I Mooc europei in un’unica piattaforma: ecco il progetto Emma

Emma è la prima piattaforma che aggrega i Mooc, cioè i corsi online aperti a tutti, di università e istituti europei. Capofila del progetto l’Università Federico II di Napoli

In Italia ancora non sono così diffusi, ma le università europee hanno fiutato le enormi potenzialità dei Mooc, acronimo che sta per Massive Open Online Courses, ovvero corsi online aperti a tutti. E si sono date da fare: tantissimi paesi europei hanno creato una propria piattaforma nazionale per aggregare e distribuire i Mooc. In Italia una piattaforma nazionale ancora non c’è. Tuttavia è italiana l’università capofila del progetto EMMA (European Multiple Mooc Aggregator), la piattaforma che aggrega i Mooc europei e li rende disponibili gratuitamente a tutti. Emma è un progetto pilota di 30 mesi finanziato dall’Unione Europea, lanciato nell’autunno del 2014, e l’università che l’ha condotto è stata la Federico II di Napoli attraverso il Federica Web Learning team.

mooc

“Ci sono due cose che differenziano le piattaforme Mooc europee da quelle americane. La prima è il multilinguismo e la seconda è la possibilità di cross-culturalità” spiega Eleonora Pantò, Presidente dell’Associazione Europea Media e Learning Program Developer presso il CSP di Torino, che lavora al progetto Emma. “Nel costruire la piattaforma Emma abbiamo inserito il servizio di traduzione automatica, per offrire quel multilinguismo necessario a una fruizione europea”. Un altro aspetto del progetto Emma è la possibilità di contaminazione tra contenuti diversi. “Volevamo consentire agli studenti di costruire dei percorsi autonomi di apprendimento, magari prendendo un pezzo da un corso e un pezzo da un altro. Insomma, – continua Eleonora Pantò – permetter loro di essere trasversali nelle materie, e quindi nella cultura”.

Nel mese di ottobre sono partiti i primi 7 Mooc, in questo mese ne partiranno altri 6. Le materie sono veramente disparate: si va dai corsi più strettamente legati alla tecnologia al corso tenuto dall’Università del vino di Borgogna, che partirà il prossimo maggio. I Mooc sono aperti a tutti gli studenti del mondo, e durano dalle 6 alle 8 settimane.

La piattaforma Emma è finanziata dal Competitiveness and Innovation Framework Programme dell’Unione Europea e dagli enti aderenti. Il progetto coinvolge tre “open university”, cioè università che, a differenza sia dagli istituti tradizionali sia dalle università telematiche, si basano sul concetto di apprendimento continuo: l’Universitat Oberta De Catalunya in Spagna, la Open Universiteit Nederland nei Paesi Bassi e l’Universidade Aberta in Portogallo. Quattro sono le università tradizionali: University of Leicester nel regno Unito, l’Université de Bourgogne in Francia, l’Università di Tallin, in Estonia, e l’Universitat Politècnica di València, in Spagna. “Emma è aperta a tutte le università italiane e ai docenti che vogliono aderire gratuitamente” sottolinea ancora Pantò, i criteri e le condizioni sono consultabili dal sito.

Ti potrebbe interessare anche

“L’impresa è come l’inglese: va insegnata a scuola”

Parla Miriam Cresta, Ceo di Junior Achievement Italia. L’organizzazione non profit parteciperà al GEC 2015 con un evento sull’imprenditoria a scuola che riunirà a Milano 150 insegnanti

Book in Progress si evolve, ora punta all’e-learning

Salvatore Giuliano: “Book in progress è a una svolta, apriremo piattaforme per la creazione e la condivisione di contenuti, per portare la didattica online”

Cos’è l’M-Learning e perché cambierà tutto nella didattica

Il professore Strano racconta il progetto Isitgoonair che propone una didattica innovativa con l’obiettivo di valorizzare le potenzialità della rete

Al via a Milano la Fashion Week. Cinque startup che vogliono innovare nella moda

Dal 20 al 25 settembre nel capoluogo lombardo eventi e passerelle per mettere in mostra le ultime tendenze in fatto di abiti, scarpe e accessori. Ma non bisogna perdere di vista chi cerca di modernizzare il settore con la tecnologia. Qui qualche esempio

A ottobre debutta Aml bitcoin, la criptovaluta che contrasta i crimini finanziari

Marcus Andrade ha proposto di introdurre questa modalità di pagamento nel porto di San Francisco. La trasparenza e la sicurezza garantite dal sistema hanno attirato l’attenzione delle istituzioni negli Stati Uniti che potrebbero portare alla sua legittimazione

Il brevetto di Harvard arriva in Italia con la batteria di Green Energy Storage

Il sistema, basato su una molecola estraibile dai vegetali, consente di accumulare energia, riducendo l’impatto ambientale e i costi di produzione. L’idea di business è diventata un caso di successo anche per l’overfunding su Mamacrowd

Food delivery, cosa ordinano gli studenti | La ricerca

Al vertice delle preferenze svettano i piatti americani seguiti dalla cucina asiatica e da quella italiana. In Italia trionfano pizza, burger e sushi. E il 75% spende oltre 20 euro per un ordine

L’Open Innovation Contest 2018 di NTT Data fa tappa anche in Italia

Aperte fino al 10 ottobre le candidature per le startup che vogliano partecipare al processo di selezione italiano. Dieci imprese si presenteranno al pitch day del 16 febbraio 2018 a Milano e una sola arriverà alla finale del 22 marzo 2018 a Tokyo