3milioni di euro alla Città della Scienza di Napoli per FabLab e musei 2.0

Il progetto “Città della Scienza 2.0: nuovi prodotti e servizi dell’economia della conoscenza” riceverà 3.116.000 euro dal MIUR per ridare vita all’anima innovativa della città partenopea

La Città della Scienza di Napoli riceverà oltre 3 milioni di euro dal Fondo integrativo speciale per la ricerca con l’obiettivo di portare avanti l’innovazione all’interno della struttura  andata fuoco nella tragica sera del 4 marzo 2013. Questo finanziamento è stato messo a disposizione dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca che ieri ha sottoposto al Cipe (Comitato interministeriale per la programmazione economica) il progetto “Città della Scienza 2.0: nuovi prodotti e servizi dell’economia della conoscenza” per un importo di 3.116.000 euro.

3milioni di euro alla Città della Scienza di Napoli per FabLab e musei 2.0 (2)

La Fondazione Idis – Città della Scienza

Il rapporto fra il Miur e la Città della Scienza è molto solido e risale alla creazione della Fondazione Idis-Città della Scienza verso la fine degli anni Ottanta. Ad oggi diversi sono i progetti in corso che contrassegnano questa collaborazione, come il science centre, l’officina dei Piccoli, il teatro Galilei e l’incubatore di imprese

3milioni di euro alla Città della Scienza di Napoli per FabLab e musei 2.0 (3)

L’obiettivo

Lo stanziamento è strettamente connesso alla ricostruzione del polo napoletano fortemente danneggiato da un incendio nel 2013 e sarà inserito nell’apposito accordo di programma, a firma di più Ministeri come il Miur (Ministero dell’istruzione), Mise (Ministero dello sviluppo economico), Mattm (Ministero dell’Ambiente) e il Mit (Ministero delle infrastrutture e dei trasporti) e di diverse amministrazioni territoriali (Regione Campania, Provincia e Comune di Napoli), che sarà sottoscritto a breve.

3milioni di euro alla Città della Scienza di Napoli per FabLab e musei 2.0

Il FabLab e il polo museale 2.0

Il finanziamento approvato servirà a sostenere diverse iniziative, a partire da un FabLab (Fabrication Laboratory) cioè un laboratorio altamente innovativo per la produzione, attraverso strumenti digitali, di oggetti tecnologici e non. Il progetto, che sarà curato dalla Fondazione Idis-Città della Scienza, prevede anche che si lavori alla creazione di servizi innovativi destinati a poli museali 2.0.

Fonte: Comunicato stampa del MIUR

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo