Classi smart e pedoni intelligenti tra i talenti del Meet No Neet

Alla scoperta dei talenti: i vincitori della seconda edizione del programma promosso da Microsoft e Fondazione Mondo Digitale

Sul palco della sala conferenze di Microsoft Italia gli studenti vincitori dell’ultima edizione 2014 di Discovering Talents’ Fair si raccontano al mondo delle aziende con un pitch di cinque minuti. In platea Ikea, Avanade, Asus, Social Techno e Garoo per dare un contributo concreto al futuro dei giovani. È successo il 5 febbraio a Peschiera Borromeo alle porte di Milano.

neet

“Investire nei giovani è cruciale per la crescita del nostro Paese. Attraverso il programma YouthSpark, che ha già raggiunto più di 700mila ragazzi e ragazze in tutta Italia e con un partner di valore come Fondazione Mondo Digitale, in Microsoft intendiamo supportare i giovani affinchè possano cogliere tutte le potenzialità del digitale per costruire il proprio futuro professionale. Discovering Talents’ Fair ci ha permesso oggi di premiare dei veri talenti, e sono certo che la collaborazione con Fondazione Mondo Digitale continuerà a riservarci grandi soddisfazioni”dichiara Carlo Purassanta, Amministratore Delegato di Microsoft Italia.

Il progetto, promosso da Fondazione Mondo Digitale e Microsoft nell’ambito del programma globale YouthSpark, si rivolge a 10mila giovani italiani tra i 16 e i 24 anni per fornire loro strumenti innovativi e competenze per entrare nel mondo del lavoro attraverso un processo di innovazione a tutto campo: dalla formazione esperienziale al project management, passando per l’autoimprenditorialità.

I vincitori oggi hanno avuto la possibilità di raccontare il proprio talento alle aziende durante la Discovering Talents Fair. Sono gli studenti di cinque scuole con idee imprenditoriali eccellenti: dalla Smart Class dell’Istituto Marconi di Catania che si autoalimenta energeticamente, alla Talents’ App del Liceo scientifico Marconi di Pesaro che riunisce i giovani talenti in uno spazio allo stesso tempo reale e virtuale. Ma il talento continua con The Voice of the Park dell’Istituto via Silvestri 301 di Roma in grado di dare le informazioni ai visitatori attraverso uno smartphone, l’associazione MILVA che offre lavoro agli ex alunni della scuola Ipsia Pacinotti di Pontedera (Pisa) ed il sistema intelligente di attraversamento pedonale Helpdegal costruito dai ragazzi dell’Istituto Fermi-Mattei di Isernia.

“Alcuni studiosi stimano che il 65 per cento dei bambini che entrano ora nella scuola primaria finiranno per fare un lavoro che non è stato ancora inventato. Con questo progetto affrontate la complessità e acquisite le competenze chiave per costruire il vostro futuro”, spiega ai giovani Alfonso Molina, professore di Strategie delle tecnologie all’Università di Edimburgo e direttore scientifico della Fondazione Mondo Digitale.

All’evento hanno partecipato anche Paola Andreozzi, responsabile CSR Microsoft Italia, Roberta Cocco, National Plan Director Western Europe Microsoft,  Mirta Michilli, direttore generale della Fondazione Mondo Digitale e i referenti delle aziende: Valerio di Bussolo, corporate PR Manager IKEA Italia Retail srl, Gemma Fiorentino, Marketing & Communication Lead Avanade Italy, Manuela Lavezzari, Marketing Manager Asus, Davide Minelli, direttore SocialTechno impresa sociale srl, Alessandro De Grandi, CEO & Development Executive Garoo, Sara Cassina, PR Executive Garoo.

Trackbacks/Pingbacks

  1.  Istituto Statale di Istruzione Superiore "FERMI – MATTEI" » Blog Archive » “Meet no Neet”: la nostra Scuola premiata a Milano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Banca etica stanzia 90K per progetti di promozione culturale (per il crowdfunding)

Fino al 26 maggio è possibile partecipare alla selezione di 15 progetti da inserire sulla piattaforma di Produzioni dal Basso. Il bando è aperto a proposte di produzioni culturali che promuovono la sostenibilità sociale, ambientale o nuove forme di cittadinanza attiva

Ocean Cleanup ripulirà il Pacifico dalla plastica a partire dal 2018

La startup di Boyan Slat ha implementato una barriera galleggiane in grado di concentrare tutto l’inquinamento plastico e permetterne il recupero. Il sistema sarà impiegato nel Great Pacific Garbage Patch, uno dei più consistenti accumuli di immondizia marina al mondo

Impact Hub Milano cerca 5 startup a impatto sociale. IHM Acceleration

Fino al 25 giugno l’incubatore milanese concentrato sull’impact investing seleziona i cinque migliori progetti d’impresa nel campo dell’impatto sociale e ambientale e beneficiare di risorse in denaro e servizi in cambio di equity