Per ripartire da una scuola digitale

Domenico Aprile e Paola Lisimberti, due professori e digital champions pugliesi ci spiegano l’importante del digitale e del coinvolgimento degli alunni

La scuola è il luogo migliore dove la passione per il proprio lavoro può esplodere. E questo perché la scuola è il luogo dove i giovani e gli adulti alimentano reciprocamente i propri sogni. La scuola italiana deve imparare a volare alto e deve diventare “il” luogo dove si costruisce il futuro. In qualità di Digital Champion, essere docenti significa amplificare il potenziale di ricerca e innovazione in modo da ottenere un “effetto broadcast” verso gli studenti e, più, in generale, verso l’intera comunità scolastica.

o-SCUOLA-DIGITALE-facebook

«Intendo promuovere l’innovazione digitale nella didattica» – afferma Paola Lisimberti, DC di Ostuni (BR) – «e svolgere un ruolo di presidio umano e di ascolto per tutta la comunità cittadina su Opendata, WiFi, alfabetizzazione digitale e coding.»

«La scuola deve diventare un sistema “open”» – dichiara Domenico Aprile, DC di Caprarica di Lecce (LE) – «dove cambia il glossario: condivisione, sperimentazione, coworking, flipped classroom. Un “hub” dell’innovazione, un luogo-non-luogo ove far nascere e crescere idee capaci di generare e rigenerare le conoscenze. Un incubatore di futuro.»

Arianna Moro, alunna dei docenti Aprile e Lisimberti, è la prova che metodologie nuove consentono agli studenti di dotarsi di “life skills”, leve fondamentali per essere cittadini consapevoli ed attivi (pro-sumers) di un mondo 3.0.

Buonasera! Sono una studentessa di 17 anni e frequento il 4º liceo scientifico! Sono qui per raccontarvi una storia, una storia che vede protagonisti alcuni ragazzi e due docenti! Iniziava il 3º anno e tutti noi alunni cominciavamo scuola con la solita tristezza di chi sa che non cambierá nulla!Stessa monotonia, lezioni, compiti, studio e verifiche!L’unica cosa che sapevamo sarebbe cambiata era il nome del docente di informatica, come ogni anno, e dovevamo solo imparare un cognome nuovo. Quel docente entrò in classe, e appena varcò quella soglia tutti ci accorgemmo che non sarebbe stato come gli altri. Per lui avevamo un nome e non eravamo solo numeri di registro o cognomi privi di spessore e lui non restò per noi un cognome da aggiungere nella lista di chi andava via! Per un anno intero abbiamo condiviso tutto, ed in un solo anno siamo cambiati e cresciuti in maniera indescrivibile! Quel docente ci ha ridato il futuro, ha avuto fiducia in noi e ci ha posto di fronte ai nostri sogni dandoci il coraggio di combattere sempre per realizzarli. Ma, in quella scuola nuova per lui e troppo vecchia per noi, non era solo. Aveva accanto un’altra docente, nostra prof di italiano, vista da tutti come colei senza peli sulla lingua; che non ha paura di dire cio che non va, che non ha paura di far sentire la sua voce. Negli anni però il suo unico problema é stato aver di fronte muri insuperabili. Si è scontrata troppe volte su ideologie arcaiche condivise dalla maggioranza, eppure ha sempre espresso il suo pensiero. Ora, entrambi i prof non erano piu soli, erano due voci fuori dal coro con una fondamentale caratteristica, il totale supporto degli studenti. Con la loro forza unita alla nostra stanno cercando di cambiare, di rinnovare, di migliorare il sistema, attaccandolo dalle fondamenta. Tutte cose che sanno fare solo paura a chi non ha il coraggio di rischiare. Quei due docenti ci hanno insegnato che il primo successo è il fallimento, che non si deve aver paura di rischiare e che si deve sempre avere il coraggio di affrontare gli ostacoli. Ci hanno insegnato quanto sia bello e fondamentale il lavoro di squadra, di quanto sia possibile crescere insieme e di cosa si puo costruire con costanza, impegno, sudore, sacrifici e voglia di sognare! Quei docenti ci hanno fatto capire che la scuola siamo noi. E tra interi giorni a lavorare, pizze, panini, chiamate continue, aiuti, consigli, pianti e sorrisi sono arrivati con noi a vivere obiettivi importanti, nonostante quest’anno il muro della buro-scuola ci sia crollato addosso ponendo tra di noi una distanza esclusivamente materiale.Ecco, io volevo ringraziarli, perchè grazie a loro ora ho occhi nuovi per poter guardare il mondo, perche grazie a loro sono cresciuta e cambiata! Grazie, per la passione che avete nei vostri occhi ed in questo lavoro troppe volte sottovalutato! Grazie, perchè ci state insegnando una materia da pochi conosciuta, la vita!! Grazie Mimmo Aprileper essere entrato nella nostra vita ed averla totalmente cambiata. Per esserci accanto ogni istante con fiducia e orgoglio. Grazie Paola Lisimbertiper essere la nostra ancora e per avere sulle sue spalle tutte le responsabilitá in ogni situazione. Eh, complimenti, neo Digital Champion Italiani! Perchè questo importante e meritato traguardo segna un passo fondamentale nella vostra crescita e di conseguenza nella nostra! Vi voglio bene! Fiera ed orgogliosa di voi.

di Domenico Aprile e Paola Lisimberti

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo