Google e Disney insieme con un cartoon sul coding per i bambini

Si chiama “Miles from tomorrowland”, protagonista una famiglia che vive nello spazio. Miles è un bambino avventuriero e sua sorella Loretta è un esperta di programmazione

Il colosso del web e il gigante dell’animazione si sono uniti per conquistare il mondo dell’infanzia. Google e Disney hanno collaborato in un nuovo cartone animato che mira ad avvicinare i bambini al mondo dell’informatica e del coding. Il cartone si chiama “Miles from tomorrowland” ed è una serie che ha per protagonista il piccolo Miles Callisto, un bambino amante dell’avventura che vive con la famiglia nello spazio. Miles ha una sorella maggiore, Loretta, che è il vero fulcro della strategia messa in campo dal binomio Google-Disney per far innamorare i bambini (e in particolar modo le bambine) della programmazione.

coding

Loretta è, infatti, una ragazza bravissima nello sviluppare codici, e – come dice la descrizione Disney – “ha la risposta a tutte le domande dell’universo nel suo braccialetto” che poi sarebbe una specie di wearable. Grazie ai codici Loretta porta a termine le avventure che si susseguono nei vari episodi, risolve i problemi e scopre nuovi pianeti. Il messaggio della serie è proprio questo: grazie alla programmazione si può risolvere qualsiasi enigma, si può fare qualsiasi cosa.

La scelta di far interpretare alla ragazza il ruolo di esperta di coding non è casuale: secondo Google mostrare l’esempio positivo di una figura femminile che ha successo nel mondo dell’informatica serve a sfatare la percezione diffusa che questo mondo sia riservato solo agli uomini. La serie è in onda da pochi giorni negli Stati Uniti e non si sa se verrà trasmessa anche in Europa.

Sembra che ogni generazione sia destinata ad avere la sua famiglia spaziale. Negli anni ’60, e poi anche negli ’80, avevamo le avventure dei “The Jetsons”. Mentre prima, però, si mirava a stupire con la fantasia di avventure intergalattiche, la tendenza, oggi, è rendere tutto il più reale possibile. I creatori di “Miles from tomorrowland”, infatti, hanno interpellato esperti della Nasa, della Società del turismo spaziale e di Google per rendere quanto più credibile possibile la serie: anche perché ai giorni nostri, rispetto agli anni ’60, con i progressi della tecnologie molte cose sono davvero alla portata di tutti. Perfino lo spazio.

Il motore di ricerca della moda cresce e aggiunge altre città | Papèm

La startup, guidata da Alberto Lo Bue e Carlo Alberto Lipari, dopo aver ricevuto il premio Endeavor ai MYllennium awards, ha annunciato che l’espansione non si fermerà fino a quando Papèm non sarà presente in ogni angolo di tutte le città

SeaSeeker, la maschera realizzata con Snapchat che scatta foto sott’acqua

È la versione subacquea degli occhiali Spectacles del social network del fantasmino. Può essere immersa per 30 minuti e fino a 45 metri di profondità per regalare ai turisti ricordi esclusivi delle loro esperienze in vacanza

Efficienza energetica in edilizia. La call di Klimahouse Startup Award

C’è tempo fino al 20 novembre per partecipare alla seconda edizione della call per startup europee attive nell’ambito delle tecnologie legate allo smart building, allo smart living e alla smart city che mettano al centro del proprio operato la sintonia tra uomo e natura

Prodotti tech certificati in base alla (cyber) sicurezza | La proposta di Andrus Ansip

Il vicepresidente della Commissione europea pensa ad una rete di uffici di cybersecurity diffusi in tutti gli Stati dell’Unione, incentrati sulla certificazione delle misure di sicurezza informatica attuate dai prodotti