L’Italia spende quasi 800 euro in più all’anno per ogni studente

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha divulgato il rapporto “Education at a glance 2015” che esplora la situazione della sfera educativa nei paesi dell’associazione: l’Italia è sotto la media, ma rispetto ai dati 2012 cresce

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) ha divulgato il rapporto “Education at a glance 2015” che esplora la situazione della sfera educativa nei paesi che fanno parte dell’associazione. Uno dei fattori presi in considerazione dall’Ocse è la spesa annuale di ogni paese per singolo studente. I dati sono stati uniformati in dollari Usa. Dalla seguente infografica pubblicata dall’Ocse si vede che l’Italia spende annualmente, per ogni suo studente (calcolando l’istruzione dalla scuola primaria all’università) 8.744 dollari: meno della media dei paesi Ocse, che è 10.220 dollari, e meno della metà del paese che spende di più, il Lussemburgo, che per ogni suo alunno sborsa ogni anno 22.545 dollari. Confrontando questi dati con quelli del 2012, vediamo che l’Italia ha aumentato la sua spesa per studente: tre anni fa, infatti, per ogni alunno si spendevano 7.968 dollari. Oggi, quindi, spendiamo 776 euro in più. Come possiamo vedere, in cima alla classifica, subito dopo il Lussemburgo, ci sono gli Usa e i paesi del nord, Svizzera, Scandinavia, Austria, Paesi Bassi e Belgio.

 

12273575_10153113454647461_8239723366681897598_o

 

Dati del 2012:

eag 2015 graph

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

L’incredibile storia di Mashape e Augusto Marietti (che ha fatto bene a lasciare l’Italia quando gli dicevano “sei troppo giovane”)

A 18 anni aveva inventato Dropbox prima di Dropbox, ma nessuno lo finanziò. Poi, quando con 2 amici ha lanciato Mashape, un marketplace dove gli sviluppatori vendono “pezzi” di software, ha scelto di lasciare l’Italia, destinazione San Francisco. L’idea piace, e ci credono anche il papà di Uber e quello di Amazon e oggi la sua azienda vale decine di milioni di dollari. No, non è un film: è la storia di Augusto Marietti

Dal sushi alla Coca-cola, un progetto ci mostra quanto zucchero c’è negli alimenti

SinAzucar è il progetto spagnolo che fotografa gli alimenti che si trovano comunemente nelle nostre case per mostrarci quanto zucchero raffinato effettivamente contengono

Dai soldi al network, i 4 contributi delle corporate alle startup. Il caso Tecno a Napoli

Il contributo di una corporate alla startup, secondo L’advisor Giovanni De Caro, dovrebbe essere erogato secondo una precisa scala di priorità. L’open innovation di una società di Napoli e le modalità di investimento nelle startup