L’Italia spende quasi 800 euro in più all’anno per ogni studente

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha divulgato il rapporto “Education at a glance 2015” che esplora la situazione della sfera educativa nei paesi dell’associazione: l’Italia è sotto la media, ma rispetto ai dati 2012 cresce

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha divulgato il rapporto “Education at a glance 2015” che esplora la situazione della sfera educativa nei paesi che fanno parte dell’associazione. Uno dei fattori presi in considerazione dall’Ocse è la spesa annuale di ogni paese per singolo studente. I dati sono stati uniformati in dollari Usa. Dalla seguente infografica pubblicata dall’Ocse si vede che l’Italia spende annualmente, per ogni suo studente (calcolando l’istruzione dalla scuola primaria all’università) 8.744 dollari: meno della media dei paesi Ocse, che è 10.220 dollari, e meno della metà del paese che spende di più, il Lussemburgo, che per ogni suo alunno sborsa ogni anno 22.545 dollari. Confrontando questi dati con quelli del 2012, vediamo che l’Italia ha aumentato la sua spesa per studente: tre anni fa, infatti, per ogni alunno si spendevano 7.968 dollari. Oggi, quindi, spendiamo 776 euro in più. Come possiamo vedere, in cima alla classifica, subito dopo il Lussemburgo, ci sono gli Usa e i paesi del nord, Svizzera, Scandinavia, Austria, Paesi Bassi e Belgio.

 

12273575_10153113454647461_8239723366681897598_o

 

Dati del 2012:

eag 2015 graph

Road to #SIOS17 | Musement: ecco come quattro italiani hanno ripensato al modo di fare vacanza

Tre amici e un’intuizione geniale: storia della startup italiana che ripensa le esperienze di viaggio. In attesa del nuovo StartupItalia! Open Summit di dicembre 2017 intervista a Claudio Bellinzona di Musement, una delle dieci startup finaliste dell’ultimo SIOS

La nuova sneaker di Vivobarefoot è fatta solo con le alghe

L’azienda britannica è pronta a lanciare sul mercato delle calzature anfibie in collaborazione con Bloom Foam. Sono le prime al mondo prodotte a partire dalla vegetazione delle acque inquinate

NotPetya: quando un solo malware è responsabile di miliardi di perdite. I numeri rivelati dalle aziende

I dati pubblicati delle aziende nei rapporti periodici forniscono informazioni sull’impatto del malware. Il gigante del trasporto e della logistica, AP Moller-Maersk, ha annunciato che l’attacco ha causato perdite per almeno 200 milioni di dollari