Arriva “Dada” , la didattica in movimento targata Svezia

I ragazzi girano di aula in aula, mentre i professori li aspettano. La sperimentazione al via a Roma e in Sicilia

La Svezia fa scuola ancora una volta. La didattica che viene dal Nord Europa sta prendendo piede in Italia. Si chiama “ Dada ” e significa “didattica in ambienti di apprendimento”. Tradotto in altre parole: gli spazi diventano protagonisti, assumono una dimensione, una loro identità. Basta con le aule tutte uguali, senza carattere, senza specificità. Le classi con il metodo “Dada” diventano tematiche e i ragazzi girano di aula in aula, mentre i professori restano nello stesso spazio, ad aspettare i ragazzi al cambio dell’ora.

Children are raised hands in classroom.

L’innovativa formula è già in sperimentazione al liceo “Kennedy” di Roma e al “Labriola” di Ostia. Ma anche in Sicilia alla scuola media “Antonio Amore” di Pozzallo, la preside Mara Aldrighetti, ha deciso di combattere la dispersione scolastica dando ai ragazzi l’opportunità di “migrare” da un’aula all’altra, di mettersi in movimento.

A molti, tutto ciò, potrebbe sembrare caotico, potrebbe apparire un elemento di disordine ma chi ha già messo in atto “Dada” assicura che questo sistema garantisce una partecipazione più attiva degli studenti alla didattica e migliora la logistica e persino i costi per la scuola. Secondo la rivista “La tecnica della scuola”, l’idea della Dada è stata importata dalla Svezia, ha dimostrato insieme a degli studi sulle neuroscienze, che il movimento è un fattore vincente per l’approccio alle attività scolastiche.

Le singole aule colorate, a seconda della materia, stimolano alcuni sentimenti, agendo infatti sugli stati d’animo e migliorano la condizione mentale oltre a rendere più piacevole e felice l’esperienza a scuola”. L’applicazione di questo metodo ha dato i suoi risultati anche in Sicilia dove gli studenti sono maggiormente stimolati e in più le aule sono state personalizzate per lo studio delle materie, attrezzate con materiali specifici sempre disponibili”.

Tutto ciò ci mette di fronte alla necessità di ripensare gli spazi delle nostre scuole nell’ottica di una didattica diversa, innovativa, capace di cogliere i necessari cambiamenti della popolazione studentesca. Da troppi anni gli istituti del nostro Paese sono stati concepiti con una separazione delle aule, con un turnare degli insegnanti, con classi che dispongono i banchi nei classici modi. Il mondo degli architetti ha il dovere di fare una seria riflessione con i pedagogisti e con chi ogni giorno lavora nelle scuole per iniziare a pensare ad una progettualità diversa che metta al centro il bambino, il ragazzo, l’adolescente o il giovane.

Avere degli spazi per dei ragazzini tra i 6 e 10 anni e dei luoghi per degli studenti tra i 15 e 18 anni non è la stessa cosa. Abbiamo bisogno di una didattica che si sposi con i luoghi: avere delle aule attrezzate per ogni materia significa dare dignità a geografia, a storia, all’educazione musicale, all’educazione civica. Non ci resta che osservare con attenzione la sperimentazione messa in atto a Roma e in Sicilia per capire gli effetti di “Dada” sugli studenti.

  • Pussycat Basement

    Mi piace! Lo proporrò alla preside!

  • Pingback: Metodologia | Pearltrees()

  • Pingback: Arriva “dada” la didattica in movimento dalla Svezia | brocatok()

  • chiara tozzoli

    credo che sia decisamente un buon metodo! da applicare anche alla scuola media.

    • Franca Eletti

      Non mi sembra una grande novità in Usa lo fanno da anni.
      Con cosa la facciamo questa rivoluzione con la riforma di Renzi ? Mi sembra impossibile!

  • Alessandro Prisciandaro

    Come presidente dell’associazione educatori e pedagogisti (www.apei.it) sottolineo la necessità di un condiviso approccio multidisciplinare al problema dell’abbandono della scuola. Non si tratta di disagio psicologico o di ragazzi disturbati, é la scuola che deve cambiare e mettersi al passo dei nuovi ragazzi. Benvenuto un convegno tra architetti e pedagogisti per nuove strategie pedagogiche – ambientali.

  • Pingback: Dada, la didattica in movimento approda in Italia | Bambini News()

  • ROSA

    COME AL SOLITO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! SI PENSA SOLO DAI 6 IN SU!!!!!!!!!!! VERGOGNOSO.

  • Maura Sagretti

    Le scuole italiane cadono a pezzi e l’edilizia scolastica è ferma da anni..bisognerà in primis allinearsi agli standard internazionali..

  • Angela

    Questo metodo è in uso nel nostro Istituto già da diversi anni. Ogni aula è un laboratorio attrezzato con tutti supporti didattici utili alla materia a cui è destinata.
    Istituto tecnico commerciale e Professionale Majorana-Meucci di Acireale (CT) http://www.majorana-meucci.it/

  • giovanni nulli
  • maramder

    Peccato che al labriola non sia davvero tutto rose e fiori

  • Maria Grazia Ferraro

    Sperimentiamo questa modalità da 3 anni con le classi terze, alla scuola A.F. Celli di Latina, e posso confermare che funziona.

  • Lodo

    È dal 1910 circa che all’ITAS di Todi che gli studenti si muovono per la cittadella dall’aula di scienze a chimica a zootecnia ecc., praticamente dalla sua istituzione!

    Questi non hanno inventato un bel niente, e neanche a Roma e Ostia sperimentano nulla!

  • Anna Licenziata

    Vi faccio i miei in bocca al lupo, vi serviranno ….ogni cambio ora il caos regnerà sovrano, poi toc toc ”prof ho dimenticato il quaderno” toc toc ”prof scusi il libro” ………..la cosa grave è che i dirigenti scolastici sono vecchi e ragionano da vecchi e i ragazzi pagano il conto.

Ti potrebbe interessare anche

Niente materie, si studia per argomenti. E’ la nuova scuola finlandese

In Finlandia si sta sperimentando un metodo di insegnamento basato non sulle materie tradizionali, ma su macrotemi e argomenti

Scuola digitale e atenei tech: così l’Estonia sta crescendo la sua e-generation. Già dalla culla

E-school, università gratuita, incubatori per le startup negli atenei. Siamo andati a Tallinn per vedere come si studia nel Paese più digitale del mondo

La Finlandia abolisce la penna in classe (tra mille dubbi)

Dal 2016 in ogni classe, a partire dalla prima, non ci saranno più biro sui banchi. La scienza però ha qualche dubbio

Le finaliste di .itCup 2016: Userbot, creare Bot (intelligenti) per il Customer Support

UserBot è una soluzione che usa l’intelligenza artificiale per interagire automaticamente con i clienti sui canali digitali, creando un Bot in grado di capire il linguaggio naturale e permettendo, quindi, di diminuire i tempi e i costi relativi al Customer Support.

Un modello virtuoso di Open Innovation: l’accordo Lanieri lanifici biellesi, spiegato

Il ceo del lanificio biellese spiega la scelta della sua società di investire in una startup: «È una mossa strategica per presidiare un mercato nuovo e portare in azienda stimoli e idee che altrimenti non avremmo potuto conoscere»