I Mooc europei in un’unica piattaforma: ecco il progetto Emma

Emma è la prima piattaforma che aggrega i Mooc, cioè i corsi online aperti a tutti, di università e istituti europei. Capofila del progetto l’Università Federico II di Napoli

In Italia ancora non sono così diffusi, ma le università europee hanno fiutato le enormi potenzialità dei Mooc, acronimo che sta per Massive Open Online Courses, ovvero corsi online aperti a tutti. E si sono date da fare: tantissimi paesi europei hanno creato una propria piattaforma nazionale per aggregare e distribuire i Mooc. In Italia una piattaforma nazionale ancora non c’è. Tuttavia è italiana l’università capofila del progetto EMMA (European Multiple Mooc Aggregator), la piattaforma che aggrega i Mooc europei e li rende disponibili gratuitamente a tutti. Emma è un progetto pilota di 30 mesi finanziato dall’Unione Europea, lanciato nell’autunno del 2014, e l’università che l’ha condotto è stata la Federico II di Napoli attraverso il Federica Web Learning team.

mooc

“Ci sono due cose che differenziano le piattaforme Mooc europee da quelle americane. La prima è il multilinguismo e la seconda è la possibilità di cross-culturalità” spiega Eleonora Pantò, Presidente dell’Associazione Europea Media e Learning Program Developer presso il CSP di Torino, che lavora al progetto Emma. “Nel costruire la piattaforma Emma abbiamo inserito il servizio di traduzione automatica, per offrire quel multilinguismo necessario a una fruizione europea”. Un altro aspetto del progetto Emma è la possibilità di contaminazione tra contenuti diversi. “Volevamo consentire agli studenti di costruire dei percorsi autonomi di apprendimento, magari prendendo un pezzo da un corso e un pezzo da un altro. Insomma, – continua Eleonora Pantò – permetter loro di essere trasversali nelle materie, e quindi nella cultura”.

Nel mese di ottobre sono partiti i primi 7 Mooc, in questo mese ne partiranno altri 6. Le materie sono veramente disparate: si va dai corsi più strettamente legati alla tecnologia al corso tenuto dall’Università del vino di Borgogna, che partirà il prossimo maggio. I Mooc sono aperti a tutti gli studenti del mondo, e durano dalle 6 alle 8 settimane.

La piattaforma Emma è finanziata dal Competitiveness and Innovation Framework Programme dell’Unione Europea e dagli enti aderenti. Il progetto coinvolge tre “open university”, cioè università che, a differenza sia dagli istituti tradizionali sia dalle università telematiche, si basano sul concetto di apprendimento continuo: l’Universitat Oberta De Catalunya in Spagna, la Open Universiteit Nederland nei Paesi Bassi e l’Universidade Aberta in Portogallo. Quattro sono le università tradizionali: University of Leicester nel regno Unito, l’Université de Bourgogne in Francia, l’Università di Tallin, in Estonia, e l’Universitat Politècnica di València, in Spagna. “Emma è aperta a tutte le università italiane e ai docenti che vogliono aderire gratuitamente” sottolinea ancora Pantò, i criteri e le condizioni sono consultabili dal sito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

Book in Progress si evolve, ora punta all’e-learning

Salvatore Giuliano: “Book in progress è a una svolta, apriremo piattaforme per la creazione e la condivisione di contenuti, per portare la didattica online”

Cos’è l’M-Learning e perché cambierà tutto nella didattica

Il professore Strano racconta il progetto Isitgoonair che propone una didattica innovativa con l’obiettivo di valorizzare le potenzialità della rete

Perché (e quanto) le banche hanno bisogno del fintech, secondo Borsadelcredito.it

La disintermediazione sta costringendo le banche a reinventare i loro servizi, andare incontro alle aspettative del consumatore e avvicinarsi, in qualche modo, al fintech. Le ragioni e i passi da compiere nel commento di Antonio Lafiosca, Coo di Borsadelcredito.it

Ricatti, usb infette e password banali: il pericolo cresce in azienda

Il 60 per cento di tutti gli attacchi informatici è perpetrato dal personale e 1 su 4 di questi attacchi è accidentale. I dipendenti cliccano per un allarmante 23 per cento del tempo su email di phishing