Google e Disney insieme con un cartoon sul coding per i bambini

Si chiama “Miles from tomorrowland”, protagonista una famiglia che vive nello spazio. Miles è un bambino avventuriero e sua sorella Loretta è un esperta di programmazione

Il colosso del web e il gigante dell’animazione si sono uniti per conquistare il mondo dell’infanzia. Google e Disney hanno collaborato in un nuovo cartone animato che mira ad avvicinare i bambini al mondo dell’informatica e del coding. Il cartone si chiama “Miles from tomorrowland” ed è una serie che ha per protagonista il piccolo Miles Callisto, un bambino amante dell’avventura che vive con la famiglia nello spazio. Miles ha una sorella maggiore, Loretta, che è il vero fulcro della strategia messa in campo dal binomio Google-Disney per far innamorare i bambini (e in particolar modo le bambine) della programmazione.

coding

Loretta è, infatti, una ragazza bravissima nello sviluppare codici, e – come dice la descrizione Disney – “ha la risposta a tutte le domande dell’universo nel suo braccialetto” che poi sarebbe una specie di wearable. Grazie ai codici Loretta porta a termine le avventure che si susseguono nei vari episodi, risolve i problemi e scopre nuovi pianeti. Il messaggio della serie è proprio questo: grazie alla programmazione si può risolvere qualsiasi enigma, si può fare qualsiasi cosa.

La scelta di far interpretare alla ragazza il ruolo di esperta di coding non è casuale: secondo Google mostrare l’esempio positivo di una figura femminile che ha successo nel mondo dell’informatica serve a sfatare la percezione diffusa che questo mondo sia riservato solo agli uomini. La serie è in onda da pochi giorni negli Stati Uniti e non si sa se verrà trasmessa anche in Europa.

Sembra che ogni generazione sia destinata ad avere la sua famiglia spaziale. Negli anni ’60, e poi anche negli ’80, avevamo le avventure dei “The Jetsons”. Mentre prima, però, si mirava a stupire con la fantasia di avventure intergalattiche, la tendenza, oggi, è rendere tutto il più reale possibile. I creatori di “Miles from tomorrowland”, infatti, hanno interpellato esperti della Nasa, della Società del turismo spaziale e di Google per rendere quanto più credibile possibile la serie: anche perché ai giorni nostri, rispetto agli anni ’60, con i progressi della tecnologie molte cose sono davvero alla portata di tutti. Perfino lo spazio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito