A scuola oltre alla matematica ci sarà anche l’ora di coding

Dall’11 al 17 ottobre 2014, durante la settimana europea del coding, il Ministero dell’Istruzione annuncerà una vera e propria rivoluzione: la programmazione diventerà una materia scolastica

“Oggi facciamo lezione di coding”. Potrebbe essere la vera rivoluzione dell’anno scolastico 2014/2015. Sui diari dei bambini oltre a storia, geografia, matematica ed informatica dall’anno prossimo vi sarà un tempo dedicato alla programmazione dei computer.
Gli studenti italiani, come quelli americani, impareranno non solo ad accendere e spegnere un computer, a conoscere come si usa internet e il tablet ma usciranno dalla scuola italiana con delle competenze che permetteranno loro di produrre piccoli programmi come videogiochi o brevi sequenze.

Computer work

Notizie dal Ministero

E’ da tempo che se ne parla. Il ministro Maria Chiara Carrozza in un convegno aveva bocciato l’idea con queste dichiarazioni:

La tecnologia digitale non è una disciplina ma uno strumento di cui la didattica si deve avvalere. Ci sono molti progetti ma non si tratta di una disciplina vera e propria

Diverso lo spirito del nuovo inquilino di viale Trastevere. Durante un recente incontro alla “Versiliana” ha spiegato che innanzitutto bisogna dare gli strumenti giusti come ad esempio le lavagne interattive e wireless, ma serve anche la formazione degli insegnanti nella pratica del coding:

Immaginare che si possa insegnare un nuovo alfabeto, una nuova possibilità di codificare il processo cognitivo e che gli studenti siano i primi destinatari di questo nuovo processo di apprendimento

La settimana europea del coding

Al Ministero sarebbero già al lavoro da mesi per stringere dei rapporti con alcune aziende higtech per sperimentare già da ottobre una piattaforma online da usare in classe. L’idea sarebbe quella di lanciarla in occasione della settimana europea del “coding” che si terrà dall’11 al 17 ottobre 2014. Milioni di bambini, genitori, insegnanti, imprenditori e decisori politici parteciperanno a manifestazioni e si riuniranno nelle aule scolastiche per imparare la programmazione e le conoscenze connesse.

A scuola oltre alla matematica ci sarà anche l'ora di coding

L’iniziativa

L’idea è dare visibilità alla programmazione informatica, smitizzare le competenze richieste e far incontrare persone motivate per imparare insieme. Si tratta di un’iniziativa di base proposta da giovani consulenti a Neelie Kroes con il sostegno di movimenti per la programmazione e la formazione come CoderDojoRailsGirls nonché delle principali aziende del settore per avvicinare alla programmazione milioni di bambini, per esempio con corsi di iniziazione alla programmazione, offerta di moduli per l’apprendimento e formazione degli insegnanti.

Ben 150mila nuovi posti di lavoro grazie al coding

Un salto di qualità per l’Italia che come sempre arriva a ruota degli Stati Uniti che lo scorso anno in occasione della Computer Science Education avevano lanciato il progetto K-12, per iniziare milioni di studenti americani di elementari e medie allo studio del codice html, dato poi che le previsioni parlano di 150.000 nuovi posti di lavoro ogni anno nel settore, fino al 2020. Finalmente potremo archiviare nei polverosi armadi delle scuole i libri di informatica che insegnano solo come usare powerpoint, come inserire una tabella o un grafico.

A scuola oltre alla matematica ci sarà anche l'ora di coding (2)

Una risposta alla crisi

Se gli Stati Uniti hanno capito che per affrontare la crisi serve cambiare il modello d’insegnamento affinché vi sia un incrocio tra domanda e offerta di lavoro anche l’Italia può puntare a “revisionare” il proprio modello educativo al fine di immettere nel ciclo produttivo risorse umane capaci di far ripartire il Paese.

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo