasi 800 euro in più all’anno per ogni studente

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha divulgato il rapporto “Education at a glance 2015” che esplora la situazione della sfera educativa nei paesi dell’associazione: l’Italia è sotto la media, ma rispetto ai dati 2012 cresce

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha divulgato il rapporto “Education at a glance 2015” che esplora la situazione della sfera educativa nei paesi che fanno parte dell’associazione. Uno dei fattori presi in considerazione dall’Ocse è la spesa annuale di ogni paese per singolo studente. I dati sono stati uniformati in dollari Usa. Dalla seguente infografica pubblicata dall’Ocse si vede che l’Italia spende annualmente, per ogni suo studente (calcolando l’istruzione dalla scuola primaria all’università) 8.744 dollari: meno della media dei paesi Ocse, che è 10.220 dollari, e meno della metà del paese che spende di più, il Lussemburgo, che per ogni suo alunno sborsa ogni anno 22.545 dollari. Confrontando questi dati con quelli del 2012, vediamo che l’Italia ha aumentato la sua spesa per studente: tre anni fa, infatti, per ogni alunno si spendevano 7.968 dollari. Oggi, quindi, spendiamo 776 euro in più. Come possiamo vedere, in cima alla classifica, subito dopo il Lussemburgo, ci sono gli Usa e i paesi del nord, Svizzera, Scandinavia, Austria, Paesi Bassi e Belgio.

 

12273575_10153113454647461_8239723366681897598_o

 

Dati del 2012:

eag 2015 graph

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity