Alla Maker Faire Rome anche i progetti degli studenti della Sapienza

Anche il più grande ateneo d’Europa alla festa dell’innovazione, per partecipare con i propri progetti c’è tempo fino al 29 agosto

La Sapienza promuove una competizione per l’esposizione di progetti realizzati da studenti presso la Maker Faire Rome in programma all’Auditorium Parco della Musica dal 3 al 5 ottobre. La competizion è rivolta esclusivamente a studenti e neolaureati della Sapienza. Per partecipare è necessario proporre progetti già realizzati o che possano essere realizzati concretamente entro la scadenza del 29 agosto. Sono particolarmente incoraggiati allestimenti interattivi e che evidenzino il processo di fabbricazione.  QUI tutti i particolari del bando.

Maker Faire Rome

MAKER FAIRE ROME: LA CALL4MAKERS

Ben 444 le idee e i progetti inviati da tutto il mondo per partecipare da protagonisti alla Maker Faire Rome 2014, la manifestazione che porterà di nuovo la Capitale (dopo il successo dello scorso anno) al centro dell’innovazione internazionale. Per l’edizione 2013 (la prima) i progetti ricevuti erano stati 320. Non solo: sono stati 74 i talk proposti, 42 i workshop, per 33 paesi coinvolti. Tutto lo staff di Maker Faire Rome, gli organizzatori Asset-Camera (Azienda speciale della CCIAA di Roma) e i curatori Riccardo Luna e Massimo Banzi sono da oggi al lavoro per esaminare uno ad uno i progetti arrivati, e selezionare quelli che parteciperanno come espositori alla seconda Maker Faire Rome, dal 28 settembre al 5 ottobre nell’ambito dellaInnovation Week, all’Auditorium Parco della Musica.

I 444 progetti sono arrivati da makers, fabbers, artigiani e creativi digitali di tutto il Mondo: Italia, Francia, Portogallo, Regno Unito, Germania, India, Belgio, Giappone, Cina, Svizzera, Svezia, Paesi Bassi, Canada, Taiwan, Colombia, Stati Uniti, Irlanda, Spagna, Serbia, Brasile, Bielorussia, Danimarca, Croazia, Polonia, Egitto, Messico, Singapore e Grecia. Oltre ai partecipanti alla Call4Makers, sono state tantissime anche le proposte per talk e workshop da Turchia, Marocco, Guatemala, Repubblica Ceca e Australia.

MAKER FAIRE ROME: LA CALL4SCHOOL

Novità di quest’anno invece, pensata per i giovani Makers, ancora tra i banchi di scuola, è la Call4School: entro la metà di settembre singoli studenti, classi, gruppi di studio o interi istituti superiori (scuole di secondo grado) potranno inviare i loro progetti innovativi e sperimentali nel campo della robotica, meccatronica, domotica, droni, sensori, elettronica, stampa 3d e tutto quello che è riconducibile all’universo dei makers. I 25 progetti migliori parteciperanno da protagonisti alla Maker Faire Rome (per maggiori informazioni sulla Call4School è a disposizione l’indirizzo email callforschool@makerfairerome.eu).

Articolo precedentemente pubblicato su Roma Startupitalia!

di Alessio Nisi

Trackbacks/Pingbacks

  1.  Maker Faire Rome 2014: ecco i 17 istituti vincitori della Call4School

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito