Il ministero dà l’ok: a scuola si studierà programmazione

Il Ministero della Pubblica Istruzione dà il via a “Programma il futuro”: lezioni via web ad insegnanti e studenti sul coding

Stavolta non si scherza. O almeno si prova: l’ora di coding è pronta a sbarcare tra i banchi. L’Italia, già dalle prossime settimane, si prepara a diventare uno dei primi Paesi al mondo a sperimentare l’introduzione strutturale nelle scuole dei concetti di base dell’informatica attraverso la programmazione. Il premier Matteo Renzi, l’aveva annunciato presentando “la Buona Scuola”. Detto, fatto. Una circolare del Ministero della Pubblica Istruzione ha dato il via all’iniziativa “Programma il futuro” per preparare gli insegnanti alla rivoluzione digitale che dovrebbe entrare a regime dal prossimo anno scolastico.

programma futuro2

Programma il futuro

In collaborazione con il CINI, il Consorzio Interuniversitario Nazionale per l’Informatica è stato lanciato questo programma che ha l’obiettivo di fornire alle scuole una serie di strumenti semplici, divertenti e facilmente accessibili. Il tutto è a disposizione dei docenti grazie al sito Programmailfuturo.it dove chi sta in cattedra troverà delle lezioni interattive fruibili tramite web e suddivise in una serie di esercizi progressivi. Un percorso per il quale non sarà richiesta alcuna abilità tecnica di là di una elementare capacità di navigare in Internet.

programma futuro

L’ora del Codice

Sapendo che molte, troppe scuole, non hanno la possibilità di connettersi sono state ideate anche delle lezioni senza rete che possono essere svolte senza la disponibilità di un calcolatore. Entrambi i tipi di lezione potranno essere fruiti con due modalità: “L’ora del Codice” ovvero sessanta minuti, per gli studenti, di avviamento al “pensiero computazionale” oppure in modalità avanzata con un percorso più approfondito di 10 lezioni. Una sorta di auto-formazione che prevede l’istituzione nelle scuole di un docente referente che avrà il compito di interessare e coinvolgere altri colleghi. L’intenzione del Governo e del Miur è quella di arrivare a dare il via alle attività dall’8 al 14 dicembre quando in tutto il mondo si celebrerà “L’Ora del Codice”.

Cosa ne pensano i docenti?

Unico problema: di là delle intenzioni, forse, in viale Trastevere non hanno fatto i conti con la ritrosia dei docenti, con la presenza nelle scuole di maestri e professori che non sanno usare il personal computer e che andrebbero sensibilizzati attraverso corsi di formazione “de visu”. Il rischio è che questa iniziativa calata dall’alto resti solo sulla carta o coinvolga in maniera sperimentale solo alcune realtà quando l’intero sistema scuola, invece, avrebbe seriamente bisogno di avvicinarsi al lato scientifico – culturale dell’informatica.

  • Pingback: Il ministero dà l’ok: a scuola ci darà l’ora del codice | fbartoli_TrainingSpace()

  • chairam

    Ho letto e riletto l’articolo cercando di afferrare bene. L’impressione su questa iniziativa è di un disarmante dilettantismo. Frasi come ” dove chi sta in cattedra troverà delle lezioni interattive…” ovvero sappiamo che sei un docente che non ci capisce un’H (come fai a insegnare quello che non sai?), oppure “…lezioni senza rete che possono essere svolte senza la disponibilità di un calcolatore…” Non c’è niente che possa allontanare un ragazzino dalla programmazione più di un esercizio su carta senza computer. Da vergognarsi.

  • valerio290

    ma speriamo che non sia PASCAL ahahahah

  • Luigi Lucianetti

    Bla, bla, bla… la realtà è un’altra: mancano fondi, strutture, laboratori, computer, aule “normali” a norma, aule speciali etcc… Edifici scolastici sull’orlo di crolli etcc… Altro che “l’ora del codice”, “programma il futuro”…… qui prima c’è da “attuare” il semplice “presente” che è purtroppo un disastro………!!!!!!!!! Sveglia.!!!! …. basta sognare…!!!!!

Grazie al MIT andremo a vedere film in 3D senza usare gli occhiali

Cinema 3D è il progetto del MIT di Boston che ci permetterà di guardare film in 3D senza per forza indossare i fastidiosi occhialini. Come? sfruttando il fenomeno della parallasse e un sistema speciale di specchi e lenti.