A Orvieto un campus modello Google: tra robot e baby park

Vetrya ha aperto un corporate campus all’avanguardia, dove il lavoro incontra la formazione e dove le mamme possono portare i figli in ufficio grazie all’area dedicata all’infanzia

Un campus da 20 mila metri quadri, dove lavorare all’innovazione. Un posto per far crescere i talenti, con aree dove studiare, svagarsi, allenarsi, circondato dal verde e  arricchito da un asilo per le dipendenti con bambini. Una volta tanto, non siamo in Silicon Valley. Siamo a Orvieto, nel cuore dell’Umbria, anzi, come precisano sul sito del Corporate campus Vetrya, siamo “nell’esatto centro geografico dell’Italia”. Il Gruppo Vetrya, nato nel 2010, si occupa di innovazione nel campo del broadband, delle telecomunicazioni, del content management, e del mobile entertainment. Produce piattaforme e tecnologie per multi schermi, dispositivi mobili, smart tv, e OTT (cioè imprese che operano sopra le reti, per la trasmissione di contenuti audio-video con internet). Ora Vetrya ha aperto un campus aziendale per favorire l’incontro tra lavoro e università (e dove tutelare anche l’infanzia).

vetrya

Vetrya lavora sulla convergenza: tra contenuti e comunicazioni, fisse, o mobili. Luca Tomassini e Katia Sagrafena, fondatori dell’azienda, hanno fatto una scelta in controtendenza. Invece di far nascere la società nei grandi centri, Roma o Milano, hanno scelto Orvieto. “Per ragioni di qualità della vita: qui è tutto meno caotico, più tranquillo. E poi ci occupiamo di digitale: lo possiamo fare da qualsiasi posto” spiega Katia Sagrafena. E qui, tra le colline umbre, è nata una società che nei primi 4 anni è cresciuta del 400%, dando lavoro a molti giovani programmatori e ingegneri informatici (oggi ci sono 63 dipendenti). “Per loro abbiamo pensato al campus. L’idea è nata da un viaggio negli Stati Uniti nell’estate 2013. Abbiamo visitato la sede di Google e abbiamo pensato: facciamolo anche noi a Orvieto”. Detto, fatto. I lavori sono partiti ad aprile 2014 e ora il campus è completamente funzionale.

Lavoro e formazione

Secondo Katia Sagrafena il campus è un luogo “per la contaminazione”. Al primo piano c’è l’area di lavoro ma non solo: una parte del campus è dedicata alle collaborazioni con le università. Non è la prima volta che Vetrya tende la mano al mondo dell’educazione. Lo scorso anno aveva stipulato un accordo per portare dispositivi tecnologici sui banchi della scuola media “Signorelli” di Orvieto e altri istituti umbri. La sfera della formazione, soprattutto quella universitaria è importante per l’azienda che fatica a trovare sul territorio le persone da assumere. “Dall’Umbria mi arrivano tantissimi curricula con specializzazioni in marketing, ma pochi in programmazione o ingegneria informatica”. Le collaborazioni con l’università, dunque, serviranno non solo come formazione ai dipendenti già assunti, ma anche per l’inserimento di nuovo personale.

vetrya

Ecosostenibilità e Baby-park

Risparmio dei consumi e rispetto per l’ambiente. Il campus è illuminato completamente con tecnologia Led a basso consumo, e mette a disposizione veicoli elettrici Bmw i3, ricaricati con il sistema “vetrya power” a energia solare. Il campus è una struttura full digital, l’accesso alla rete internet avviene con collegamento diretto in fibra al nodo principale italiano. L’intera area è coperta da connettività wireless e dentro la struttura ci sono robot interattivi a disposizione del personale che permettono di effettuare videoconferenze, inviare videomessaggi e prenotare i servizi del campus. Il fiore all’occhiello della struttura, però, è un’area dedicata all’infanzia. Nella migliore tradizione nordica, ma anche statunitense (ricordate che Marissa Meyer, Ad di Yahoo!, si era fatta mettere un asilo personale in ufficio?), alla Vetrya hanno pensato a qualcosa che, come sottolinea Sagrafena, “fa veramente la differenza”. Un’area aperta tutto il giorno, che accoglie piccoli dai 13 mesi a 10 anni, che offre un servizio di asilo nido e di doposcuola per i figli dei dipendenti. “Recentemente abbiamo assunto mamme con bambini nati da meno di un anno, e ci è sembrato giusto offrire loro un luogo per avere i propri figli sempre vicino, nelle mani di persone competenti che li coinvolgono in giochi e varie attività”. L’attenzione alla qualità della vita dei dipendenti ha dato i suoi frutti: Vetrya è stata l’unica azienda italiana non multinazionale a vincere il riconoscimento del “Great Place to Work” per il 2015.

vetrya

4 Commenti a “A Orvieto un campus modello Google: tra robot e baby park”

  1. +++ AmazingDomains.CO +++

    bel posto, ma il paragone con Google mi sembra esagerato, anche perché l’aspetto esterno è più da negozio di mobili mentre i big del settore creano architetture avveniristiche, dal “disco volante” di Apple in costruzione a Cupertino alla futura “cupola trasparente” (un ossimoro?) di Google

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Imparare a guidare con la realtà virtuale e aumentata. Il progetto di Guida e Vai

Salvatore Ambrosino, cofondatore e direttore commerciale di Guida e Vai, ha ideato un nuovo sistema di insegnamento per preparare all’esame di teoria le nuove generazioni. I ragazzi potranno simulare con smartphone e visore le situazioni che potrebbero incontrare su strada

Il food italiano parte alla conquista della Cina con la startup Ventuno

Le sorelle Di Franco hanno inventato un modo per presentare l’italian food all’estero: eleganti box a tema regionale con prodotti locali. E ora la piattaforma sarà una delle dieci finaliste dell’Italian Scaleup Initiative in China

Hephaestus Venture, il fondo che porta le startup italiane in Brasile

Il fondo ha la missione di supportare le startup nei processi di internazionalizzazione verso il Brasile, un mercato emergente e in forte crescita, se si pensa che il 57.4% dei finanziamenti in America Latina si concentra in questo Paese.

Cyber-Diplomacy | Che cos’è e qual è il ruolo dell’Italia (nel G7)

Le relazioni internazionali sono chiamate ad avere un ruolo specializzato al Cyber Spazio e devono agire al suo interno per supportare il complesso di accordi e regole di carattere internazionale oggi ancora incompleto in proposito