Tim Ventures investe 200mila euro nell’e-learning di Oil Project

Su Twitter è stata data la notizia del finanziamento da parte di Telecom della piattaforma di e-learning, Oil Project, di Marco De Rossi. Ecco come funziona

Sull’account Twitter della società di investimento legata a Telecom italia è stato comunicato che il 12 febbraio Oil Project, piattaforma web per l’apprendimento, ha ricevuto un finanziamento di 200mila euro.

Si tratta del quarto investimento dal 27 Novembre scorso da parte di Tim Ventures, che ha in portfolio le startup Wiman che ha ricevuto un investimento di 700K, Pedius con circa 410k ed Eco4Cloud da 250k di finanziamento.

salvo mizzi

Cos’è Oil Project?

Si tratta di una piattaforma online per l’insegnamento e l’apprendimento delle materie più disparate, visitata da circa un milione di studenti al mese. Non si tratta di un semplice contenitore di versioni di latino e greco già tradotte o esercizi di matematica svolti. Oil Porject l’utente può beneficiare di una vera e propria piattaforma di e-learning, supportata da una forte community che offre videolezioni, testi ed prove online. A questo scopo loro stessi si definiscono come una scuola gratuita online gestita da studenti e aperta a tutti. Si possono trovare lezioni online per un apprendimento 7 giorni su 7 e 24 ore su 24.

Come è nata?

Fondata nel 2012 da Marco De Rossi, è stata poi selezionata da Working Capital di Telecom Italia, e ad oggi si può considerare come il più grande progetto di free e-learning italiano, che prende ispirazione dai progetti internazionali Coursera e KhanAcademy.

Come funziona?

Su OilProject l’utente può inziare immediatamente a seguire le lezioni ed iscriversi ai corsi online. La logica della community riguarda ogni aspetto della piattaforma, tanto che ogni studente avrà la possibilità di ricevere gli aggiornamenti dei propri compagni di classe e professori che navigano sulla piattaforma, scoprendo cosa stanno studiando o insegnando. Ogni attività sulla piattaforma, come seguire lezioni o dare risposte corrette, fa guadagnare dei punti che determineranno la classifica degli utenti più influenti ed “affidabili” nel dare risposte alla community.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti