Agnese Addone (Coderdojo): «Insegnavo ai bimbi l’italiano, oggi con me programmano il loro futuro»

Agnese Addone, champion di Coderdojo Roma, ci parla di come è nato il movimento, le linee guida e i prossimi appuntamenti

Agnese Addone, laureata in storia, è la responsabile romana di Coderdojo. Quando ha iniziato ad insegnare come maestra di italiano e storia nell’Istituto Comprensivo Alfieri – Lante della Rovere di Roma non sapeva nulla di programmazione. Un giorno la sua preside le ha chiesto di cambiare tutto ed iniziare a insegnare matematica. Si è rimessa a studiare e tra un corso di aggiornamento e l’altro la passione per il mondo dei numeri cresceva sempre di più.

agnese addone 2

TUTTO E’ INIZIATO COSì. Studiando mi sono resa conto che la questione principale era che i bambini non riuscivano a risolvere i problemi. Leggendo il testo del quesito non riuscivano a decodificarlo, quindi a capire ci venisse richiesto. Il metodo che ho cercato di trasmettere è quello di rimettere in ordine logico le parti del problema per poi riassemblare tutte le informazioni arrivando più facilmente alla soluzione. Ho cercato sul web degli strumenti per insegnare a risolvere i problemi e così mi sono avvicinata al mondo della programmazione e a Coderdojo. Ho contatto Carmelo Presicce, champion di Bologna e membro del Comittee internazionale di Coderdojo

COS’E’ CODERDOJO. Fondato in Iralanda da James Whelton e Bill Liao nel 2011, CoderDojo è un movimento senza scopo di lucro che si occupa di istituire dei club e organizzare incontri gratuiti per insegnare ai giovani a programmare. Ci rivolgiamo maggiormente a bambini ed adolescenti. Il nostro esperimento si sta espandendo a macchia d’olio a livello globale. Siamo seguiti e supportati da una forte rete di soci e volontari che ci accompagnano nel corso degli eventi per fare assistenza ai ragazzi. Il vero punto di svolta è la promozione di software open source e gratuiti, come Scratch il software di programmazione e il relativo ambiente di sviluppo gratuiti realizzati dal MIT Media Lab di Boston di cui si è parlato qui.

QUALI SONO LE LINEE GUIDA. I principi di Coderdojo sono tutti elencati nel charter. L’impegno principale del movimento è quello di mantenere tutto gratuito, con accesso libero ai software. E’ fondamentale inoltre che i bambini si divertano, ma a questo scopo è necessario promuovere un atteggiamento responsabile e consapevole di internet. Il motto di Coderdojo racchiude sinteticamente i suoi principi:

Above All: Be Cool“, bullying, lying, wasting people’s time and so on is uncool” (Soprattutto sii in gamba! Il bullismo, mentire e far perdere tempo non è da persone in gamba).

coderdojo

L’USO RESPONSABILE DEL WEB. L’unico modo per educare i bambini alla tecnologia è quello di non avere paura. I ragazzi devono conoscere tutti i rischi ma anche le grandi potenzialità dietro gli strumenti digitali. Devono sapere come tutelarsi e come evitare di mettersi nei guai su internet. Imporre ai ragazzi che si approcciano ad internet il filtro degli adulti non è produttivo, perché se questo diventa un divieto, allora si sviluppa una curiosità morbosa che porta a non avere un atteggiamento sano nei confronti della tecnologia.

CRESCERE I FUTURI LAVORATORI. Tra le professioni più ricercate oggi ci sono gli sviluppatori. Educare i bambini all’uso di software e linguaggi di programmazione significa fornire loro delle base solide per costruirsi un futuro di studio e lavorativo in quella direzione. Intendiamo fornire ai ragazzi degli strumenti utili per scegliere quale percorso imboccare, proseguendo  su questa via, oppure cambiando completamente direzione, ma senza rimanere a digiuno di conoscenze sempre più utili nei nostri tempi. Viviamo in una società in cui imparare a programmare serve in ogni caso, anche se non si sogna di diventare un developer.

COSA PENSANO I BAMBINI. Spesso tra i feedback che lasciano i ragazzi dopo gli eventi che organizziamo, leggo quanto sono orgogliosi di aver creato da soli un gioco. Questo è un punto di svolta nel sistema educativo. Responsabilizzare i ragazzi e renderli utenti attivi e non passivi del web. In questo senso mi ricorderò sempre di Antonietta, una bambina di 8 anni, che al tempo del primo evento di Coderdojo a Roma, si iscrisse da sola, mandandoci un’email dal suo indirizzo di posta, dimostrando autonomia, conoscenza del mezzo e capacità di ricerca. Oggi è stata candidata per i Coolest Projects di Coderdojo, una manifestazione che ha avuto luogo il 7 Giugno, dove sono stati premiati i progetti più meritevoli presentati nei vari Coderdojo Europei.

coderdojo

I NUMERI DI CODERDOJO. Si contano circa 51 volontari di Coderdojo, o anche mentor, che ruotano tra i diversi eventi. Tutti noi dobbiamo seguire 7 regole d’oro per relazionarsi al meglio con i bambini – che è possibile leggere qui. Io e Marco Giordano lavoriamo in sinergia per pianificare gli eventi sia dal lato organizzativo che puramente tecnico. In un anno siamo riusciti ad organizzare 9 incontri, ma il ritmo con cui ci vediamo sta aumentando in fretta.

I PROSSIMI APPUNTAMENTI. Il prossimo evento lo dedicheremo agli insegnanti, il 13 Giugno presso la piazza telematica dell’Università Roma Tre (via Ostiense 133/b), avrà luogo il TeacherDojo dedicato agli insegnanti curiosi che vogliono sporcarsi le mani con la programmazione e capire perché il CoderDojo piace tanto ai nostri ninja.

cover_post-1

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli