A lezione di coding: in 2 mila scuole si impara a programmare

Il progetto “Programma il Futuro” del Miur ha coinvolto 290 mila studenti nei primi 4 mesi. Ma Internet troppo lento e il materiale in inglese ostacolano i docenti


Il coding si fa strada nella scuola italiana. In attesa di conoscere i dettagli della riforma della scuola, sono stati pubblicati i numeri del progetto del Miur per portare la programmazione nell’orario scolastico. Tra le attività previste da “La buona scuola”, infatti, c’è “Programma il futuro”, avviato lo scorso settembre e presentato ufficialmente a dicembre dal ministro dell’Istruzione Stefania Giannini. Da un primo monitoraggio, che ha analizzato il periodo dall’avvio del progetto a gennaio 2015, emergono numeri positivi. Programma il futuro ha raccolto adesioni da quasi 2 mila scuole italiane, coinvolgendo 290 mila studenti. Oltre la metà degli istituti aderenti sono scuole elementari.

coding

 

Il progetto è stato realizzato dal Miur in collaborazione con il Cini (il Consorzio Interuniversitario nazionale per l’informatica) per implementare l’informatica a scuola. Il Cini ha anche partecipato alla realizzazione del monitoraggio dei primi mesi del progetto. Ma veniamo ai numeri.

A portare il coding tra i banchi sono state in primo luogo le scuole primarie con il 55% delle adesioni, seguite dalle medie (28%) e dalle superiori (15%). Le regioni con più partecipanti sono state la Lombardia, la Puglia e l’Emilia Romagna: tuttavia, essendo queste regioni molto popolose, è utile guardare agli indici che indicano il rapporto tra la percentuale di partecipazione e la percentuale di popolazione per capire quali sono le regioni che hanno aderito più attivamente. Ebbene, in queste statistiche è il centro a risultare più attento ad organizzare le ore di informatica, con l’Umbria in prima fila, seguita dalla Basilicata e dal Molise.

Programma il futuro ha una durata triennale e proseguirà per tutto l’anno scolastico con la possibilità per gli istituti di iscriversi ancora; nel periodo di avvio hanno svolto attività di formazione culturale all’informatica 1.911 scuole, 14.948 classi e 290.516 studenti.

Molti partecipanti (il 72%) hanno usato il servizio di supporto offerto dal progetto, che prevede una rete di volontari qualificati inviati dal ministero in ausilio a quelle classi con esigenze particolari, ritenendolo per lo più adeguato. L’11,7% dei docenti intervistati ha ammesso di aver riscontrato delle difficoltà nel portare avanti le ore dedicate all’informatica. Per un terzo di loro le difficoltà sono ascrivibili a una cattiva connessione a Internet nella scuola, per un 17% alla scarsa strumentazione, il 16% ha avuto problemi con la lingua inglese e il 12% con la comprensione dell’organizzazione del materiale didattico.

Se Trump è alla Casa Bianca non è merito delle bufale sul web, dice questo studio di Stanford

Secondo una ricerca condotta da due economisti della Stanford University e della New York University, le bufale condivise sui social nel periodo pre-elettorale non sono state decisive nell’elezione di Donald Trump alla Casa Bianca: le persone nemmeno le ricordavano

UberEats si espande su Milano, nuove zone servite da Città Studi a NoLo

A due mesi dal lancio il food delivery di Uber amplia l’area coperta e i confini della consegna a domicilio dei piatti dei migliori ristoranti e locali milanesi. Il servizio si lancia oltre l’area della Circolare esterna, arrivando così a includere quartieri come Città Studi, San Siro, Portello, NoLo e la Maggiolina

Intesa Sanpaolo e Federico II creano un hub per fare open innovation al Sud

Il progetto del Gruppo Intesa, all’interno del Campus che ospita la iOs Academy di Apple, vuole creare sinergie tra l’Università e imprese. Due gli obiettivi principali del nuovo polo: ridurre la disoccupazione e fermare la fuga dei cervelli